Consejo elección a todos los italianos residentes en el extranjero : Argentina Indymedia (( i ))
CMIargentina.indymedia.org Dijimos Nunca Más. ¿Donde está Julio López?
Quienes somos Contacto Subscripciones Calendario Donaciones Publicar
en negroen blancoen rojoayuda temas

Translate this page using Google:


Sindicacion
Sindicacion


New Global Vision
versión para imprimir - envía este articulo por e-mail

Consejo elección a todos los italianos residentes en el extranjero
Por by grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:18 PM

I S T R U Z I O N I per l' uso Elezioni politiche 24 -25 Febbraio 2013 --------xxx---------------------------------xxxxx--------- I N S T R U C C I O N E S para el uso Elecciones 24-25 febrero, 2013

Consejo elección a t...
image002.jpg, image/jpeg, 640x480

Queridos amigos y amigas con los ciudadanos italianos residentes en el extranjero que desea darle un consejo electoral, en este momento tan crucial para el futuro de nuestro hermoso país, para que pueda superar esta crisis tiene sus raíces en décadas de mal gobierno, corruzzione, colusión mafia , los residuos, la mala política y la administración publica, sobornos ... Usted puede haber notado que ya antes el gobierno Monti durante al menos dos décadas, nuestro país se está hundiendo? Usted lo sabía incluso antes de tangentopoli y las manos limpias ... buscar en Internet las declaraciones de la "ex primer ministro Bettino Craxi y ver lo que dijo acerca de los sobornos, los residuos, la connivencia política con la Mafia, la adquisición con fondos públicos a los partidos políticos y ...

Pero vio que desde hace 3 años, incluso antes de la expulsión por el gobierno de Silvio Berlusconi, uno de los bunga bunga así decirlo, la izquierda política (el PD fiesta sólo para saber) cómo el PDL (de derecha) como l '(UDC partido demócrata inspiración centro y el centro católico) como el "IDV Antonio di Pietro y también la Liga de Bossi Lombardía .... por lo que para algunos ejemplos ricordarvene pero cientos ... protagonizzato tienen los peores escándalos de corrupción, el robo, el soborno, la inmoralidad sexual, etc. ... pensar un poco a la Puerta de Rubi por ejemplo ...

Sólo yo y mi familia aquí en Uruguay nuestra elección que hemos hecho: la nueva gente, la elección de la Internet para un radicalmente nuevo.
Les pido, pero si usted nunca ha estado en la política antes son de fiar?

Sí, también por la derecha hasta el centro y la izquierda están robando mucho.

Saludos y hasta pronto!

Forza Italia.
Fuerza Beppe Grillo movimiento de cambio real
Cinco estrellas.

Un italiano all 'Estero
pero todavía
Un verdadero italiano.


Consejo elección a todos los italianos residentes en el extranjero
http://www.indymedia.ie/article/103261

Movimento Cinque Stelle
http://www.beppegrillo.it/movimento/

Movimento Cinque Stelle Estero
http://www.beppegrillo.it/movimento/

Movimento Cinque Stelle America Meridionale
http://www.movimentocinquestelle.eu/candidati/america-m...nale/

--------------------------------x---------------------------------x----------------------------------x------------------------------------------x-----------------------------------------x----------

agrega un comentario


Votando Movimento 5 Stelle
Por by grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:18 PM

Votando Movimento 5 ...
image003.jpg, image/jpeg, 640x480

agrega un comentario


Votando Movimento 5 Stelle
Por by grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:18 PM

Votando Movimento 5 ...
image004.jpg, image/jpeg, 640x480

agrega un comentario


Votando Movimento 5 Stelle
Por by grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:18 PM

Votando Movimento 5 ...
image009z.jpg, image/jpeg, 640x480

agrega un comentario


Votando Movimento 5 Stelle
Por by grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:18 PM

Votando Movimento 5 ...
image009zz.jpg, image/jpeg, 640x480

agrega un comentario


Aclaración
Por by grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:21 PM

Yo tengo parientes y familiares en Uruguay pero soy de Mar del Plata y vivo en Argentina.

Salu2

agrega un comentario


Forza Beppe Grillo Forza Italia
Por by grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:35 PM

Forza Beppe Grillo F...
movimento_5_stelle_ora_puoi_tornare_a_sperare__torna_a_votare.jpg, image/jpeg, 1600x1600

Movimento 5 stelle ora puoi tornare a sperare, torna a votare

agrega un comentario


Nueva politica para viejos problemas
Por grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:41 PM

Nueva politica para ...
movimento_5_stelle_ora_puoi_tornare_a_sperare__torna_a_votare_f.jpg, image/jpeg, 640x476

America meridionale
Sito: http://www.am5stelle.org
Gruppo Facebook America del Sud: http://www.facebook.com/groups/129491193870522
MeetUp: http://www.meetup.com/Americameridionale

Candidati portavoce alla Camera dei deputati

agrega un comentario


programa MoVimiento 5 Estrellas
Por grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:52 PM

programa MoVimiento ...
movimento_5_stelle_ora_puoi_tornare_a_sperare__torna_a_votare_d.jpg, image/jpeg, 1000x707

Programma
Il MoVimento 5 Stelle è una libera associazione di cittadini. Non è un partito politico nè si intende che lo diventi in futuro. Non ideologie di sinistra o di destra, ma idee.

Il Movimento 5 Stelle si basa su un regolamento, detto “non-Statuto“.

scarica il non-statuto
http://www.beppegrillo.it/iniziative/movimentocinquestelle/Regolamento-Movimento-5-Stelle.pdf

Il programma del Movimento 5 Stelle è in continua evoluzione, viene ampliato e modificato dai cittadini stessi iscritti al movimento.

scarica il programma (e diffondilo!)
http://www.beppegrillo.it/iniziative/movimentocinquestelle/Programma-Movimento-5-Stelle.pdf

Sei un’italiano all’estero e vuoi partecipare alla stesura del programma? Iscriviti al Movimento 5 Stelle
http://www.beppegrillo.it/movimento/iscriviti.php

Inoltre alla pagina contatti trovi gruppi e meetup organizzati in varie parti del mondo.
http://www.movimentocinquestelle.eu/chi-siamo/contatti/

Español

El MoVimiento 5 Estrellas es una libre asociación de ciudadanos. No es un partido político, ni se entiende que se convierta en él en un futuro. Dice no a las ideologías de izquierda o de derecha, pero sí a las ideas.

El MoVimiento 5 Estrellas se basa en un reglamento, conocido como “No-Estatuto”.

Descarga el No-Estatuto
http://www.movimentocinquestelle.eu/documenti/non-statuto-es.pdf

El programa del MoVimiento 5 Estrellas evoluciona continuamente, se amplía y modifica por los mismos ciudadanos inscritos al movimiento.

Descarga el programa (…y difúndelo!)
http://www.movimentocinquestelle.eu/documenti/programma-es.pdf

Eres un italiano en el extranjero y quieres dar tu aportación al programa?
Apúntate al MoVimiento 5 Estrellas
http://www.beppegrillo.it/movimento/iscriviti.php

Además en la página de contactos encontraras grupos y meetup organizados en distintas partes del mundo.
http://www.movimentocinquestelle.eu/chi-siamo/contatti/

English

The 5 Stars Movement is a free association of citizens. It is not a political party and does not want to become one. The 5 Stars Movement does not carry left-wing or right-wing ideologies, but just ideas.

The Movimento 5 Stelle is based on a regulation, known as “Non-Statute”.

Download the “Non-Statute”
http://www.movimentocinquestelle.eu/documenti/non-statuto-en.pdf

The 5 Stars Movement’s Program is work-in-progress. It may be modified by the citizens registered in the 5 Stars Movement.

Download the program (and circulate it!)
http://www.movimentocinquestelle.eu/documenti/programma-en.pdf


To become member of to the Movimento 5 Stelle one must be an adult Italian citizen, not
registered with political parties or associations whose goal or aims oppose to those described in
the “Non-Statute”.

Français

Le Movimento 5 Stelle est une association libre de citoyens. Ce n’est pas un parti politique et il n’en deviendra pas un à l’avenir. Pas d’idéologies de droite ou de gauche, mais uniquement des idées.

Le Mouvement 5 Stelle se fonde sur une loi, connue comme le «Non-Statut».
http://www.movimentocinquestelle.eu/documenti/non-statuto-fr.pdf

télécharger le Non-Statut
http://www.movimentocinquestelle.eu/documenti/programma-fr.pdf


Le programme du Mouvement 5 stelle est en évolution constante, il est élargi et modifié par les inscrits au mouvement eux-mêmes.

télécharge le programme (et fais le circuler !)
Pour vous inscrire au Mouvement 5 Stelle vous devez être un citoyen italien adulte,
ne pas être inscrit à un parti politique ou à une association ayant des buts contraires
à ceux décrits dans le «Non-Statut».

http://www.movimentocinquestelle.eu/programma/

agrega un comentario


La pillola rossa
Por Francesco Paolucci - Sunday, Feb. 10, 2013 at 4:56 PM
francesco.paolucci@movimentocinquestelle.eu;

La pillola rossa...
movimento_5_stelle_ora_puoi_tornare_a_sperare__torna_a_votare_e.jpg, image/jpeg, 960x768

I telegiornali continuano a vomitarci addosso le promesse dei soliti inguardabili personaggi, le previsioni di voto in tempo reale, il gossip a tutto campo riguardo le probabili alleanze.
Ma possibile che la politica italiana sia questo?
Un enorme mercato dove soggetti politicamente molto vicini all’estinzione vengono magicamente riciclati continuando a riempire gli schermi con la loro arroganza, come se la loro presenza ormai prescindesse dalla volontá dei cittadini.
Le campagne elettorali dovrebbero essere un momento di verifica dei risultati raggiunti e non un bombardamento di promesse vuote.
É assurdo continuare a sentir parlare di percentuali e dati in generale che nessuno smentisce, se non gli esponenti di altre fazioni politiche.
L’influenza che questi individui hanno a livello mediatico é impressionante. Infatti la televisione ha letteralmente fatto a pezzi la volontá della gente di accedere ad un’informazione sana.
La situazione politica italiana attuale é il frutto di decenni di pigrizia culturale.
Ne é la dimostrazione il fatto che, per molti cittadini, é sufficiente leggere il titolo di qualche quotidiano o vedere frammenti di discorsi trasmessi in televisione per pensare di aver compreso gli obiettivi del movimento 5 stelle. É inaccettabile che questa classe politica riesca a raggiungere milioni di persone senza che vi sia l’opportunitá in tempo reale di smentire i contenuti delle loro affermazioni (compito che spetterebbe ai giornalisti).
Ma i politici sono come le stars di un grande film e nessun regista se li lascerebbe scappare quando l’obiettivo é ovviamente l’incasso al botteghino. Non é importante quindi quello che dicono, anzi, quanto piú é assurda un’affermazione tanto piú fará notizia e sicuramente comporterá una replica, un chiarimento o una smentita (altre notizie).
Insomma l’unica cosa che conta é che ci siano, che parlino, che riempiano gli spazi dei notiziari a scapito di doverosi approfondimenti sulle questioni internazionali di cui ci é dato conoscere solo il numero dei morti.

Ci dicono che siamo politicamente inesperti, é vero.
Ma chi dovrebbe trasmetterci questa esperienza? Ed in che consiste? Perché se l’esperienza che ci manca riguarda la compravendita di parlamentari o l’abilitá di non fare niente per 20 anni e di voler fare tutto ad un mese dalle elezioni, se l’esperienza che ci manca é quella di avanzare una proposta e poi ritirarla rendendosi conto che si perdono punti nei sondaggi, o di negare anche l’evidenza, allora ad una simile esperienza preferisco una sana, autentica inesperienza.

Francesco Paolucci, Madrid
Candidato alla camera dei deputati – ripartizione Europa

agrega un comentario


Come votare dall’estero
Por grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 5:03 PM

Come votare dall’est...
movimento_5_stelle_ora_puoi_tornare_a_sperare__torna_a_votare_dvaqyzb.jpg, image/jpeg, 1000x707

Quando arriverà il materiale di voto?

Le elezioni sono alle porte e mentre in Italia si voterà il 24 e il 25 Febbraio all’estero gli italiani iscritti all’AIRE potranno esercitare il proprio diritto di voto già dal 6 di febbraio considerato che lo spoglio delle schede estere avverrà insieme a quello nazionale.

Entro mercoledì 6 Febbraio i consolati dovranno inviare il plico elettorale agli italiani residenti all’estero. L’invio avviene per posta semplice (non raccomandata).

Il plico contiene:

Il certificato elettorale;
Le liste dei candidati della propria ripartizione (Camera e Senato);
Le schede elettorali (una per la Camera e una per il Senato; solo quella per la Camera per i minori di 25 anni);
Una busta piccola completamente bianca;
Una busta affrancata recante l’indirizzo del competente Ufficio consolare;
Un foglio informativo sulle modalità di voto.
Sabato 9 febbraio bisognerà aver ricevuto a casa il plico elettorale. (Il mio consiglio è di non aspettare troppo per votare e rinviarlo per essere certi che arrivi a destinazione in tempo).

Cosa fare se il plico non è arrivato?

Chi non l’avesse ricevuto deve prendere subito contatto con il Consolato (qui potete trovare i recapiti di quello più vicino a voi).
Nel caso ci fossero problemi (a mettersi in contatto con il Consolato o di altra natura) il suggerimento è quello di segnalarci la cosa (qui i contatti); vigileremo sulle operazioni elettorali, visti i denunciati brogli, le complicazioni e le “attività sospette” che regolarmente avvengono all’estero.

All’elettore che non ha ricevuto il plico e si presenti personalmente il Consolato rilascia un altro certificato elettorale munito di apposito sigillo e una seconda scheda elettorale che deve comunque essere inviata dall’elettore per posta.

Come si vota? Entro quando inviare le buste?

L’elettore esprime il proprio voto tracciando un segno (ad es. una croce o una barra) sul simbolo della lista da lui prescelta o comunque sul rettangolo della scheda che lo contiene utilizzando ESCLUSIVAMENTE una penna biro di colore nero o blu.

Ciascun elettore può esprimere il voto di preferenza (questa è una grande differenza che c’è rispetto all’Italia, dove gli elettori non hanno più la possibilità di inserire la preferenza) scrivendo il cognome del candidato nell’apposita riga posta accanto al simbolo votato (le preferenze variano da una a due a seconda delle zone) .
La scheda o le schede vanno inserite nella busta completamente bianca che deve essere accuratamente chiusa e contenere solo ed esclusivamente le schede elettorali.

Nella busta più grande già affrancata (riportante l’indirizzo dell’Ufficio consolare competente) l’elettore inserisce il tagliando del certificato elettorale (dopo averlo staccato dal certificato seguendo l’apposita linea tratteggiata) e la busta piccola chiusa contenente le schede votate.
La busta già affrancata così confezionata deve essere spedita per posta entro il 14 Febbraio, (in modo che arrivino all’Ufficio consolare entro le ore 16 di giovedì 21 febbraio).
Le schede pervenute successivamente al suddetto termine non potranno essere scrutinate e saranno incenerite.

ATTENZIONE: Sulle schede, sulla busta bianca piccola così come sul tagliando non deve apparire alcun segno di riconoscimento. Sulla busta già affrancata non deve essere scritto il mittente. La busta bianca piccola e le schede devono essere integre.

Quando e dove avviene lo spoglio dei voti esteri?

Le schede votate dagli elettori all’estero, incluse nelle apposite buste pervenute per corrispondenza agli Uffici consolari, vengono poi spedite in Italia dagli stessi Consolati mediante valigia diplomatica accompagnata. I plichi arrivati in Italia vengono presi in consegna dall’Ufficio centrale per la circoscrizione Estero. Lo spoglio per la circoscrizione estero avviene nei seggi appositamente allestiti a Castelnuovo di Porto (in provincia di Roma).

http://www.movimentocinquestelle.eu/come-votare/

agrega un comentario


Come votare dall’estero
Por grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 5:04 PM

Come votare dall’est...
movimento_5_stelle_ora_puoi_tornare_a_sperare__torna_a_votare_c.jpg, image/jpeg, 1024x751

agrega un comentario


Iniziative
Por grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 5:06 PM

Iniziative...
movimento_5_stelle_ora_puoi_tornare_a_sperare__torna_a_votare_beppe_grillo.jpg, image/jpeg, 1400x930

Iniziative
In questa pagina presentiamo le iniziative che stiamo seguendo o abbiamo intenzione di seguire in futuro.

Elezioni Politiche e Amministrative

ELEZIONI AMMINISTRATIVE: Sosteniamo i candidati del M5S in Italia
ELEZIONI POLITICHE 2013 (per la Circoscrizione Estero – Europa): Supportiamo la presentazione di una lista per la circoscrizione Estero, ripartizione Europa per la Camera dei Deputati ed il Senato della Repubblica. Sosteniamo i candidati al parlamento con una campagna elettorale a bassissimo costo senza ricevere alcun contributo pubblico.
Partecipiamo attivamente alla lavorazione del programma nazionale sulla piattaforma
http://www.movimentocinquestelle.it portando il nostro contributo di cittadini italiani sia in generale, che con una evidente sensibilità per le tematiche riguardanti gli italiani residenti all’estero.
Iniziative di Formazione civica

Organizziamo eventi divulgativi mirati all’accrescimento culturale tramite internet in streaming e via il canale youtube http://www.youtube.com/user/meetupeuropa
Fateci sapere se volete partecipare. Attivamente (contribuendo), passivamente (spargendo la voce) o con qualsiasi idea costruttiva che avete!

agrega un comentario


Contactos
Por grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 5:08 PM

Contactos...
movimento_5_stelle_ora_puoi_tornare_a_sperare__torna_a_votare_beppe_grillo_sei_forte.jpg, image/jpeg, 500x404

Contatti
scrivici per domande contatti dubbi…
movimentocinquestelle.eu@gmail.com

Per comunicare con gli addetti stampa: stampa@movimentocinquestelle.eu

Ripartizione Europa

MeetUp Europa: meetup e facebook

Belgio
http://www.meetup.com/movimento5stellebruxelles

Francia
Parigi: http://www.meetup.com/meetupparis
Lione: http://www.meetup.com/Grillo-lionese
Grenoble: http://www.meetup.com/Meetup-Movimento-5-Stelle-Grenoble

Germania
Monaco: http://www.meetup.com/The-Munich-Beppe-Grillo-Group
Berlino: http://www.meetup.com/Amici-di-Beppe-Grillo-Berlino

Gran Bretagna
Londra: http://www.meetup.com/london1
Glasgow: http://www.meetup.com/Movimento-5-Stelle-Amici-di-Beppe-Grillo-Glasgow

Olanda
Amsterdam: meetup and facebook

Spagna
Meetup amici di Beppe Grillo Spagna e gruppo facebook

Svizzera
Ginevra: http://www.meetup.com/Amici-di-beppe-grillo-Ginevra-Babeuf
Losanna: http://www.meetup.com/beppegrillo-328
Lugano: http://www.meetup.com/meetuplugano
San Gallo:http://www.meetup.com/movimentocinquestellesangallo

Ripartizione America settentrionale e centrale

MeetUp Nord e Centro America:http://www.meetup.com/Movimento-5-Stelle-Nord-/America
Canada: http://www.meetup.com/SeguiBeppeGrilloCresciconIlM5Stelle/

Ripartizione America meridionale

Sito: http://www.am5stelle.org
Gruppo Facebook America del Sud: http://www.facebook.com/groups/129491193870522
MeetUp: http://www.meetup.com/Americameridionale

Ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide

Gruppo facebook Africa, Asia, Oceania e Antartide: http://www.facebook.com/groups/m5sAAOA

agrega un comentario


Come votare dall’estero
Por grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 5:14 PM

Come votare dall’est...
movimento5stelle_time.jpg, image/jpeg, 510x400

Movimento Cinque stelle: la rivoluzione politica de' anno

agrega un comentario


Come votare dall’estero
Por grillino latinoamericano - Sunday, Feb. 10, 2013 at 5:17 PM

Come votare dall’est...
grill.jpg, image/jpeg, 652x480

Adesso é arrivato Beppe Grillo e col nostro Movimento Cinque Stelle ai soliti noti ladroni di sempre li facciamo allo spiedo ...

agrega un comentario


Ni en pedo voto por Grillo
Por De izquierda y con ciudadanía - Monday, Feb. 11, 2013 at 11:31 PM

Grillo es un populista posmo, prefiero no votar.

agrega un comentario


El inexorable giro a la derecha...
Por Sebastian - Tuesday, Feb. 12, 2013 at 10:07 PM
chasebaca@hotmail.com

Alguien se pregunto por qué no hay ciudadanos italianos nacidos en el extranjero en ninguna de las listas de M5S?
Y por qué alguien nacido en Italia, hijo/a de padres no italianos, no tendria derecho a ser ciudadano italiano segun ha manifestado Grillo...
Sinceramente tengo mis dudas con respecto a ciertos temas...

agrega un comentario


grillo apoyó a monti
Por edu - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 12:53 PM

aca con el verso de la antipolitica, terminaron todos apoyando a los K. Lo de Grillo en Italia es lo mismo.
No denuncian a los capitalistas, no denuncian el verdadero rol de sus partidos.
No son ni socialistas ni revolucionarios, solo mediáticos.

agrega un comentario


CRISI. "2012 ORRIBILE: PERSE OLTRE 100MILA IMPRESE"
Por grillino hispanoamericano - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:25 PM

I dati di Cerved, gruppo specializzato in analisi finanziarie: l'anno scorso è stato il più duro della crisi per il numero di imprese che hanno chiuso tra fallimenti, liquidazioni e procedure non fallimentari.
I dati Cerved sulle imprese
MILANO - Il 2012 è stato l'anno più duro della crisi per il numero di imprese che hanno chiuso: tra fallimenti - 12mila -liquidazioni - 90mila - e procedure non fallimentari - duemila - sono state 104mila le aziende italiane perse. Lo affermano dati Cerved, secondo cui è in corso un boom dei concordati preventivi (procedura attraverso cui l'imprenditore ricerca un accordo con i suoi creditori per non essere dichiarato fallito o per cercare di superare la crisi in cui versa l'impresa). La forte crescita delle nuove forme di concordato preventivo è nata con la riforma entrata in vigore a settembre: Cerved, gruppo specializzato nell'analisi della situazione finanziaria delle imprese, stima che nel solo quarto trimestre 2012 siano state presentate circa 1.000 domande.

+2% CHIUSURE RISPETTO A 2011. Il dato totale sulla chiusura delle aziende l'anno scorso è stato superiore del 2,2% al record toccato nel 2011. "Il picco toccato dai fallimenti - commenta Gianandrea De Bernardis, amministratore delegato Cerved - supera del 64% il valore registrato nel 2008, l'ultimo anno pre-crisi: sono stati superati anche i livelli precedenti al 2007, quando i tribunali potevano dichiarare fallimenti anche per aziende di dimensioni microscopiche". Nel 2012 la recessione ha avuto un impatto violento nel comparto dei servizi (+3,1%) e nelle costruzioni (+2,7%), mentre la manifattura - pur con un numero di fallimenti che rimane a livelli critici - ha registrato un calo rispetto all'anno precedente (-6,3%).

DA NORD A SUD. Dal punto di vista territoriale, le procedure sono fortemente aumentate nel Nord Ovest (+6,6%) e nel Centro (+4,7%), mentre sono rimaste ai livelli dell'anno precedente nel Sud e nelle Isole (-0,4%). Nel Nord Est i casi sono invece più chiaramente diminuiti (-4,3%), un dato compensato dal forte incremento delle liquidazioni, che ha portato il totale di chiusure in quell'area a superare quota 20mila (+8,6% sul 2011).

agrega un comentario


ESPOSTO RADICALI CONTRO ZINGARETTI, PROCURA INDAGA SU ASSUNZIONE IRREGOLARE
Por grillino indignado - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:27 PM

L'inchiesta, al momento contro ignoti e senza ipotesi di reato, nasce da un esposto dei radicali. Al centro una presunta irregolarità sull'assunzione a fini previdenziali di Nicola Zingaretti il giorno prima della candidatura alla Provincia di Roma. Zingaretti annuncia querela per calunnia.
Nicola Zingaretti
ROMA - E' intestato 'atti relativi a', ossia senza ipotesi di reato e senza indagati, il fascicolo aperto dalla procura di Roma dopo l'esposto dei Radicali nel quale si accusa Nicola Zingaretti di ''aver fatto pesare i suoi contributi previdenziali sulla Provincia di Roma''. Il fascicolo è stato affidato dal responsabile del pool pubblica amministrazione, il procuratore aggiunto Francesco Caporale, al sostituto Corrado Fasanelli. Gli accertamenti sono stati affidati alla Guardia di Finanza.

L'ESPOSTO. Nell'esposto presentato in procura da Marco Pannella si punta l'indice su ''un'assunzione sospetta di Zingaretti, da parte del Comitato Provvisorio Pd Lazio, avvenuta il giorno prima della sua candidatura a presidente della Provincia di Roma''. Il sospetto paventato dai Radicali è quello di un meccanismo truffaldino messo in atto per ottenere dalla Provincia il rimborso per il mancato guadagno degli stipendi scaturiti proprio dall'elezione a presidente.

ZINGARETTI ANNUNCIA QUERELA. Una ricostruzione respinta da Zingaretti il quale, nel preannunciare una querela per calunnia, sostiene che ''non c'è nulla di anormale né di illegale'', e che ''la questione è già stata chiarita nel 2009''.

agrega un comentario


MAUGERI, CHIUSE INDAGINI: PER FORMIGONI IPOTESI DI ASSOCIAZIONE A DELINQUERE
Por cri cri cri grillo hablante delata pinochos - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:28 PM

Chiuse le indagini per 17 persone. Le accuse vanno dalla frode fiscale al riciclaggio: fra il 1997 e il 2011 distrazione milionaria dalle casse della fondazione. I pm: il presidente della Lombardia "fra promotori dell'associazione a delinquere". La replica: "Vogliono coprire lo scandalo Mps".
Roberto Formigoni, presidente Lombardia
ROMA - La Procura di Milano ha chiuso le indagini sulla fondazione Maugeri nei confronti di 17 persone, fra cui il presidente uscente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, verso il quale è ipotizzato anche il reato di associazione per delinquere. I magistrati vanno ora verso la richiesta di rinvio a giudizio per tutti gli indagati, fra cui figurano anche l'uomo d'affari Pierangelo Daccò, l'ex assessore alla Sanità lombarda Antonio Simone e Alberto Perego, memor domini e amico di lunga data del presidente Formigoni. Le accuse a vario titolo sono associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, frode fiscale, riciclaggio e interposizione fittizia.

L'IPOTESI DEI PM. La vicenda riguarda una distrazione milionaria dalle casse della fondazione avvenuta tra il 1997 e il 2011. Per la vicenda Daccò, Simone e altre cinque persone furono già destinatarie di un'ordinanza di custodia cautelare. Secondo l'ipotesi degli inquirenti, con atti e delibere decisi in Regione Formigoni avrebbe restituito i 'favori' da otto milioni di euro donati sotto forma di viaggi, uso di barche di lusso o altri beni, concedendo fondi alla Maugeri e al San Raffaele. I pm considerano decisive nella ricostruzione di questo meccanismo le testimonianze di alcuni funzionari del Pirellone. Per la Procura, inoltre, Formigoni non avrebbe restituito alcun importo di denaro, stando dall'analisi dei conti correnti del governatore.

LA REPLICA. "La tempistica della Procura è come sempre molto efficiente, cosa non si fa per cercare di coprire lo scandalo Monte dei Paschi di Siena che rischia di travolgere la sinistra! E così in 24 ore si incriminano Scaroni e Orsi, si condanna Pollari, si continua a distruggere l'Ilva, si depositano gli atti per Formigoni", scrive il presidente della Regione. "Pensavo mi accusassero anche di omicidio e di strage e quindi posso dichiararmi soddisfatto", ironizza ancora il presidente uscente nella nota diramata.

agrega un comentario


ILVA: NON AMMESSI CONFLITTI PROMOSSI DA PM TARANTO
Por grillino - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:29 PM

Lo ha deciso la Corte Costituzionale, che ha giudicato inammissibili i due ricorsi per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato presentati dalla Procura di Taranto, uno nei confronti del governo e l'altro nei confronti del parlamento.
Ilva di Taranto
ROMA - La Corte Costituzionale ha giudicato inammissibili i due ricorsi per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato presentati dalla Procura di Taranto, uno nei confronti del governo per il decreto salva-Ilva e l'altro nei confronti del parlamento per la relativa legge di conversione.

CONSULTA, PREVALE QUESTIONE DI LEGITTIMITA'. La Consulta ha ritenuto inammissibili i conflitti sull'Ilva sia perché il conflitto di attribuzione relativo ad una legge è inammissibile quando sussista la possibilità di sollevare eccezione di legittimità costituzionale su una norma; sia perché questa possibilità sussiste e si è concretizzata proprio nel caso Ilva.

CLINI, AUTORIZZAZIONE INTEGRATA ASSICURA PRODUZIONE. "Con l'autorizzazione integrata ambientale che ho rilasciato a ottobre l'Ilva ha un piano di attività e investimenti che va realizzato in tre anni e che consentirà allo stabilimento da un lato di essere pienamente in regola con le nuove direttive europee e dall'altro assicurerà la continuità produttiva". Lo ha detto il ministro dell'Ambiente Corrado Clini, intervenuto ad Ancona a una iniziativa della Lista Monti.

agrega un comentario


L'EX MINISTRO FITTO CONDANNATO A 4 ANNI PER TANGENTI
Por abajo pinocho - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:31 PM

El ex ministro condenado a 4 años por soborno Arrendamiento

El PDL parlamentario está acusado de haber embolsado, como un ministro, un soborno de 500.000 € por un contrato para ser 198 millones dall'immobiliarista Giampaolo Angelucci, condenado a 3 años y 6 meses de corrupción y financiación ilegal del partido.
El PDL parlamentario, Raffaele Arrendamiento
ROMA - Un soborno de 500.000 € por un contrato para ser 198 millones: este supuesto incidente de corrupción fue condenado a cuatro años de prisión, el ex Ministro de Asuntos Regionales de arrendamiento Raffaele, PDL parlamentaria. 13 condenas, incluyendo la de Giampaolo Angelucci, rey de los romanos, clínicas editor y desarrollador de bienes raíces en los que los tribunales han dictado la pena de 3 años y 6 meses de corrupción y financiación ilegal del partido.



Il parlamentare Pdl è accusato di aver intascato, da ministro, una mazzetta di 500.000 euro per un appalto da 198 milioni dall'immobiliarista Giampaolo Angelucci, condannato a 3 anni e 6 mesi per corruzione e illecito finanziamento ai partiti.
Il parlamentare Pdl, Raffaele Fitto
ROMA - Una tangente di 500.000 euro per un appalto da 198 milioni: per questo presunto episodio di corruzione che è stato condannato a 4 anni di reclusione l'ex ministro agli Affari regionali Raffaele Fitto, parlamentare Pdl. Altre 13 le condanne, tra cui quella di Giampaolo Angelucci, re delle cliniche romane, editore e immobiliarista al quale i giudici hanno inflitto la pena di 3 anni e 6 mesi per corruzione e illecito finanziamento ai partiti.

agrega un comentario


FINMECCANICA, PANSA NUOVO AD CON VENTURONI VICEPRESIDENTE
Por politicos viejos partidos ladrones - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:33 PM

Il Cda dell'azienda decide le nuove cariche dopo l'arresto del presidente Orsi. Convocata l'assemblea per il 2 e per il 15 aprile.
Cda di Finmeccanica
ROMA - Alessandro Pansa è il nuovo amministratore delegato di Finmeccanica. Vicepresidente Guido Venturoni. La decisione è stata presa dal Cda convocato dopo l'arresto del presidente e ad Giuseppe Orsi. Il Cda di Finmeccanica, riunitosi, ha assicurato la "piena operatività aziendale" deliberando di attribuire ad Alessandro Pansa anche le attribuzioni e i poteri, in precedenza conferiti a Giuseppe Orsi, per la gestione unitaria della società e del gruppo. Lo riferisce una nota.

LE DELEGHE. Pansa eserciterà i poteri con la qualifica di amministratore delegato e direttore generale, informa il comunicato. Il Consiglio ha altresì deliberato di attribuire al consigliere anziano e lead independent director, ammiraglio Guido Venturoni, la carica di vicepresidente. Il consiglio, infine, ha deliberato di procedere alla convocazione dell'assemblea degli azionisti per il 2 e il 15 aprile, rispettivamente in prima e in seconda convocazione, al fine di reintegrare la composizione del consiglio.

agrega un comentario


AMIANTO. Una storia operaia
Por tambien en latinoamerica nos envenenan - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:38 PM

Tags : anni - italia - video - europa - vita - euro - calcio - casa - mondo - morti
Amianto. Una Storia Operaia è il nuovo libro di Alberto Prunetti. Lo ha pubblicato la Casa Editrice milanese Agenzia X, da sempre impegnata sui temi sociali e per un’editoria genuinamente diversa, alternativa e coraggiosa. Non posso fare a meno di segnalarlo proprio oggi. I neuroni hanno preso a funzionare a mille stamattina leggendo i giornali, per esempio quest’articolo di Claudio Dutto su l’Unità di oggi: “Eternit: perché fa ancora paura?”.

Oggi si riapre il processo Eternit con l’appello dopo una condanna in primo grado di 65 e 91 anni rispettivamente contro Stephan Schmidheini e Louis de Cartier, per anni responsabili dell’impresa Eternit e delle morti correlate. E se in Italia (vedi cartina geografica in fondo) la sua produzione è stata proibita, nel resto del mondo continua eccome. Fuori dall’Europa, alla conquista di nuovi mercati nei paesi in via di sviluppo, dove tanto la vita, la legge e l’etica “valgono meno”: Africa, Sudamerica, Asia, poco importa no?

Da buon latino americanista sto provando a capire che cosa succede nel continente latino e la situazione non è affatto tranquilla: in Brasile l’Eternit si presenta come “un’impresa fiorente e socialmente responsabile”, pur in mezzo a crescenti proteste (Così per cominciare…Vedi articoli – in portoghese, ma ci si intende benissimo - QUI e un video QUI ), mentre in Costa Rica e America centrale Schmidheini prova da anni, con un inquietante discreto successo, a riciclarsi come un “Al Gore tropicale”, cioè un guru dello sviluppo sostenibile che finanzia centri di ricerca e iniziative di vario tipo. Conversione verde o pulizia d’immagine? Allora ecco la scheda di AMIANTO e ne riparliamo presto, che dite?

[Tweet FabrizioLorusso]


Un libro terribile e bellissimo. Dolore, divertimento, pena, riflessione, compartecipazione. Una nuvola di sensazioni alternanti e contrapposte, quali solo uno scrittore vero riesce a condensare.
dalla prefazione di Valerio Evangelisti

Questa è la storia di Renato, un operaio cresciuto nel dopoguerra che ha iniziato a lavorare a quattordici anni. Un lavoratore che scioglieva elettrodi in mille scintille di fuoco a pochi passi da gigantesche cisterne di petrolio. Un uomo che respirava zinco, piombo e una buona parte della tavola degli elementi di Mendeleev, fino a quando una fibra d’amianto, che lo circondava come una gabbia, ha trovato la strada verso il torace. Poi, chiuso il libretto di lavoro, quella fibra ha cominciato a colorare di nero le cellule, corrodendo la materia neurale. Una ruggine che non poteva smerigliare, lesioni cerebrali che non poteva saldare.

Amianto è una scorribanda nella memoria tra le acciaierie di Piombino e quelle di Taranto, tra le raffinerie liguri e gli stabilimenti di Casale Monferrato, tra il calcio di strada in un’Ilva dimenticata in provincia e le risse domenicali lungo la via Aurelia. Un Lessico famigliare proletario con cavi elettrici impazziti e sarcastici aneddoti dal mondo operaio. Un’epopea popolare ma anche un’inchiesta che riapre una ferita sociale, scritta da una voce narrativa che reclama attenzione e conferma un talento sempre più maturo.

leggi estratto leggi le recensioni Conversazione su Amianto di Alberto con WU MING
Alberto Prunetti è nato a Piombino (LI) nel 1973. Suo padre era saldatore e tubista. Ha scritto Potassa (2003), L’arte della fuga (2005) e Il fioraio di Perón (2009). Ha collaborato con “il manifesto” e “A-Rivista” ed è redattore di Carmillaonline.

LO TROVI QUI: http://www.agenziax.it/?pid=67&sid=30

13 euro – 160 pp. – illustrato ISBN 978-88-95029-65-8





| Commenti (0)

POST CORRELATI

CONDIVIDI
L’europeismo è la vera sfida
Autore: Paolo Soldini su Casa Europa
Mondo - A Torino i leader del centrosinistra di tanti Paesi europei si sono riuniti per rilanciare l’iniziativa sull’integrazione dell’Unione. A Bruxelles i capi di Stato e di governo hanno licenziato... Continua»

CONDIVIDI
Voto Estero e il MAIE sulla stampa italiana
Autore: Fabrizio Lorusso su Latino America Express
Mondo - Il MAIE è un partito politico sconosciuto ai più, ma piuttosto noto in Sudamerica, molto dinamico da qualche anno a questa parte e specialmente in quest’ultima campagna elettorale. Allora,... Continua»

CONDIVIDI
L’ipocrisia che rischia di spezzare la Ue
Autore: Paolo Soldini su Casa Europa
Mondo - I capi di stato e di governo dell’Unione europea si sono comportati, nel Consiglio europeo, come certi leader di partito nella campagna elettorale italiana. Il programma di bilancio quadriennale... Continua»

CONDIVIDI
La vigliaccheria contro la cultura
Autore: Moni Ovadia su Le parole, i pensieri
Mondo - La vigliaccheria, fra tutte i comportamenti che degradano gli esseri umani, è uno dei peggiori. C’è forse un altro termine per classificare il recente, esiziale taglio al Fondo unitario per lo... Continua»

CONDIVIDI
Alla maratona di Bruxelles è stata l’Europa a perdere
Autore: Paolo Soldini su Casa Europa
Mondo - E adesso, per favore, ci si risparmino le moine del chi-ha-vinto-e-chi-ha-perso. Ha perso l’Europa, e di brutto. I capi di Stato e di governo hanno approvato un bilancio pluriennale che taglia tutto... Continua»

CONDIVIDI
Italiani all’estero: intervista a Gianluca Galletto
Autore: Fabrizio Lorusso su Latino America Express
Mondo - Intervista a Gianluca Galletto (candidato PD-SEL-PSI alla Camera dei Deputati nella Circoscrizione Nord e Centro America). Città del Messico 6 feb 2013 – Incontro con la comunità E’ la tua... Continua»

CONDIVIDI
Italiani all’estero: dialogo col candidato Marco Piana
Autore: Fabrizio Lorusso su Latino America Express
Mondo - Intervista a Marco Piana (candidato PD-SEL-PSI alla Camera dei Deputati nella Circoscrizione Nord e Centro America). Città del Messico 6 feb 2013 – Tavola rotonda con la comunità E’ la... Continua»

CONDIVIDI
Progressisti: il manifesto di Torino
Autore: Paolo Soldini su Casa Europa
Mondo - Una Unione della democrazia basata su una sovranità condivisa: condizione essenziale per affrontare la crisi e per restituire potere ai cittadini e fiducia nel progetto europeo. Una Unione di... Continua»

agrega un comentario


grillo apoyó a monti en lo que prometia hacer y no quiso mantener
Por Grillo no cambió Monti lo hiso - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:47 PM

QUERIDO EDU tu me escibes

"aca con el verso de la antipolitica, terminaron todos apoyando a los K. Lo de Grillo en Italia es lo mismo.
No denuncian a los capitalistas, no denuncian el verdadero rol de sus partidos. No son ni socialistas ni revolucionarios, solo mediáticos."

Y tenes razón pero Grillo apoyó NO a Monti, Grillo en todo caso apoyó y sigue apoyando el programa economico que Monti prometió de realizár y que no quiso realizár ...¿entiendes?

El que traicionó a millones de personas incluyendo Grillo fué Monti: dijo sensillamente que haria una cosa y ... se salió con otra: Monti es famoso por cambiar siempre de opinion, a segun de lo que guste a los Bancos de los cuales es parte, y de no mantener sus promesas ...

Ahora leete lo siguente ...

Monti apre, poi si smentisce:
«Su Vendola non cambio idea»

Mario Monti affermerebbe oggi 'Non farei mai parte di un governo con Vendola?' E il candidato premier risponde: «La cambio leggermente, non farei mai parte di un governo che non abbia un forte accento riformatore».

Ospite di Radio Capital, Monti spiega che «ognuno può evolvere e cambiare opinione per quanto riguarda singole persone». Ma i paletti che 'riformisti che il candidato di Scelta Civica lascia ben piantati sono chiari: «Il movimento che ho costituito può benissimo stare all'opposizione, ma escludo che possa stare in un governo che di nuovo non permetta di fare una riforma del lavoro sufficiente per dare speranza a giovani, o - guardando a destra - di fare le liberalizzazioni o una seria riforma della giustizia».

Il candidato premier di Scelta Civica, Mario Monti, ribadisce poi - ospite del TgLa7: «Bisognerà vedere quali sono i risultati elettorali, e se è possibile trovare un'intesa, però ripeto: non ho messo in moto questa operazione politica per tornare a tutti i costi al governo».

Ma poco dopo, su Twitter, le parole cambiano: «Su Vendola la mia opinione non cambia. Le sue idee sono rispettabili ma non in linea con gli interessi del Paese», scrive. Monti.

La replica di Vendola non si fa attendere. «Un patto con Monti per le riforme? Le riforme sono quella strumentazione normativa che migliora la qualità della vita delle persone. Tutto ciò che peggiora la qualità della vita delle persone io tendo a chiamarla controriforma». Insomma, chiarisce Vendola «per me e per Monti riformismo significa due cose molto diverse. Per Monti riformista è abbattere lo statuto dei diritti dei lavoratori, per me quello è il capolavoro del riformismo italiano».

Su La7 Monti parla anche di Finmeccanica: «Trovo risibile ciò che è stato detto da Di Pietro e Vendola e Grillo. Se Di Pietro vuole fare denunce lo aspetto con soddisfazione: ci sono stati episodi di corruzione e hanno riguardato molti partiti; i partiti è meglio facciano l' autoesame».

DA SEMPRE DISPONIBILE
AL CONFRONTO IN TV
«Sono sempre stato disponibile, fin dall'inizio», ad un confronto televisivo con gli altri candidati premier. Lo dice Mario Monti, che - in chiusura della sua partecipazione al TgLa7 - chiede informazioni al direttore Enrico Mentana sul possibile confronto. Al che Mentana propone: «Giovedì 21 noi siamo qui, vederemo chi ci sarà». E Monti precisa: «Ma bisogna che tutti ci siano. O almeno i due». Ovvero Berlusconi e Bersani.
Articoli Correlati + Monti sente i partiti per "fase 2" - Italia - notizie online lavoro, recensioni... + Monti: pronto a candidarmi, cerco adesioni - Italia - notizie online lavoro, re... + Letta: «Niente timidezze su Monti o ci guadagnerà solo Berlusconi» - Italia - n... + Cresci-Italia, il premier «Prime misure a fine gennaio» - Italia - notizie onli... + Bersani: «Sull'articolo 18 l' unico tabù è il buonsenso» - Italia - notizie onl...

11 commenti

Carlo Patrignani · Top Commentator · Scienze politiche Sapienza Roma
Monti in cerca di un forte accento riformatore? Quale? L'Imu da 4 mld di euro per la prima casa? O la messa in mora dello Statuto dei Lavoratori? O la totale assenza sui temi eticamente sensibili, vedi la legge 40 bocciata dalla Corte di Strasburgo? O ancora i disoccupati e le ore di cassa integrazione aumentati nell'ultimo anno e mezzo? Anche se Rettore della Bocconi, credo che il prof. liberista Monti sia molto molto a corto del significato di riformismo e di riforme cui spesso aggiunge l'aggettivo strutturali...O usa delibertamente riformismo e riforme 'a modo suo' con le sue 'lenti deformate' liberiste che sono 'contro-riforme' rispetto alle vere autentiche riforme - la legge 300/70 - che lui vuole demolire...Spero che a sinistra non si cada nel giochino di prestigio del liberista prof Monti che di per se ha conflitti d'interessi enormi con le cariche o ex-cariche ben note a tutti!
Rispondi · 5 · · 21 ore fa

Luigi Veltri · Top Commentator
vendola a volte si contraddice, e' non e' alleato col pdp? e il pdp non ha votato leggi che di fatto rendono carta straccia lo statuto dei lavoratori? l'abolizione dell'art. 18 forse che l'ho votato io? tutte quelle forme di contratti che rendono schiavi le new entry nel mondo del lavoro le ho votate io o il governo prodi? i circa 500 mila disoccupati dell'ultimo anno li ho prodotti io o monti con l'appoggio di bersani e berlusconi? niki non sei credibile da questo punto di vista, lascialo il pdp, se sei coerente la tua collocazione naturale e' con rivoluzione civile, l'unica forza politica che si prefigge di portare il lavoro e la politica al servizio del popolo e non della casta politica e mafiosa, ripensaci niki, sei ancora in tempo.
Rispondi · 5 · · Ieri alle 11.35

Carlo de Rosa · Top Commentator
Il vero problema e' che Vendola con il PD sa con chi e con che cosa ha a che fare.Con Rivoluzione Civile ancora no.Sarebbe stato piu' semplice che Rivoluzione Civile si fosse messo insieme al Sel.Non credi Veltri,che questa unione non sarebbe stata molto piu' influente sugli avvenimenti futuri di quelli che sono oggi?
Rispondi · · 21 ore fa

Andrea Piga · Top Commentator
2 Suicidi In Italia e 3 in Spagna. Ce lo chiede l'Europa.. Grazie Monti, Grazie PD, Grazie Berlusconi, Fini e UDC, Grazie Napolitano! Questo è il frutto delle Vs. politiche di austerity, vediamo cosa farà Vendola e se si allea con questi assassini! Prima o poi le ghigliottine suoneranno a festa nelle piazze e verrà pure la Vs. ora pezzi di merda.
Rispondi · 2 · · Ieri alle 11.29

Ermanno Sforzini · Top Commentator · None
Lascia perdere prof., i cambiamenti necessari sono troppo ampi.Abbiamo bisogno di spazio, non di vincoli al liberismo.Disponibilità ad alleanze per riforme istituzionali, costituzionai o alla legge elettorale, molto ampie ma, per quanto riguarda l'economia, il lavoro, le tasse e le leggi che attengono al benessere sociale, speriamo di bastare da soli.
Rispondi · 1 · · Ieri alle 11.28

Anna Maria Campi · Top Commentator · Politecnico di Milano
Da ometto sempre più emarginato, solo coi suoi Casini e Fini, dopo tanti passi indietro, ora apre anche a Vendola.
Che cosa non si fa per quella maledetta cadrega, vero Monti?
Rispondi · 1 · · 22 ore fa

Signor Worf · Top Commentator · Perito industriale
campi cavalla che l'erba cresce
Rispondi · · 14 ore fa

Francesco Musella · Top Commentator · Milano
IL MESSAGGIO CHE AVREMMO DOVUTO FAR PASSRE TRA GLI ELETTORI ERA:
SCEGLIERE TRA SISTEMA E ANTI SISTEMA. SE DARE UN'ALTRA POSSIBILITÀ AL SISTEMA DI RIGENERARSI ATTRAVERSO IL PD UNICA FORZA CREDIBILE, NELLO SFACELO DEL PDL, E NELL'IPOCRISIA MONTIANA, O IL MANDARE TUTTI A CASA DI GRILLO. RISCHIANDO IL CROLLO DEL PAESE.
CONSIDERANDO CHE CIRCA 30MILIONI DI ITALIANI, TRA PENSIONATI, LAVORATORI E IMPRESE, VIVONO DI SISTEMA CIOÈ DI PUBBLICO DENARO SICURAMENTE GLI ELETTORI AVREBBERO SCELTO IL PD. NON C'È BISOGNO DI ESSERE DELLE CIME PER CAPIRE QUESTA SEMPLICE VERITÀ. MA È EVIDENTE CHE LA VECCHIA DIRIGENZA È TROPPO SAZIA PER PREMRSI SIA PURE UN MINIMO LE MENINGI. ORA NON CI RESTA CHE PIANGERE. NON SI PUÒ CHIEDERE AD UN POPOLO STREMATO DALLA CRISI DI ANDARSI A LEGGERE LE CENTINAIA DI PAGINE DEL NOSTRO ASTRUSO PROGRAMMA.
Rispondi · · 11 ore fa

Francesco Musella · Top Commentator · Milano
PESSIMA CAMPAGNA ELETTORALE DEL PD
Bersani ha voluto creare lo spauracchio Silvio e c'è riuscito pare, visto che, pare, il PDL sia tornato in partita. Ma il PD è riuscito a fare anche peggio trascurando il fenomeno Grillo, che è l'unica vera alternativa al sistema. Si può essere seri e parlare di riforma della politica e del sitema politico burocratico che è la causa prima dello strozzamento, o strozzinamento del paese. Bersani invece ha pensato che per essere seri non bisognava parlare di nulla.
Rispondi · · 13 ore fa

Salvatore Verri · Università del Salento
io che votero' rivoluzione civile sono d'accordissimo con vendola e saremmo stati ben contenti di stare uniti ma lui non la vuole dividendoci a sinistra ma finge anche di non vedere che le controriforme fatte da monti sono passate con il voto favorevole del pd suo alleato invece il progetto poltico di RC con coerenza e tenendo conto di questo cerca di rientrare in parlamento senza mamma PD la differenza e' importante
Rispondi · · 5 ore fa

Francesco Musella · Top Commentator · Milano
La prima riforma è un partito unico della sinistra, poi si lavora al suo interno per far valere le proprie ragioni, alla fine si vota e si scelgono le raioni maggioritarie e gli altri si adeguano, sempre lavorando per in difesa delle proprie ragioni all'interno del partito. Fondare un partitino dello zero virgola, è stata una stronzata grande come una casa. Nessuno più di Vendola può garantire per la sua onestà e capacità Le istanze della sinistra.
Rispondi · 1 · · 3 ore fa

Tony Uggenti · Scienze Politiche
Questo sta diventando come il nano di Arcore: oggi dice una cosa e domani la smentisce categoricamente.
Rispondi · · circa un'ora fa

Tony Uggenti · Scienze Politiche
C'è poco da fare: Vendola è l'unico che sembra avere le idee chiare e soprattutto stare dalla parte del popolo.
Rispondi · · Ieri alle 11.17

Orano Negrini · Top Commentator
Anche Bertinotti aveva le idee chiare ai suoi tempi ma poi ci ha consegnato a Berlusconi, spero solo che Vendola non faccia la stessa cosa.
Rispondi · · Ieri alle 11.31

Luigi Veltri · Top Commentator
negrini, sei un ignorarante, nel senso che ignori, leggi solo l'unita'? approfondisci, leggi altro, ritorna alle cronache politiche di quei tempi, chissa', forse, se non sei uno "inquadrato" e hai un minimo di intelletto potresti capire come sono andate veramente le cose.
Rispondi · 3 · · Ieri alle 11.38

Carlo de Rosa · Top Commentator
Luigi Veltri ,se continui a guardare a ieri,significa che ieri tu guardavi all'altro ieri,cosi avresti perso igni contatto con il presente e con il futuro,ed e' quello che continui a fare oggi.
Rispondi · · 21 ore fa
Vedi altri 2 post

Teobaldo Di Provins · Top Commentator · Roma
Ormai il doroteo del terzo millennio è politico maturo a tutto tondo!
Rispondi · · Ieri alle 11.31

agrega un comentario


Maugeri, Formigoni accusato di associazione a delinquere
Por ¿son estos los politicos que ustedes quieren? - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:53 PM

Maugeri, Formigoni accusatodi associazione a delinquere

Maugeri, Formigoni acusado de conspiración ycorrupcion (uno de la Lega Nord)

Diciassette indagati, ventuno imputazioni, due delle quali a carico di Roberto Formigoni, governatore uscente della Lombardia e candidato al Senato per il Pdl: «Corruzione e associazione a delinquere».

TUTTI I NOMI NELL'AVVISO CHIUSURA INDAGINI | Fotostory del "celeste" | Modaiolo e ballerino, Formigoni in 10 video

Si chiude così, con un comunicato emesso alle 18,20 di ieri sera dal procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, l’inchiesta monstre su uno dei due grandi scandali della sanità privata in Lombardia, il caso Maugeri.

Un’indagine ormai nota, se non altro per il coinvolgimento del «Celeste» ex inquilino del Pirellone, che in cambio di presunte «utilità» per circa otto milioni di euro avrebbe garantito delibere favorevoli alle cliniche pavesi Maugeri, per le quali si sarebbe prodigato in Regione l’amico del governatore Pierangelo Daccò, già in carcere e condannato a dieci anni in primo grado per l’altra grande inchiesta sul San Raffaele di don Verzè.

Tra queste presunte «utilità» contestate a Formigoni ci sono i famosi viaggi, l’uso degli yacht e lo sconto per l’acquisto di una villa ad Arzachena, in Sardegna, da parte dell’amico Alberto Perego, anch’egli indagato. Mentre dall’analisi dei suoi conti correnti, risulterebbe che Formigoni non avrebbe restituito alcun importo di denaro.

LE CARTE/ 1








LE CARTE/2












Di lui i pm scrivono: «Quale presidente della Regione Lombardia garantiva alla Fondazione Maugeri a fronte delle illecite remunerazioni, una “protezione globale”, e si adoperava affinché fossero adottati dalla Giunta, in violazione della legge, di anno in anno, provvedimenti diretti ad erogare consistenti somme di denaro e procurare altri indebiti vantaggi economici alla fondazione».

LE CLINICHE
Il riferimento alla «protezione globale» delle cliniche pavesi va legato almeno in parte alle cosiddette «funzioni non tariffabili», uno degli strumenti utilizzati per «trasferire ingenti risorse pubbliche, ulteriori rispetto ai rimborsi drg (quelli per le prestazioni sanitarie effettuate dalle cliniche private, ndr) e comunque a procurare alla fondazione Maugeri indebiti vantaggi (...)».

Tra gli altri, hanno ricevuto l’avviso di chiusura indagini anche Daccò e l’altro amico di Formigoni, Antonio Simone, ex assessore dc alla Sanità. E ancora alcuni vertici di Maugeri e Carlo Lucchina, direttore generale della Sanità lombarda, già coinvolto in altre inchieste. Tra i 17 c’è pure Carla Vites, moglie di Simone, che con una lettera pubblica, quando il marito era agli arresti, ha raccontato dell’amicizia di questi con Formigoni e Daccò. Le accuse ipotizzate nel fascicolo vanno, a vario titolo, dall’associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, alla frode fiscale, passando per il riciclaggio e l’interposizione fittizia.

Secondo la ricostruzione dei pm Laura Pedio, Gaetano Ruta e Antonio Pastore, del pool del procuratore aggiunto Francesco Greco, Formigoni sarebbe stato «promotore e organizzatore» della presunta associazione a delinquere e avrebbe garantito stabilmente tra il 1997 e il 2011 favori alla Fondazione Maugeri e in tempi più recenti al San Raffaele. In alcuni casi, da quanto si evince nel documento della procura, il governatore uscente e altri indagati chiamavano «Caffè Sanità» le riunioni che si sarebbero tenute per decidere quali favori attribuire alla Fondazione Maugeri.

A questo punto è scontato che la Procura passi alla richiesta di rinvio a giudizio per Formigoni e per gli altri indagati. Il governatore ha subito commentato la notizia della chiusura del dossier a suo carico con ironia. «Pensavo mi accusassero anche di omicidio e di strage e quindi posso dichiararmi soddisfatto», ha detto in prima battuta. «Rilevo che dopo un anno e mezzo potrò finalmente conoscere gli atti con i quali si pensa di potermi accusare. Ma nelle carte che sono state depositate non emerge nulla di nuovo che già il mondo non conoscesse».

Qundi l’affondo politico contro i magistrati: «La tempistica della Procura è come sempre molto efficiente: che cosa non si fa per cercare di coprire lo scandalo Monte dei Paschi di Siena che rischia di travolgere la sinistra? Cosi nel giro di 24 ore si incriminano Scaroni e Orsi, si condanna Pollari, si continua a distruggere l’Ilva, si depositano gli atti per Formigoni».
Articoli Correlati + Milano, Formigoni indagato per corruzione Il governatore: «Accuse false, non mi ... + Maugeri, pm accusano Formigoni «Associazione a delinquere» - Italia - notizie o... + Formigoni indagato. Lui: «Falso» - Italia - notizie online lavoro, recensioni, ... + L'ex assessore Cè: «Formigoni ha favorito privati» - Italia - notizie online la... + Mozzali: Daccò doveva darsi da fare con Formigoni - Italia - notizie online lav...


Diecisiete sospechosos, veintiún cargos, dos de ellos en contra de Roberto Formigoni, el gobernador saliente del candidato Lombardía y el Senado por el PDL, "La corrupción y conspiración."

Todos los nombres de las investigaciones Aviso de Cierre | Fotostory la "celestial" | moda y bailarina, Formigoni 10 vídeos

Así termina, en un comunicado emitido a las 18.20 horas de anoche por el fiscal jefe de Milán, Edmondo Bruti Liberati, la investigación monstre uno de los dos mayores escándalos en la sanidad privada en Lombardía, la Maugeri caso.

Una encuesta de la conocida, aunque sólo sea por la participación de ex inquilino 'Celeste' de la Torre Pirelli, que a cambio de presunta "utilidad" de unos ocho millones de euro asegurar clínicas resoluciones favorables Maugeri en Pavia, donde se prodigó Región en el amigo del gobernador Dacco Pierangelo, ya en prisión y condenado a diez años de la primera instancia a la otra encuesta importante sobre San Raffaele Don Verzé.

Entre estos llamados "utilidad", desafió a Formigoni son los famosos viajes, el uso del yate y el descuento para la compra de un chalet en Arzachena, Cerdeña, en el artículo 's de Alberto Perego, quien también fue investigado. Si bien un análisis de sus cuentas corrientes, parece que Formigoni no volvería cualquier cantidad de dinero.

TARJETAS / 1








TARJETAS / 2












Él la fiscalía escribió: "Como Presidente de la región de Lombardía garantizar la Fundación Maugeri en la cara de la remuneración ilegal, una" seguridad global "y se esforzó en ser adoptado por la Junta, en violación de la ley, de año en año, las medidas destinadas a desembolsar grandes sumas de dinero y proporcionar otros beneficios indebidos económicas a la fundación ".

LA CLÍNICA
La referencia a la "seguridad global" de la clínica Pavia deben estar vinculados por lo menos en parte, a los llamados "no-recargables funciones", una de las herramientas utilizadas para 'transferir cuantiosos recursos públicos, que no sean drg reembolso (los de los servicios de salud prestados por clínicas privadas, ed) y en todo caso para llevar a las ventajas Fundación Maugeri indebidos (...). "

Entre otros, han recibido el aviso de terminación de las investigaciones también Dacco y otro amigo de Formigoni, Anthony Simone, un ex concejal de CC de la Salud. Y sin embargo, algunos vértices de Maugeri y Charles Lucchina, Director General de Salud Lombard, quien ha estado involucrado en otras investigaciones. Entre los 17 también hay Carla Vites, esposa de Simón, que con una carta pública, cuando su esposo fue detenido, dijo a la amistad de las personas con Formigoni y Dacco. Los cargos son asumidos en el archivo, por diversas razones, la Asociación para la corrupción conspiración criminal, fraude fiscal, blanqueo de dinero y por medio de la interposición ficticia.

De acuerdo con la reconstrucción de Laura Pedio pm, Ruta Gaetano y Antonio Pastor, la piscina del fiscal Francesco griego, Formigoni sería un "promotor y organizador" de la supuesta conspiración y garantizaría estable entre 1997 y 2011 favores de la Fundación Maugeri y más recientemente en el San Raffaele. En algunos casos, como se puede ver en el documento de la representación, el gobernador saliente y otros acusados ​​llamado "reuniones Salud Café 'que se celebrarán para decidir qué favores atribuidos a la Fundación Maugeri.

En este punto se asume que el fiscal los pasos a la solicitud de juicio por Formigoni y los otros acusados. El gobernador inmediatamente comentó sobre la noticia del cierre del expediente contra él irónicamente. "Pensé que aún me acusan de asesinato y la masacre y por lo que estoy satisfecho definitivamente", dijo en el primer lugar. "Tomo nota de que después de un año y medio, por fin puedo saber los hechos que usted piensa que podría culpar. Pero en los documentos que se presentaron no reveló nada nuevo que el mundo no sepa ya. "

Luego vamos al empuje político contra los jueces: "El momento de la fiscalía es como siempre muy eficiente, lo que haces para tratar de encubrir el escándalo Monte dei Paschi di Siena, que amenaza con abrumar a la izquierda? Así que dentro de 24 horas incriminan Scaroni y los Bears, condena Pollari, seguimos destruyendo el Ilva, se instalan los actos Formigoni ".
Artículos relacionados + Milán, Formigoni investigado por corrupción del gobernador: "falsas acusaciones, yo no ... + Maugeri pm acusar Formigoni "Conspiracy" - Italia - noticias o ... + Formigoni investigado. Él: "Fake" - Italia - Noticias de trabajo en línea, comentarios, ... + El ex comisionado hay "Formigoni ha alentado privado" - Italia - noticias en línea ... + Mozzali: Dacco estaba ocupado con Formigoni - Italia - noticias en línea lav ...

agrega un comentario


Corruzione all’italiana
Por RACHEL DONADIO E ELISABETTA POVOLEDO - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 5:57 PM

Hace veinte años, un grupo de jueces prácticamente apedreado toda la clase política italiana a causa del alto nivel de corrupción. Hoy en día este mal parece resurgir más fuerte que antes, o al menos con una mayor tolerancia social y cultural después de populista el largo reinado de Silvio Berlusconi.

Un pago de $ 260.000 a la 'Ndrangheta de 4.000 votos. La adquisición de prostitutas para el primer ministro. En una sola región, el robo de más de $ 1.3 millones de dólares de las arcas públicas. Cenas suntuosas vacaciones y elegantes, todo ello a expensas del erario público.
En Italia, veinte años después del colapso del orden político de la posguerra debido al escándalo de soborno, está lloviendo otra vez, las denuncias de nuevos escándalos son siempre diferentes, incluso más que están erosionando la confianza, ya débil de por sí, que los italianos están poniendo los políticos. El último episodio condujo a la aparición del ex primer ministro Silvio Berlusconi, y la pregunta ahora es: ¿cuáles serán las consecuencias de la implosión pasado?

"Estamos en un momento de transición, y esto crea ansiedad", dice Michele Ainis, profesor de derecho constitucional y columnista político. "Cualquiera que vea que está terminando la fase de la Segunda República, y todavía no sé lo que será la tercera".

Tomando nota de la creciente indignación popular contra la malversación de los políticos, el gobierno interino del primer ministro Mario Monti ha aprobado recientemente una ley que crea un órgano de control para combatir la corrupción y el aumento de las penas para los delitos de extorsión y abuso de poder.
Monti, llegó al poder en noviembre, dijo que no quería ser parte de un partido político, pero no excluye a permanecer si fuera llamado a dirigir un gobierno democráticamente elegido después de las elecciones parlamentarias previstas para la próxima primavera.

El alto grado de corrupción que está saliendo hoy ha conmocionado a los italianos, incluso el más cínico. Roberto Formigoni, gobernador ya poderoso de la región de Lombardía, aseguró recientemente que disolver el gobierno regional a causa de los escándalos que ya han derrocado al presidente de la región del Lazio y llevó a la disolución del consejo de la ciudad de Reggio Calabria para prevenir ' infiltración de la delincuencia organizada.

Formigoni, una figura destacada del Pueblo de la Libertad (que pertenece Berlusconi) quien gobernó Inglaterra desde hace 17 años, dijo que su gobierno había llegado a su fin tras la reciente detención de un concejal en el final de una investigación sobre la compra de votos , otro concejal (hay alrededor de una docena) involucrados en escándalos.

Formigoni está siendo investigado por la presunta aceptación de vacaciones pagadas y yates viajes un grupo de presión para el sector de la salud. Él niega las acusaciones y dice que la mayoría de los ciudadanos quieren permanecer en el poder.

En una reciente entrevista con el Ministro de Justicia Paola Severino dijo que los recientes escándalos son la investigación más seria llamada "Manos Limpias" - que hace veinte años se ha suprimido una clase política - porque ocurrió en un momento de "gran debilidad política ".

"Aprovechando ilegalmente el dinero público se está convirtiendo en algo muy serio. Pero sacar provecho ilegalmente de dinero público mientras que usted está pidiendo a los ciudadanos a hacer sacrificios es algo muy serio ", dijo a Sky TG24.

Muchos de los escándalos de hoy tienen su origen en una ley de 2001 destinada a promover un mayor federalismo y, en teoría, una mayor transparencia a nivel local. La medida, que ha proporcionado un generoso financiamiento estatal, sin imponer a las regiones a recoger una gran cantidad de dinero en su cuenta, tuvo un fuerte impacto, estimulando el gasto imprudente en todo el país.

"En realidad, fue como darle una tarjeta de crédito a alguien y decir: 'Haz lo que quieras'", dice Roberto Perotti, profesor de Economía en la Universidad Bocconi de Milán.
Aunque los tiempos han cambiado. "En la actualidad, las empresas no tienen dinero para sobornar, por lo que los políticos se conectan directamente a los fondos públicos", dice Marco Cobianchi, autor de dos libros sobre la corrupción.

Con la creación de las provincias italianas en 1970, y especialmente en los años posteriores a 2001, el costo de los gobiernos regionales se ha disparado. Incluso los sueldos de los 1.113 concejales italianos se han disparado, alcanzando cifras de entre 4.000 y $ 6.500 por mes y dos veces con frecuencia, debido a características adicionales: una rica recompensa que el salario promedio en Italia, cerca de $ 1.500 por mes. Después de que el año pasado el gobierno ha elevado la edad de jubilación a los 62-66 años en una reforma compleja, hay menos tolerancia para los políticos, que por ley se les permite acumular una segunda pensión generosa mucho antes de la 'edad de jubilación (en algunas regiones comienzan a recibir estas anualidades a 50 años).

Debido a todo lo que se ha arraigado cada vez mayor protesta popular para reducir el costo de la política, pero los partidos políticos son lentos en responder. Muchas de las propuestas de reforma se han diluido o se han estancado en la ley, incluida la reforma para reducir el número de consejeros regionales.

"El nivel de ira en todos los sectores de la población, de norte a sur, sugiere que el punto de ebullición está cerca", dijo Perotti.

Con los políticos sumidos en escándalos, el descontento se encuentra en niveles altos, y que seis meses antes de las elecciones parlamentarias, lo que dejó al ganador esperado, pero sin el apoyo necesario para formar un gobierno. Fuerzas populistas y se opuso a la política, tales como el Movimiento de Five Star cómico Beppe Grillo, ganar terreno.

Las encuestas muestran que la participación va a tocar niveles históricos: "Siempre he votado, pero estos políticos merecen una abstención del 99% en las próximas elecciones para que les dé una señal", dijo Massimo Rossi, de 49 años, un vendedor ambulante en Roma mientras que dejar caer una caja de frijoles.

"Desafortunadamente, es un fenómeno amplio espectro", agregó. "Yo no estoy hablando de los partidos políticos o los colores políticos, pero la falta de gente que realmente representan a nosotros los ciudadanos".

Algunos dicen que los nuevos escándalos han puesto de manifiesto una nueva cultura política basada más en el estilo de vida que la ideología. Ha puesto de manifiesto "una perversión de la política, que se ha convertido para muchos en un comercio, un sistema de colocación de alto rendimiento", escribió Ezio Mauro, editor del diario La Repubblica.

Tomando nota de la "sensación de impunidad" sembrado durante los años de Berlusconi, "el debilitamiento del sentido de la política y la perversión de la naturaleza" llevado a Italia en este punto, agregó. "Nuestra democracia ha sido erosionado por las tangentes en el '92, hoy está enfermo".

Gherardo Colombo, uno de los MP de la Fiscalía de Milán, hace veinte años que llevó a la investigación de casos de malversación de fondos, dijo que las instituciones italianas hoy son más débiles que los años 90. La legislación que se ha desarrollado en las últimas dos décadas "ha facilitado la corrupción, así como lo hizo más difícil de descubrir", dijo.

Colombo dice que hubo también cambios culturales que la sociedad italiana acepta el clima de anarquía. "Hay indignación, pero sólo indiferencia, y esto no es una buena señal", y añade, concluyendo que "esto significa que hay decepción, pero también que la gente no lo ve como un problema que necesita ser cambiado" .

[Artículo original "Corrupción a la italiana", de Rachel Donadio y Povoledo Elisabetta]

-----------------------------------------------------------------------

Vent’anni fa un gruppo di giudici ha praticamente lapidato l’intera classe politica italiana a causa dell’alto livello di corruzione. Oggi questo male sembra ripresentarsi ancor più forte di prima, o almeno con maggior tolleranza sociale e culturale, dopo il lungo regno populista di Silvio Berlusconi.

Un pagamento di 260.000 dollari alla ‘ndrangheta per 4.000 voti. Procacciamento di prostitute per il primo ministro. Solo in una regione, il furto di più di 1,3 milioni di dollari dalle casse pubbliche. Sontuose vacanze e cene eleganti, tutto a spese dell’erario.
In Italia, vent’anni dopo il crollo dell’ordine politico del dopoguerra dovuto allo scandalo delle tangenti, piovono di nuovo accuse riguardanti nuovi scandali sempre diversi, che ancor di più stanno erodendo la fiducia, già debole di per sé, che gli italiani ripongono nei politici. L’ultimo episodio portò all’ascesa dell’ex primo ministro Silvio Berlusconi, e la domanda ora è: quali saranno le conseguenze dell’ultima implosione?

“Siamo in un momento di transizione, e questo crea ansia”, dice Michele Ainis, professore ordinario di diritto costituzionale ed editorialista politico. “Chiunque vede che sta terminando la fase della Seconda Repubblica, e ancora non sappiamo quale sarà la Terza”.

Prendendo atto della crescente indignazione popolare nei confronti della malversazione da parte dei politici, il governo tecnico del primo ministro Mario Monti ha da poco approvato una legge che crea un organo di vigilanza per combattere la corruzione e che aumenta le pene per i reati di estorsione e abuso di potere.
Monti, salito al potere lo scorso novembre, ha detto che non vuole far parte di un partito politico, ma non esclude di rimanere qualora fosse chiamato a guidare un governo eletto democraticamente, dopo le elezioni politiche previste per la prossima primavera.

L’alto grado di corruzione che oggi sta venendo fuori ha meravigliato gli italiani, anche i più cinici. Roberto Formigoni, già potente governatore della Regione Lombardia, di recente ha assicurato che scioglierà la giunta regionale a causa dell’aumento degli scandali che hanno già rovesciato la presidente della Regione Lazio e hanno portato allo scioglimento del consiglio comunale di Reggio Calabria per impedire l’infiltrazione della criminalità organizzata.

Formigoni, personaggio di spicco del Popolo della Libertà (cui appartiene Berlusconi) che ha governato la Lombardia per 17 anni, ha detto che il suo governo era giunto al termine dopo il recente arresto di un assessore al termine di un’inchiesta sulla compravendita di voti, l’ennesimo assessore regionale (sono una dozzina circa) coinvolto in scandali .

Formigoni è indagato con l’accusa di aver accettato vacanze pagate e viaggi in yacht da un lobbista del settore sanitario. Lui nega ogni addebito e dice che la maggioranza dei cittadini vuole che rimanga al potere.

In una recente intervista il Ministro della Giustizia Paola Severino ha detto che gli ultimi scandali sono più gravi dell’inchiesta denominata “Mani Pulite” – che venti anni fa ha cancellato un’intera classe politica – perché si sono verificati in un momento di “grande debolezza politica”.

“Lucrare illecitamente sul denaro pubblico rappresenta cosa sempre estremamente grave. Ma lucrare illecitamente sul denaro pubblico mentre si stanno chiedendo sacrifici ai cittadini è una cosa di una gravità inaudita”, ha detto a Sky Tg24.

Molti degli scandali odierni affondano le radici in una legge del 2001 volta a promuovere un maggior federalismo e, in teoria, una maggiore trasparenza locale. Il provvedimento, che ha distribuito un generoso finanziamento statale senza imporre alle Regioni di raccogliere un’ingente quantità di denaro per contro proprio, ha avuto un forte impatto, incoraggiando spese sconsiderate in tutto il paese.

“In effetti, era come dare una carta di credito a qualcuno e dirgli: ‘Fa’ quel che vuoi’”, dice Roberto Perotti, professore ordinario di Economia alla Bocconi di Milano.
Anche i tempi sono cambiati. “Attualmente le imprese non hanno soldi per corrompere, così i politici si attaccano direttamente ai fondi pubblici”, osserva Marco Cobianchi, autore di due libri sulla corruzione.

Con la creazione delle province italiane nel 1970, e in particolare negli anni successivi al 2001, il costo dei governi regionali è salito alle stelle. Anche gli stipendi dei 1.113 consiglieri regionali italiani sono lievitati, giungendo a cifre tra i 4.000 e i 6.500 dollari al mese e spesso al doppio per via di prestazioni aggiuntive: una ricca ricompensa rispetto al salario medio in Italia, circa 1.500 dollari al mese. Dopo che l’anno scorso il governo ha innalzato l’età pensionabile a 62-66 anni nell’ambito di una complessa riforma, c’è meno tolleranza per i politici, ai quali per legge è consentito accumulare una generosa seconda pensione molto prima dell’età pensionabile (in alcune regioni si iniziano a ricevere questi vitalizi a 50 anni).

A causa di tutto ciò ha attecchito una crescente protesta popolare per ridurre il costo della politica, ma i partiti politici sono lenti a dare risposte. Molte riforme proposte sono state annacquate o si sono arenate a livello legislativo, compresa la riforma per ridurre il numero dei consiglieri regionali.

“Il livello di rabbia in tutti i settori della popolazione, da nord a sud, suggerisce che il punto di ebollizione è vicino”, ha detto Perotti.

Con i politici impantanati negli scandali, il malcontento è a livelli alti, e questo sei mesi prima delle elezioni politiche anticipate, delle quali la sinistra si prevede vincitrice ma priva del sostegno necessario a formare un governo. Forze populiste e opposte alla politica, come il Movimento Cinque Stelle del comico Beppe Grillo, guadagnano terreno.

I sondaggi mostrano che l’astensionismo toccherà livelli storici: “Ho sempre votato, ma questi politici meritano un tasso di astensione del 99% alle prossime elezioni, per dar loro un segnale”, ha dichiarato Massimo Rossi, 49 anni, venditore ambulante a Roma, mentre sistemava una cassetta di fave.

“Sfortunatamente è un fenomeno ad ampio spettro”, ha aggiunto. “Non sto parlando di partiti politici o colori politici, ma della mancanza di persone che realmente rappresentino noi cittadini.”

Alcuni dicono che i nuovi scandali hanno rivelato una nuova cultura politica basata più sullo stile di vita che sull’ideologia. Hanno messo a nudo “un pervertimento della politica, divenuta per molti un mestiere, un sistema di collocamento ad alta rendita”, ha scritto Ezio Mauro, direttore del quotidiano La Repubblica.

Notando il “senso di impunità” seminato durante gli anni di Berlusconi, “l’indebolimento del significato della politica e lo stravolgimento della sua natura” ha portato l’Italia a questo punto, ha aggiunto. “La nostra democrazia era corrosa dalle tangenti nel ’92, oggi è malata”.

Gherardo Colombo, uno dei p.m. della Procura di Milano che condussero vent’anni fa le indagini sui casi di appropriazione indebita, dice che le istituzioni italiane oggi sono più deboli rispetto ai primi anni ’90. La legislazione elaborata nel corso degli ultimi due decenni “ha facilitato la corruzione, così come ha reso più difficile scoprirla”, ha osservato.

Colombo sostiene che ci sono stati anche cambiamenti culturali e che la società italiana accetta il clima di illegalità. “Non c’è indignazione, ma solo indifferenza, e questo non è un buon segno”, e aggiunge, concludendo, che “ciò significa che c’è delusione, ma anche che la gente non lo vede come un problema che va cambiato”.

[Articolo originale "Corrupción a la italiana" di Rachel Donadio e Elisabetta Povoledo]

agrega un comentario


A 20 anni da Tangentopoli: corruzione e crisi del sistema politico
Por Gabriele D'Angeli - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:01 PM

Por favor traducir yo no tengo tiempo gracias pero si leen esto sabran porque aparte Grillo todos los demas son un voto mal gastado ...


Nel 1992 Mario Chiesa, dirigente socialista, viene arrestato in flagranza di reato per tangenti. È l’inizio di Tangentopoli. Lo scandalo di Chiesa apre una stagione di incubi per dirigenti socialisti e democristiani che vengono coinvolti in scandali sempre maggiori.
In un grave contesto di crisi politica ed economica, i principali partiti della borghesia, il Psi e la Dc, vengono travolti dalle inchieste di “Mani Pulite” e di lì a poco sarebbero crollati dopo oltre un cinquantennio di dominio, trovandosi, nel giro di pochi mesi, fuori dai giochi.

La borghesia italiana si trovò costretta in quegli anni ad adottare la misura del governo tecnico come strumento per sferrare colpi decisivi alla classe lavoratrice in nome dei sacrifici per tutti e dell’unità nazionale nell’interesse del paese. Grazie a questi governi la borghesia riuscì ad ottenere, tra le altre cose, l’abolizione della scala mobile, l’orgia di privatizzazioni del patrimonio pubblico, la modifica della legge elettorale, spazzando via definitivamente il sistema proporzionale. Ma, la soluzione tecnica aveva un carattere necessariamente temporaneo e Confindustria doveva trovare un quadro più stabile e che rispondesse il più possibile alle prorpie esigenze. Furono queste le basi dell’appoggio della borghesia italiana all’ingresso di Berlusconi in politica.
La nascita di Forza italia (cui aderirono anche transfughi di Psi e Dc), e lo sdoganamento del Msi, diedero alla borghesia una rappresentanza politica più stabile e dall’immagine più pulita rispetto alla vecchia classe dirigente. Questo apriva la strada ad una nuova stabilità del quadro politico, mentre a destra si andava consolidando la Lega nord come forza populista e reazionaria in grado di raccogliere in parte i voti di protesta, a destra, contro il tradizionale sistema politico ormai in crisi e screditato.
Dopo vent’anni il quadro sembra ripresentarsi, ma le contraddizioni sono ancora più profonde. La crisi economica attuale assume un carattere ancora peggiore rispetto a quella degli anni ‘90.
La crisi dei partiti attraversa tutti gli schieramenti politici, senza eccezioni. Colpisce la regione Lombardia, il Lazio, la Puglia, l’Emilia Romagna. La crisi che ora stanno attraversando questi partiti (soprattutto il Pdl, in caduta libera e in preda a spinte centrifughe) non è di natura morale, ma riguarda la loro natura di classe. La borghesia italiana ha sempre faticato nei decenni a trovare un partito politico che la rappresentasse pienamente. Questo ruolo è stato assolto di volta in volta da attori diversi tutti puntualmente entrati in crisi, spesso per questioni di corruzione e tangenti. Ora, quello stesso sistema che ha garantito una certa stabilità per circa vent’anni sta andando anch’esso in frantumi.
Il significato della corruzione nel sistema capitalista
Molti, sembra che di fronte agli scandali della cosiddetta casta, l’unica opzione sia il grillismo, fenomeno per certi versi simile a quello del populismo leghista degli anni ‘90 che agitava manette e cappi in parlamento. Certamente il M5s raccoglie un consenso su un tema molto sentito, in particolare dai proletari che faticano ad arrivare alla fine del mese e vedono i politici nelle istituzioni che sperperano in festoni a luce rosse denaro pubblico, frutto del loro sudore. Questi politici sembrano come gli ultimi imperatori di Roma asseragliati nei loro splendidi palazzi, dediti allo sperpero di denaro pubblico, mentre la plebe versava nella miseria e l’impero stava crollando. L’analogia non è casuale.
La domanda centrale che ci dobbiamo porre è: a chi serve la corruzione? In un sistema dove tutti i mezzi sono leciti per realizzare profitti, corrompere i politici è uno dei tanti strumenti a disposizione dei padroni per raggiungere tale obiettivo. Se ci sono i corrotti, ci devono essere anche i corruttori, vale a dire chi ha a disposizione il capitale necessario per arricchire i tanti parvenu della politica. Se i politici canbiano ma le grandi famiglie capitaliste di questo paese sono sempre le stesse, non deve essere così difficile capire chi ha creato e a chi giova il sistema del malaffare.
Che significato ha dunque la corruzione? In primo luogo, è un’arma di dominio di classe. Serve a comprare voti, favori e in generale a mantenere in piedi un sistema di dominio e sfruttamento utile alla classe capitalista. Inoltre, l’enorme sperpero di denaro pubblico, mentre tutto il sistema è in rovina e al collasso, rappresenta plasticamente l’incapacità dei partiti borghesi di guidare la società.
Se è vero che nelle classifiche europee l’Italia si colloca tra i punti più alti per corruzione (non a caso vicino alla Grecia e alla Spagna), questo dipende unicamente dal carattere particolarmente parassitario della borghesia italiana e dei suoi rappresentanti politici. Fin dall’unità d’Italia l’intreccio tra capitale privato, Stato e corruzione è evidente, a cominciare dallo scandalo della Banca romana dal 1893. Dopo la Seconda guerra mondiale, la Dc si trovò a gestire ingenti quantità di denaro pubblico attraverso il Piano Marshall o la Cassa per il Mezzogiorno, utilizzando questi soldi per mantenersi al potere sulla base di un sistema di sfruttamento.
Tuttavia la corruzione non è solo un fenomeno italiano. Pensiamo al caso della “corruzione legalizzata” delle lobbies americane o europee, gruppi di potere economico che esercitano pressioni sulla politica e in cui l’intreccio tra finanza e politica è fortissimo.
Oggigiorno è evidente che, in un contesto di crisi come quello che stiamo attarversando, per la borghesia tutto questo rappresenta un costo esorbitante e inaccettabile. La Corte dei conti ha valutato la perdita economica a causa della corruzione in ben 60 miliardi l’anno, senza contare i danni indiretti alla collettività in termini di cattivo funzionamento della pubblica amministrazione, dei servizi e delle opere pubbliche. Queste ultime subiscono un aumento del 40% dei costi a causa della corruzione. Il mostro creato dal capitale rischia di sfuggire di mano ai padroni stessi. I borghesi “buoni” come Della Valle o Montezemolo oggi gridano allo scandalo. Il governo dei banchieri e degli industriali tenta di approvare una legge anticorruzione. Ma sarà solo fumo negli occhi. La verità è che per quante norme si possano introdurre lo stretto legame tra fenomeni di corruzione e dominio di classe sono indissolubili e non è sufficiente fare piazza pulita dei personaggi loschi dediti al malaffare per eleminare il problema della corruzione.
Né la magistratura né il populismo ci salveranno
Negli anni ‘90, all’epoca di Tangentopoli, moltissimi italiani tifavano per Di Pietro. Divenuto leader dell’Idv, si è distinto nel costruirsi un’immagine di santità morale contro la corruzione, il malaffare, gli sprechi dei politici e l’abiezione morale di Berlusconi e soci.
A distanza di qualche anno il bilancio è presto fatto: anche il suo partito è stato attraversato da mille contraddizioni politiche e dagli scandali come nel Lazio. A queste formazioni politiche non sono bastati né l’aura sacrale della magistratura, né una astratta difesa della morale per impedire loro di essere travolti dagli scandali giudiziari. Dopotutto è utile chiedersi perché la magistratura proprio adesso, come vent’anni fa, colpisce un intero sistema politico. Berlusconi e amici hanno sempre pagato tangenti e sperperato denaro pubblico in festini, regali e quant’altro, eppure solo ora si procede con avvisi di garanzia, arresti, condanne.
La verità è che data la sua crisi profondissima, la borghesia vuole mostrare di fare pulizia in casa propria con l’obiettivo, ancora una volta, di disegnare un quadro politico più stabile tale da potergli assicurare ancora dominio e maggiori profitti.
Una forza politica di classe sarebbe l’unica in grado di porre la questione in termini di lotta al sistema politico di corruzione come lotta al sistema di dominio e di sfruttamento del capitale.
La denuncia del malaffare non può prescindere dalla lotta al sistema economico che si fonda proprio sulla corruzione, le tangenti e i voti di scambio. In questo quadro Rifondazione comunista deve rompere con il proprio codismo verso formazioni politiche che non riescono a cogliere questo nesso, rivendicando, tra l’altro, il salario operaio per chiunque ricopra cariche istituzionali, la rotazione delle cariche e la revocabilità in qualsiasi momento di ogni istituzionale e collegare questa lotta a quella più generale per l’abbattimento del sistema capitalistico.

agrega un comentario


Immagine a pezzi.
Por grillo hablante - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:02 PM

ROMA - Il decreto legge sul taglio dei costi della politica per gli enti locali è stato approvato dal Consiglio dei ministri. Un'accelerazione dovuta al fatto che "l'opinione pubblica è sgomenta di fronte a fatti che minano gravemente la fiducia e la reputazione del Paese e la sua credibilità", come ha detto Mario Monti a conclusione della riunione. Gli scandali, infatti, ha aggiunto il premier, rischiano di vanificare "lo sforzo che stiamo tutti facendo perché il ruolo dell'Italia, paese civile e democratico, venga pienamente riconosciuto a livello internazionale".

Immagine a pezzi. "Possiamo immaginare quale effetto può avere sull'immagine dell'Italia - ha proseguito Monti - quando si verificano episodi di evasione fiscale o corruzione. Che può pensare un cittadino straniero quando vede scorrere certe immagini di festini inqualificabili alla televisione? Per l'Italia è un danno incalcolabile". "Il decreto sulla trasparenza sui costi degli apparati politici - ha aggiunto - è una misura richiesta dagli stessi presidenti delle Regioni e dai cittadini, che dopo i fatti inqualificabili che sono successi, sono indignati che a loro si richiedano sacrifici anche pesanti mentre mondo politica sembra essere esentato". Monti ha parlato anche del ddl sulla corruzione: "Temi come la lotta alla corruzione - ha detto - dovrebbero far parte del Dna di ogni partito e spero che si raggiunga presto un accordo perché tassello essenziale per il Paese".

Ecco dunque le misure principali del decreto legge sui tagli alla politica.

Taglio ai compensi. I compensi dei consiglieri e degli assessori, chiarisce Monti, vengono regolati in modo che non eccedano il livello di retribuzione riconosciuto dalla Regione più virtuosa. Il provvedimento vieta il cumulo di indennità ed emolumenti. Le Regioni che non introdurranno il sistema di controllo di spesa previsto dal decreto varato oggi dal governo saranno sanzionate prima con un taglio fino all'80% dei trasferimenti dello stato, eccetto che su sanità e trasporto, e poi in caso di recidiva con lo scioglimento del Consiglio. Vengono aboliti i finanziamenti ai gruppi composti da un solo consigliere. I finanziamenti a favore dei gruppi consiliari, dei partiti e dei movimenti politici vengono ridotti del 50% e allineati anche in questo caso al livello della Regione più virtuosa.

Stop a vitalizi facili. Monti ha espressamente citato il caso della Regione Lazio per annunciare che il diritto al vitalizio scatterà dopo il compimento dei 66 anni. Il decreto legge conferma in fatti l'eliminazione dei vitalizi e l'applicazione del metodo contributivo per il calcolo della pensione. Nelle more, spiega la nota di Palazzo Chigi, potranno essere corrisposti trattamenti pensionistici o vitalizi in favore di coloro che abbiano ricoperto la carica di presidente della Regione, di consigliere regionale o di assessore regionale solo se i beneficiari abbiano compiuto 66 anni d'età e ricoperto la carica, anche se non continuativamente, per almeno 10 anni. La norma va a "colpire" il protagonista dell'ultimo scandalo, l'ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio, Franco Fiorito, che altrimenti avrebbe preso la pensione a cinquant'anni.

Riduzione delle poltrone. Oltre ai compensi, nella politica vengono ridotti anche i posti. Il decreto approvato dal governo, infatti, taglia il numero di consiglieri e assessori applicando il decreto anticrisi 138 del 2011. La riduzione dovrà essere realizzata entro 6 mesi dall'entrata in vigore del dl, ad esclusione delle Regioni in cui è prevista una tornata elettorale. In tal caso verrà applicato dopo le elezioni. Come ha spiegato il sottosegretario Antonio Catricalà, i consigli delle Regioni che non attueranno le disposizioni contenute nel decreto sui tagli ai costi della politica saranno sciolti "per gravi inadempienze di legge".

Controlli Corte dei Conti anche con Gdf. L'attività degli enti, inoltre, sarà sottoposta a controlli rigidissimi. Sindaci e presidenti di Provincia dovranno trasmettere ogni tre mesi, alla sezione regionale della Corte dei conti, un "referto sulla regolarità della gestione e sull'efficacia e sull'adeguatezza del sistema dei controlli interni adottato, sulla base delle Linee guida deliberate dalla Sezione delle autonomie della Corte dei conti".

Per le sue verifiche sui conti delle Regioni, invece, la Corte dei conti potrà avvalersi della Guardia di finanza, che "esegue le verifiche e gli accertamenti richiesti [...] agendo con i poteri di indagine ad esso attribuiti ai fini degli accertamenti relativi all'imposta sul valore aggiunto e alle imposte sui redditi".

Pareggio bilancio, stop spesa a chi lo viola. Il decreto sui costi della politica fissa poi specifiche responsabilità di controllo sugli equilibri finanziari degli enti territoriali, prevedendo non solo il rispetto delle disposizioni finanziarie degli enti locali e degli obiettivi di finanza pubblica ma anche delle nuove norme dell'art.81 della Costituzione, che impone il pareggio di bilancio. Per gli enti locali che presentano un disavanzo di amministrazione o debiti fuori bilancio, per i quali non sono stati adottati strumenti di salvaguardia del bilancio, scatta un semaforo rosso sulla spesa: potranno assumere impegni e pagare spese unicamente per i servizi previsti dalla legge. Sono fatte salve le spese da sostenere a fronte di impegni già assunti nei precedenti esercizi.

Gli enti locali possono deliberare "le aliquote o le tariffe dei tributi nella misura massima consentita, anche in deroga ad eventuali limitazioni disposte dalla legge" per assicurare il graduale riequilibrio finanziario, per tutta la durata del piano per rimettere in sesto i conti, piano che può avere durata non superiore a cinque anni. Lo prevede, tra le altre misure, la bozza del decreto all'esame del Cdm. I servizi, come la raccolta dei rifiuti, dovranno avere una copertura integrale dei costi.

Non candidabili amministratori che hanno contribuito a dissesto. Il decreto prevede anche che sindaci e presidenti di Provincia che hanno contribuito al dissesto "non sono candidabili per 10 anni" a numerose cariche tra cui quelle nelle giunte e nei consigli e nel Parlamento. In arrivo anche pesanti sanzioni. "Gli amministratori che la Corte dei Conti ha riconosciuto, anche in primo grado, responsabili di aver contribuito con condotte, dolose o gravemente colpose, sia omissive che commissive, al verificarsi del dissesto finanziario - si legge nel testo del dl - non possono ricoprire, per un periodo di dieci anni, incarichi di assessore, di revisore dei conti di enti locali e di rappresentante di enti locali presso altri enti, istituzioni ed organismi pubblici e privati. I sindaci e i presidenti di provincia ritenuti responsabili ai sensi del periodo precedente, inoltre, non sono candidabili, per un periodo di dieci anni, alle cariche di sindaco, di presidente di provincia, di presidente di Giunta regionale, nonché di membro dei consigli comunali, dei consigli provinciali, delle assemblee e dei consigli regionali, del Parlamento e del Parlamento europeo. Non possono altresì - prosegue il decreto legge - ricoprire per un periodo di tempo di dieci anni la carica di assessore comunale, provinciale o regionale né alcuna carica in enti vigilati o partecipati da enti pubblici. Ai medesimi soggetti, ove riconosciuti responsabili, le sezioni giurisdizionali regionali della Corte dei conti irrogano una sanzione pecuniaria pari ad un minimo di cinque e fino ad un massimo di venti volte la retribuzione dovuta al momento di commissione della violazione".

Controlli su società partecipate. "L'ente locale definisce, secondo la propria autonomia organizzativa, un sistema di controlli sulle società partecipate dallo stesso ente locale". E' quanto prevede lo schema di provvedimento legislativo d'urgenza recante disposizioni in materia di finanza e di funzionamento degli enti locali, al quale il governo sta lavorando in queste ore, avvalendosi delle indicazioni fornite dalla Conferenza delle Regioni. "Tali controlli", si legge ancora, "sono esercitati dalle strutture proprie dell'ente locale, che ne sono responsabili. "L'amministrazione definisce preventivamente gli obiettivi gestionali a cui deve tendere la società partecipata, secondo standard qualitativi e quantitativi, e organizza un idoneo sistema informativo".

Modifica aliquote Imu fino al 31 ottobre. Le aliquote Imu potranno essere modificate dai Comuni fino al 31 ottobre, il termine ultimo per l'approvazione dei bilanci previsionali comunali. Si riaprono così i termini scaduti a settembre. Lo prevede la bozza del decreto sui costi della politica all'esame del Cdm, che fa slittare al 30/11 il termine per la dichiarazione Imu.

Crescita bis. Quanto al nuovo decreto sviluppo approvato in Cdm, detto anche 'Secondo decreto crescita', il provvedimento punta a completare gli interventi rivolti a cittadini e imprese per agevolare il rapporto con la Pubblica amministrazione e snellire il peso della burocrazia. Interventi che vanno dalla Pa digitale alle start up, le
nuove imprese innovative, dagli strumenti fiscali per agevolare la realizzazione di infrastrutture con capitali privati, all'attrazione degli investimenti esteri in Italia, fino a nuovi interventi di liberalizzazione, in particolare nel settore Rc auto.

Agenda digitale. Aumentano i servizi digitali per i cittadini, che potranno avere un unico documento elettronico, valido anche come tessera sanitaria, attraverso il quale rapportarsi con la pubblica amministrazione. Via libera anche alle ricette mediche digitali, al fascicolo universitario elettronico, all'obbligo per la Pa di comunicare attraverso la posta elettronica certificata e di pubblicare online i dati in formato aperto e riutilizzabile da tutti.

Taglio alle Forze Armate. Prima dei decreti, il consiglio dei ministri ha approvato anche uno dei regolamenti attuativi del decreto sulla spending review, quello relativo alla riduzione degli organici delle Forze armate da 190.000 a 170.000 unità. Dall'intervento sono esclusi carabineiri e capitanerie di porto. In particolare, sono previste disposizioni di riduzione degli organici complessivi del personale militare dirigente (generali e colonnelli, e gradi corrispondenti), degli organici di ciascuno dei ruoli degli ufficiali e del numero delle promozioni annuali ai gradi in cui l'avanzamento avviene a scelta. Previste anche disposizioni transitorie per realizzare la graduale riduzione dell'organico complessivo entro il 1° gennaio 2016.

(04 ottobre 2012) © RIPRODUZIONE RISERVATA

agrega un comentario


La corruzione costa all’Italia ben 60 miliardi ogni anno
Por politicos manga de chorros - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:06 PM

A parte Grillo, todos los politicos que hasta ahora governaron, son tos unos politicos manga de chorros, incluyendo los que se postulan para representar los italianos en el extranjero, aparte los del Movimento Cinque Stelle all' Estero, naturalmente ...

Come uscire da un Paese-scandalo?
Sergio Sentimenti - 07/11/2012
Secondo la stima di calcolo con cui si apre la prefazione al Libro Bianco di Monti, oltre 400 pagine frutto del lavoro della commissione costituita presso il Ministero della Funzione Pubblica, in questo momento la corruzione costa all’Italia ben 60 miliardi ogni anno, oltre al "rialzo straordinario che colpisce le grandi opere, valutabile intorno al 40 per cento" un costo in più per lo Stato (e quindi per i cittadini italiani) proprio in ragione del sempre maggior dilagare di questo fenomeno. E poi, un dato su cui riflettere: un’impresa su 4 va in difficoltà per colpa di questo sistema corrotto.
"Il diffondersi di pratiche corruttive mina la fiducia dei mercati, scoraggia gli investimenti, danneggia la competitività del Paese" dice il Libro Bianco, uno dei più importanti documenti internazionali sulle politiche anti-corruzione, presentato lunedì 22 ottobre, a palazzo Chigi, e che il 6 Novembre è stato presentato alla Treccani. Il Ministro della Giustizia sull’incandidabilità dei condannati espressa dal documento, assicura l’impegno “a costruire la norma entro un mese. Alle prossime elezioni – dice - non ci saranno candidati condannati con sentenza definitiva”. Per il Guardasigilli, i numerosi scandali che hanno travolto la politica italiana, fanno emergere che siamo di fronte a una “seconda Tangentopoli, che si innesta in un quadro di grande debolezza politica e di grandi bisogni del Paese”. “Lucrare sul denaro pubblico mentre si chiedono sacrifici ai cittadini – aggiunge – è inaudito”.
Non c’è dubbio, in Italia la criminalità ha sfruttato a proprio vantaggio la situazione, in questo momento di crisi economica, corrompendo diversi politici e investendo i propri ingenti capitali in tutta Italia.
A Settembre del 2012 anche il cardinale Angelo Bagnasco ha aperto il Consiglio permanente della Conferenza dei Vescovi Italiani, con un attacco alla corruzione dilagante accusando i politici di sottovalutarla. Bagnasco sottolinea “disagio e rabbia per gli onesti”, e dice: “Si parla di austerità e di tagli, eppure continuamente si scopre che ovunque si annidano cespiti di spesa assurdi e incontrollati». «In questa stagione sembriamo capitati in un vicolo cieco, costretti a subire la supremazia arbitraria della finanza rispetto alla vitalità civile e culturale”.
Gli scandali in Italia non sono mai finiti, solo negli ultimi 10 anni ne abbiamo potuto verificare la portata ingente, a partire dal Laziogate, che dal 2005 vede indagati, con l'accusa di accesso abusivo a sistema informatico, favoreggiamento e violazione della legge elettorale, Francesco Storace, l'allora presidente della regione Lazio ed altre nove persone. Il 5 maggio 2010 Francesco Storace viene condannato in primo grado a 1 anno e 6 mesi per accesso abusivo all’anagrafe. Oltre all'ex Presidente della Regione Lazio sono stati condannati a 2 anni di reclusione il suo ex portavoce Nicolò Accame, ad un anno di reclusione per l’ex direttore tecnico della società Laziomatica, Nicola Santoro e Romolo Reboa e Pierpaolo Pasqua. Il 7 maggio 2011 Storace ha invece ottenuto il diritto al risarcimento dei danni subiti nella campagna elettorale del 2005 dalla falsificazione delle firme operata dai sottoscrittori della lista concorrente di Alternativa Sociale. Una corruzione che interessa tutto il Paese, dal Laziogate al Telecom-Sismi, dagli appalti truccati alle condanne per disastri ambientali, dalle discariche abusive alle mafie. Basta dare un’occhiata a ciò che scrivono alcune testate autorevoli di altri Paesi, per affacciarsi alla nostra situazione da un tele-obbiettivo esterno: il New York Times dopo l'ultima raffica di scandali per corruzione, scrive:
«Un pagamento di 260 mila dollari alla mafia calabrese per 4.000 voti. Il furto in una Regione di oltre 1,3 milioni di dollari dalle casse pubbliche. Sontuose vacanze e cene stravaganti con i soldi pubblici. Il giornale riporta che sull’onda «dell'indignazione pubblica il governo tecnico del premier Mario Monti ha approvato una legge che prevede la formazione di un organismo di sorveglianza contro la corruzione e l'inasprimento delle pene per estorsione e abuso d'ufficio».
E a proposito della dichiarazione del nostro Ministro della Giustizia dice: «In una recente intervista, il Ministro della Giustizia Paola Severino ha affermato che gli scandali sono peggio della cosiddetta indagine 'mani pulite' che 20 anni fa ha spazzato via un'intera classe politica». Per il NYT «molti degli scandali attuali hanno origine da una legge del 2001 che aveva lo scopo di promuovere un maggiore federalismo», ma l’obiettivo di una maggiore responsabilità finanziaria a livello locale ha avuto un altro esito, secondo il giornale: «il costo dei governi regionali è esploso e ora c'è un crescente clamore pubblico per il taglio dei costi della politica». È un'Italia sfiduciata e a rischio quella descritta dal New York Times.
A metà Ottobre, il Financial Times ("Scuola for scandal") sottolinea che la corruzione "semina dubbi sugli sforzi di riforma dell'Italia, che non è affatto fuori dalla crisi del debito. Nel lungo termine, scoraggia gli investimenti esteri diretti necessari per rinvigorire economia". L'editoriale del Financial Times si conclude con l'auspicio che la legge anticorruzione sia "il parametro con cui misurare l'adeguatezza delle tradizionali élite politiche a governare l'Italia dopo le prossime elezioni". Per il quotidiano spagnolo El Mundo, invece, il punto interrogativo rimane: "Un parlamento pulito dai delinquenti?" Se approvata definitivamente, la legge anti-corruzione proibirà espressamente alle persone condannate di candidarsi nelle liste elettorali. In un Parlamento dove un parlamentare su dieci è imputato, indagato o condannato per corruzione.
Gli ultimi scandali che hanno interessato il Lazio e la Lombardia hanno accelerato l'approvazione del ddl Severino (DDL sulle intercettazioni) per rafforzare il contrasto al dilagante fenomeno della corruzione nel nostro Paese. Dopo il terremoto giudiziario che ha travolto la governatrice del Lazio Renata Polverini e il governatore Formigoni, il ddl è passato al Senato con 228 voti di fiducia.
Con l’organismo anticorruzione "la lotta alla corruzione è stata assunta come una priorità del governo" I dati parlano chiaro: nella classifica del Corruption Perception Index di Trasparency International l'Italia è al 69° posto con Ghana e Macedonia. E nell'indice di percezione della corruzione che va da 1 a 5”, come scrive il rapporto, "le rilevazioni attribuiscono 4,4 ai partiti, 4 al Parlamento, 3,7 al settore privato e della pubblica amministrazione". Nel volume si ammette che il 64% degli intervistati "ritiene inefficace la risposta del governo al problema della corruzione".
Il rapporto del Governo sulla disamina dei costi della corruzione, che certo sono sotto stimati rispetto al loro effettivo ammontare perché bisogna considerare "il dato della scarsa propensione a denunciare i fatti di corruzione propria delle vittime che pure ne siano a conoscenza", è chiaro: ai 60 miliardi di euro all'anno valutati dalla Corte dei conti vanno aggiunti quelli "indiretti". Il rapporto scrive: "Si pensi a quelli connessi ai ritardi nel definire le pratiche amministrative, al cattivo funzionamento degli apparati pubblici, all'inadeguatezza, se non inutilità, delle opere pubbliche, dei servizi pubblici, delle forniture pubbliche". Sta qui quella che Monti chiama "la perdita di competitività del Paese". Si legge nel rapporto che "la corruzione, se non combattuta adeguatamente, produce costi enormi, destabilizzando le regole dello Stato di diritto e del libero mercato".
La scommessa di questo documento pare sia la trasparenza online, "nella possibilità per tutti i cittadini di avere accesso diretto all'intero patrimonio informativo delle pubbliche amministrazioni", fatta salva solo la privacy più stringente. Gli enti locali dovranno diventare un libro aperto disponibile per chiunque voglia informarsi. L'Italia potrà sfidare altri paesi che, come gli Usa, già sono su questa strada. Chi sarà eletto, a qualsiasi livello, dovrà garantire la totale trasparenza della sua vita e dei suoi averi. C’è chi parla di “libro dei Sogni”…ma la vera domanda è come uscire da un Paese–scandalo, come si sconfigge l’illegalità e la corruzione diffusa? Come riemergere nella qualità di cittadini, consumatori, elettori…Forse con una rivoluzione: morale, culturale, intellettuale, di coscienza, una nuova mentalità che parta dalla persona e possa privilegiare etica e onestà, per il bene comune.

agrega un comentario


Corruzione dilagante, ecco la lista dei politici indagati e corrotti
Por Agata Marino - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:07 PM

Italia; Corte dei Conti: corruzione dilagante, ecco la lista dei politici indagati e corrotti e ora anche in Germania Il presidente tedesco Christian Wulff ha annunciato le sue dimissioni!!
Scritto il 17 febbraio 2012 alle 13:52 da Agata Marino

Superiorità morale, condanna alla corruzione, quante volte abbiamo sentito queste parole in bocca ai politici? Tante! quelli del Partito democratico e della sinistra in generale alle inchieste ci stanno facendo l’abitudine, unendosi ai loro colleghi di altri partiti.Quanti sono gli indagati?
“60 MLD L’ANNO SONO I NUMERI DELLA PIAGA SOCIALE E DELLA CORRUZIONE: illegalità, corruzione, malaffare sono fenomeni ancora notevolmente presenti nel Paese e le cui dimensioni, presumibilmente, sono di gran lunga superiori a quelle che vengono, spesso faticosamente, alla luce”.
Da quando al comando del Pd c’è Pier Luigi Bersani sono quasi 400 gli indagati all’interno del partito, sfortunato!! oppure non ha indagato bene sul suo partito… è facile gridare alla giustizia e definirsi paladini e difensori della legalità… quando a cosa propria succedono le cose peggiori. Per chi volesse approfondire ecco il video QUI
L’ultimo caso arriva da Pomezia, dove un consigliere comunale, Renzo Antonini, è stato beccato con la busta in mano.
Per qualche appaltino!! favorendo l’assegnazione di appalti. Per non parlare delle tangenti rosse a Sesto (caso Penati) e quelle dell’Enac (caso Pronzato), i soldi rubati dai tesorieri (l’ex della Margherita Lusi, poi passato al Pd,milioni di Euro e NESSUNO SI è ACCORTO DI NULLA!!), le molestie sessuali (il vicepresidente del consiglio della Regione Umbria, Goracci) . Questo articolo insieme a quello di ieri, che potete leggere andando QUI,lo dovete conservare quando sarete chiamati a votarli, in tanto inserisco la lista degli immacolati che ci rappresentano, è nota e non svelo nulla di nuovo ma è giusto ricordarla
ECCO LA LISTA DEGLI INDAGATI/CONDANNATI IN PARLAMENTO

ABRIGNANI Ignazio (PDL) – indagato per dissipazione post-fallimentare
ANDREOTTI Giulio (Sen. a vita) – condannato per associazione a delinquere (l’associazione mafiosa è stata inserita nel codice solo dopo l’epoca dei fatti contestati), prescritto
BERLUSCONI Silvio (PDL) – 2 amnistie (falsa testimonianza P2, falso in bilancio Macherio); 2 assoluzioni per depenalizzazione del reato (falso in bilancio All Iberian, Sme-Ariosto); 8 archiviazioni (6 per mafia e riciclaggio, 2 per concorso in strage); 6 prescrizioni; 3 processi in corso (frode fiscale Mediaset, corruzione in atti giudiziari Mills, frode fiscale e appropriazione indebita Mediatrade)
BERRUTI Massimo Maria (PDL) – condannato per favoreggiamento
BOSSI Umberto (Lega Nord) – condanne per finanziamento illecito, istigazione a delinquere, vilipendio della bandiera
BRAGANTINI Matteo (Lega Nord) – condannato in appello per propaganda razziale
BRANCHER Aldo (PDL) – condannato in primo grado e appello per falso in bilancio e finanziamento illecito al psi. Il primo reato prescritto, il secondo depenalizzato. Indagato per ricettazione
BRIGANDI’ Matteo (Lega Nord) – condannato in primo grado per truffa aggravata alla regione Piemonte
BRIGUGLIO Carmelo (PDL) – vari processi a carico (truffa, falso, abuso d’ufficio), alcuni prescritti, alcuni trasferiti ad altri tribunali ed in seguito assolto
CALDEROLI Roberto (Lega Nord) – indagato per ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale prescritto, indagato per associazione antinazionale reato poi dichiarato incostituzionale
CAMBER Giulio (PDL) – condannato in via definitiva per millantato credito
CANTONI Giampiero (PDL) – patteggia per corruzione e bancarotta fraudolenta
CAPARINI Davide (Lega Nord) – resistenza a pubblico ufficiale prescritto
CASTAGNETTI Pierluigi (PD) – rinviato a giudizio per corruzione, prescritto
CASTELLI Roberto (Lega Nord) – indagato per abuso d’ufficio patrimoniale, il Senato vota totale immunità
CATONE Giampiero (PDL) – rinviato a giudizio per associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, false comunicazioni sociali, bancarotta fraudolenta pluriaggravata e estorsione
CESA Lorenzo (UDC) – condannato in primo grado per corruzione aggravata, condanna annullata in appello per incompatibilità del GIP, indagato per truffa e associazione a delinquere
CIARRAPICO Giuseppe (PDL) – condannato per truffa aggravata e continuata ai danni di INPS e INAIL, multa per violazione legge tutela “lavoro fanciulli e adolescenti”, condannato per falso in bilancio e truffa, condanna per diffamazione, condannato per bancarotta fraudolenta, condannato per finanziamento illecito, condannato per il crac “valadier”, condannato in appello per assegni a vuoto e in seguito reato depenalizzato, condanna in primo grado per abuso ed in seguito prescritto, condannato per truffa e violazione della legge sulle trasfusioni, rinviato a giudizio per ricettazione, indagato per truffa ai danni di palazzo Chigi
CICCHITTO Fabrizio (PDL) – Il suo nome compare nelle liste della loggia massonica P2: fascicolo 945, numero di tessera 2232, data di iniziazione 12 dicembre 1980. All’epoca della scoperta degli elenchi Cicchitto era deputato e membro della direzione del Psi. è uno dei pochi ad aver ammesso di aver sottoscritto la domanda di adesione.
COMINCIOLI Romano (PDL) – rinviato a giudizio per false fatture e bilanci truccati, reati poi depenalizzati
CRISAFULLI Vladimiro (PD) – Ex sindaco di Enna e uomo forte dei Ds siciliani, è sotto inchiesta insieme a Totò Cuffaro per violazione di segreto d’ufficio nell’inchiesta su Messina Ambiente. Ë stato indagato dalla procura di Caltanissetta per concorso esterno in associazione mafiosa. Indagine archiviata nel febbraio 2004
CUFFARO Salvatore (UDC) – condannato per favoreggiamento
CUSUMANO Stefano (Udeur) – Arrestato nel 1999 a Catania con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e turbativa d’asta. Oggi resta sotto processo, con la sola accusa di turbativa d’asta, per gli appalti del nuovo ospedale Garibaldi di Catania. È senatore della Repubblica.
D’ALEMA Massimo (PD) – finanziamento illecito accertato, prescritto
DE ANGELIS Marcello (PDL) – condannato per banda armata e associazione eversiva
DE GREGORIO Sergio (PDL) – indagato per riciclaggio e favoreggiamento della camorra, corruzione, concorso esterno in associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata al riciclaggio
DELFINO Teresio (UDC) – Sottosegretario del governo Berlusconi, ha ricevuto un avviso di garanzia nell’inchiesta sui fondi dell’Enoteca d’Italia.
DELL’UTRI Marcello (PDL) – condannato per false fatture e frode fiscale, condannato in appello per tentata estorsione mafiosa, condannato in secondo grado a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa.
DEL PENNINO Antonio (PDL) – Nel luglio 1994 ha patteggiato una pena di 2 mesi e 20 giorni (convertita nella sanzione di 4 milioni) nel processo per le tangenti Enimont. A ottobre 1994 altro patteggiamento: di una pena di 1 anno, 8 mesi e 20 giorni per tangenti relative alla Metropolitana milanese. Il 25 gennaio 2000 la settima sezione penale del tribunale di Milano lo ha prosciolto nel processo per le tangenti Atm, per le forniture di autobus all azienda dei trasporti milanese
DEL BONO Flavio (PD) – indagato per abuso di ufficio, peculato e truffa aggravata
DE LUCA Francesco (PDL) – indagato per tentata corruzione in atti giudiziari
DE Luca Vincenzo (PD) – Nel dicembre 2008 con altri 46 imputati, viene rinviato a giudizio per truffa ai danni dello stato e falso in relazione alla vicenda relativa alla delocalizzazione delle Manifatture Cotoniere Meridionali. Nell’aprile 2009 il rinvio viene confermato per De Luca ad altri 13 imputati. Nel luglio 2010 viene condannato in primo grado dalla Corte dei Conti (sezione giurisdizionale di Napoli), insieme all’ex-sindaco De Biase ad alcuni dirigenti comunali, per questioni inerenti gli stipendi dei dirigenti del Comune di Salerno. Viene condannato a pagare 23 mila euro . Il 6 luglio 2010 la Corte dei Conti di Salerno dichiara la prescrizione nei confronti di De Luca e degli altri imputati del processo per lo sversamento di rifiuti, nel 2001, nel sito di Ostaglio, non ancora completato.
DRAGO Giuseppe (UDC) – condannato in appello per peculato e abuso d’ufficio
FARINA Renato (PDL) – patteggia condanna per favoreggiamento nel sequestro di Abu Omar
FASANO Vincenzo (PDL) – condannato per concussione, indultato
FIRRARELLO Giuseppe (PDL) – condannato in primo grado per turbativa d’asta, richiesto rinvio a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa
FITTO Raffaele (PDL) – rinvio a giudizio per concorso in corruzione, falso e finanziamento illecito
FRIGERIO Gianstefano (PDL) – Ex leader della Dc, diventato uno degli strateghi di Forza Italia. Ha confessato, per esempio, di aver ricevuto 150 milioni da Paolo Berlusconi, in cambio dei permessi alla Fininvest per gestire la discarica di Cerro Maggiore. Ha accumulato tre condanne definitive: 1 anno e 4 mesi per finanziamento illecito ai partiti, 1 anno e 7 mesi per finanziamenti illeciti e ricettazione, 3 anni e 9 mesi per corruzione e concussione. Doveva scontare in definitiva una pena di 6 anni e 5 mesi. Affidato poi ai servizi sociali, ha avuto il permesso dal giudice di sorveglianza di frequentare il Parlamento per qualche giorno al mese: come pratica di riabilitazione
GALATI Giuseppe (PDL) – indagato per associazione a delinquere, truffa e associazione segreta
GIUDICE Gaspare (PDL) – condannato in primo grado per bancarotta, prescritto
GRILLO Luigi (PDL) – rinviato a giudizio per aggiotaggio, indagato e prescritto per truffa
LA LOGGIA Enrico (PDL) – Indagato al Tribunale dei ministri per finanziamenti dalla Parmalat di Calisto Tanzi (100 mila euro) in cambio di presunte “consulenze”.
IAPICCA Maurizio (PDL) – rinviato a giudizio per false fatture, falso in bilancio e abuso d’ufficio, prescritto
LA MALFA Giorgio (Gruppo Misto) – condannato per finanziamento illecito
LAGANA’ FORTUGNO Maria Grazia (PD) – indagata per truffa ai danni dello Stato
LANDOLFI Mario (PDL) – indagato per corruzione e truffa “con l’aggravante di aver commesso il fatto per agevolare il clan mafioso La Torre”
LEHNER Giancarlo (PDL) – condannato per diffamazione
LETTA Gianni ( PDL) – Nel 1993 era stato indagato per corruzione dalla procura di Roma che ne aveva chiesto addirittura l’arresto. L’inchiesta era stata poi archiviata, ma con motivazioni non proprio esaltanti per Letta. Un altra inchiesta era stata scippata, negli anni Ottanta, alla procura di Milano dal porto delle nebbie romano: quella di Gherardo Colombo sui fondi neri dell’Iri, nella quale l’allora direttore del “Tempo” Gianni Letta aveva ammesso, nel dicembre 1984, di aver ricevuto 1 miliardo e mezzo di lire in nero dall’ente statale per ripianare i buchi del suo disastrato giornale. Un giornale che, scrissero Scalfari e Turani in “Razza padrona”, era “in vendita ogni giorno, e non solamente in edicola”.
LOLLI Giovanni (PD) – rinviato a giudizio per favoreggiamento
LUSETTI Renzo (PD) – condannato a risarcimento di 1 milione di lire per consulenze ingiustificate
MALVANO Franco (Forza Italia) – Ex questore di Napoli, Ë sotto inchiesta per concorso esterno in associazione camorristica.
MANNINO Calogero (UDC) – condannato in appello per concorso esterno in associazione mafioso e processo d’appello annullato e da rifare, rinviato a giudizio per associazione a delinquere, appropriazione indebita, frode in commercio, vendita di sostanze alimentari non genuine, falso ideologico e truffa aggravata
MARGIOTTA Salvatore (PD) – indagato per falso ideologico e abuso d’ufficio
MARONI Roberto (Lega Nord) – condannato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, imputato per creazione di struttura paramilitare fuorilegge
MARTINAT Ugo (PDL) – indagato per turbativa d’asta e abuso d’ufficio
MATTEOLI Altero (PDL) – imputato per favoreggiamento, processo bloccato dalla Camera
MESSINA Alfredo (PDL) – indagato per favoreggiamento in bancarotta fraudolenta
NANIA Domenico (PDL) – condannato per lesioni personali, condannato in primo grado per abusi edilizi e prescritto
NARO Giuseppe (UDC) – condannato per abuso d’ufficio, condanna in primo grado per peculato prescritta
NESSA Pasquale (PDL) – rinviato a giudizio per concussione
ORLANDO Leoluca (IDV) – condannato per diffamazione
PARAVIA Antonio (PDL) – arrestato per tangenti, prescritto
PAPA Alfonso (PDL) – indagato per abuso d’ufficio patrimoniale, immunità
PAPANIA Antonio (PD) – patteggia accusa per abuso d’ufficio
PECORELLA Gaetano (PDL) – imputato per favoreggiamento nelle stragi di piazza fontana e piazza la loggia
PILI Mauro (PDL) – Ex presidente della Regione Sardegna, Ë indagato a Cagliari per peculato.
PITTELLI Giancarlo (PDL) – indagato per associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio e “appartenenza a loggia massonica segreta o struttura similare”
PREVITI Cesare (PDL) – Avvocato personale di Silvio Berlusconi, ha ereditato l’incarico professionale dal padre, che aiutò il giovane Silvio a fondare la Fininvest. E’ stato condannato, in appello, a 5 anni per corruzione del giudice Squillante e a 7 anni per corruzione del giudice Metta nel caso Imi-Sir.
RIGONI Andrea (PD) – condanna in primo grado per abuso edilizio prescritta
ROMANI Paolo (PDL) – Viene indagato per bancarotta fraudolenta e false fatture. L’udienza preliminale termina però con un pieno proscioglimento: per Romani niente bancarotta. Il suo nome è anche nell’elenco dei politici che ricevono generosi finanziamenti dalla Banca popolare di Lodi di Gianpiero Fiorani. In effetti Romani ha bisogno di soldi: sta pagando circa 400 mila euro come risarcimento al curatore fallimentare di Lombardia 7.
ROMANO Francesco Saverio (ex UDC, adesso ai “Responsabili” e attuale ministro dell’Agricoltura del Governo Berlusconi – marzo 2011) – nel 2003, è stato indagato dalla Procura di Palermo per concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione. Il 1º aprile 2005 il gip ha accolto la richiesta di archiviazione della Procura con la seguente motivazione: «Gli elementi acquisiti non sono idonei a sostenere l’accusa in giudizio». Successivamente la Procura della Repubblica ha riaperto l’indagine per il sorgere di nuovi elementi, in seguito alle dichiarazioni del pentito Francesco Campanella.
RUSSO Paolo (PDL) – indagato per violazione della legge elettorale
SCAJOLA Claudio (PDL) – arrestato per concussione aggravata nel 1983, è stato prosciolto poi in seguito.
SCAPAGNINI Umberto (PDL) – condannato in primo grado per abuso d’ufficio e violazione della legge elettorale, indagato per abuso d’ufficio aggravato
SCELLI Maurizio (PDL) – accusato di aver dirottato 17 milioni di euro destinati alla missione “antica babilonia”
SCIASCIA Salvatore (PDL) – condannato per corruzione
SIMEONI Giorgio (PDL) – indagato per associazione per delinquere e corruzione
SPECIALE Roberto (PDL) – indagato per utilizzo privato di mezzi della GdF
STERPA Egidio (PDL) – Deputato di Forza Italia. Dirigente del vecchio Partito liberale, Ë stato condannato a 6 mesi in via definitiva per la tangente Enimont.
STORACE Francesco (PDL) – Ex presidente della Regione Lazio e poi ministro della Salute, ha dovuto dimettersi perchè coinvolto nello scandalo delle intercettazioni e dello spionaggio illecito ai danni di Piero Marrazzo, Alessandra Mussolini e Giovanna Melandri, suoi avversari alle elezioni regionali del 2005. Per questa vicenda, è indagato anche per associazione a delinquere.
TOMASSINI Antonio (PDL) – condannato per falso
TORTOLI Roberto (PDL) – indagato per concorso in estorsione
VALENTINO Giuseppe (PDL) – indagato per favoreggiamento
VISCO Vincenzo (PD) – Deputato della Repubblica, ex ministro Ds. Condannato definitivamente dalla Cassazione nel 2001 per abusivismo edilizio, per via di alcuni ampliamenti illeciti nella sua casa a Pantelleria: 10 giorni di arresto e 20 milioni di ammenda.
VITO Alfredo (PDL) – Fu indagato, arrestato e processato per tangenti. Condanna definitiva e 2 anni patteggiati e oltre 4 miliardi di lire restituiti per 22 episodi di corruzione a Napoli. La Direzione distrettuale antimafia di Napoli chiese al Parlamento l’autorizzazione a procedere contro di lui anche per concorso esterno in associazione a delinquere di tipo mafioso, sospettando suoi rapporti con la Camorra (fu poi prosciolto). Patteggiò la condanna e restituì parte del malloppo. Quei quasi 5 miliardi sono stati impiegati per costruire un parco pubblico alla periferia di Napoli
VALENTINO, Giuseppe (PDL) – Sottosegretario alla Giustizia del governo Berlusconi, è indagato in Calabria in relazione “a condotte attinenti gli interessi della criminalitý organizzata nel settore dei finanziamenti pubblici, degli appalti, delle infiltrazioni nelle istituzioni e nella pubblica amministrazione”. Il suo nome Ë anche presente nelle indagini sulle scalate bancarie dell’estate 2005, indicato come uno dei politici che erano punto di riferimento per il banchiere Gianpiero Fiorani.
VIZZINI Carlo (PDL) – condannato in primo grado per finanziamento illecito, prescritto
ZINZI Domenico (UDC) – condannato in primo grado per omicidio colposo. In seguito la prima sezione della corte di appello di Napoli lo ha assolto perché il fatto non sussiste
Ed ora anche in Germania, vengono fuori gli altarini, ma almeno hanno il buon gusto di dimettersi: ecco la notizia dell’ANSA
Il presidente tedesco Christian Wulff ha annunciato le sue dimissioni, per oggi.
“La Germania ha bisogno di un presidente che non ha solo il sostegno della maggioranza ma di una grande maggioranza di cittadini”, ha spiegato Wulff a Bellevue annunciando le dimissioni. Per tali ragioni, ha aggiunto, “non è più possibile” per lui portare avanti l’incarico.
: “Ho fatto errori ma sono sempre stato onesto”. Lo ha detto il presidente della repubblica federale tedesca Christian Wulff, annunciando le sue dimissioni. Wulff, a cui stampa e ed opposizione chiedevano di dimettersi da diversi giorni, è accusato tra l’altro di aver ottenuto un prestito dalla moglie di un uomo d’affari con cui aveva negato di avere avuto rapporti.
Il presidente della Camera Bassa Horst Seehofer (CSU), assume l’incarico di presidente della Repubblica federale tedesca, in sostituzione di Christian Wulff, che si è appena dimesso. Lo ha annunciato lo stesso Wulff a Bellevue.
Ieri la Procura di Amburgo aveva chiesto la revoca dell’ immunità di Wulff, una decisione che toccherà al Parlamento tedesco. La magistratura, secondo quanto trapelato dalla stampa, intende indagare su ipotesi di reato relative a scambi di favori fra il presidente e alcuni amici imprenditori, che risalirebbero all’epoca in cui Wulff era alla guida del Land Bassa Sassonia.
La cancelliera tedesca Angela Merkel ha preso atto con “dispiacere” e “rispetto” della decisione di Wulff di ritirarsi.
“Il nostro stato di diritto prevede che siamo tutti uguali davanti alla legge”. Lo ha detto Merkel a Berlino in un passaggio del suo intervento per le dismissioni del presidente tedesco.

agrega un comentario


Lo scandalo nella Regione Lazio
Por NO voten en el extranjero esta vieja basura ! - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:10 PM

Abc: «Lo scandalo nella Regione Lazio minaccia il ritorno di Berlusconi»

Abc: «Lo scandalo nella Regione Lazio minaccia il ritorno di Berlusconi»

di Elysa FazzinoCronologia articolo25 settembre 2012Commenti (25)
IN QUESTO ARTICOLO

Media
Argomenti: Regioni | Silvio Berlusconi | Renata Polverini | Lega | Franco Fiorito | Carlo De Romanis | Roma | Mario Monti | Reuters



Accedi a My






(LaPresse)
Lo scandalo del Lazio "minaccia il ritorno politico di Berlusconi": con questo titolo sulla homepage del suo sito il quotidiano spagnolo Abc trae le possibili conseguenze dello "tsunami politico" che ha innescato le dimissioni della presidente della Regione Renata Polverini, appoggiata dal Pdl, il partito del Cavaliere.

Il caso riporta alla ribalta un'Italia di corruzione e sprechi ben diversa dall'Italia di Mario Monti tanto elogiata all'estero. Ci risiamo con i "milioni di euro di denaro pubblico sperperati", il "diluvio" di fondi dei contribuenti sprecati in spese personali, gli hotel e ristoranti di lusso,i viaggi privati contrabbandati per "missioni ufficiali", le cene dove "scorreva lo champagne più costoso".

ARTICOLI CORRELATI
Polverini non ci sta: comportamenti immorali anche prima. Alemanno: primarie anche per la Regione
E Berlusconi rientra a Roma con il Frecciarossa: «il Pdl non è allo sbaraglio»
Polverini, lo sfogo dopo le polemiche: «Me ne vado a testa alta e la coscienza pulita»
Vedi tutti »
Franco Fiorito, il consigliere regionale ex capogruppo Pdl del Lazio, indagato per peculato, in due anni ha controllato "a suo estro" 30 milioni di euro provenienti dai fondi pubblici destinati al suo partito, scrive Abc. Il "boom" dei gruppi, anche fatti di una sola persona, serviva a distribuirsi "un'autentica manna", un andazzo cui nessuno si opponeva.
"Tutti sapevano dell'esistenza della corruzione", continua Abc, "a cominciare da Renata Polverini" che aveva 212 persone al servizio della presidenza, "tutto un esercito, compreso un fotografo che guadagna 75mila euro all'anno". L'esplosione degli sprechi aveva anche "un'immagine estetica": la faraonica festa ispirata all'antica Grecia organizzata dal consigliere regionale Carlo De Romanis.

Abc non risparmia la morale: la Regione Lazio "si è trasformata agli occhi degli italiani in una specie di manuale della casta politica", una "metafora perfetta" di "distribuzione di poltrone e accaparramento di prebende", una "sbornia" di denaro pubblico e potere politico, con commissioni inutili e costose, un'amministrazione sovrappopolata di assessori esterni con pensioni vitalizie e assessori pagati "a prezzo d'oro".
Le dimissioni di Renata Polverini "per uno scandalo di corruzione" sono in prima pagina anche sul sito di El Pais. "Si è dimessa, ma non senza prima chiamare ‘delinquenti' i suoi compagni nel consiglio della regione Lazio e dire che, anche prima che lei arrivasse, ostriche e champagne facevano parte del menù del giorno della politica italiana".

Così la Polverini - ex sindacalista sostenuta dal Popolo della Libertà, il partito di Silvio Berlusconi, ricorda El Pais - è stata "seppellita" da una valanga di fatture false, cene da oltre 1.000 euro in ristoranti di lusso e vacanze da 10mila euro in Sardegna, "sempre a carico dell'erario".
La "sistematica malversazione di fondi pubblici" è venuta fuori dopo l'apertura dell'inchiesta su Fiorito, soprannominato "er Batman", accusato di avere dirottato 800mila euro di proprietà del partito su 12 conti correnti (di cui quattro in Spagna). Fiorito si è considerato vittima di tradimento da parte del proprio partito "e ha deciso di morire ammazzando". La vita "sballata" dei consiglieri della Regione Lazio – sempre a carico del bilancio regionale – è venuta a galla "con tutti i dettagli".

1 2Avanti
CLICCA PER CONDIVIDERE


©RIPRODUZIONE RISERVATA
Leggi e scrivi
COMMENTA LA NOTIZIA
TAG: Regioni, Silvio Berlusconi, Renata Polverini, Lega, Franco Fiorito, Carlo De Romanis, Roma, Mario Monti, Reuters, PDL, ABC

agrega un comentario


Rapporto corruzione: Italia in Serie B. Partiti politici sotto accusa
Por denunce e condanne - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:14 PM

Voten lo nuevo voten Movimiento Cinco Estrellas porque lo viejo ya está todo muerto y podrido ...


Informe corrupción en Italia Serie B.
Los partidos políticos acusados

Italia a la par de Ghana y Macedonia en la corrupción percibida.

Símbolo político de un fenómeno creciente, pero se niegan las denuncias y condenas

Entre las muchas clasificaciones en las que nuestro país no brilla, hay una en la que casi todo el mundo mira con desprecio. No es un récord para estar orgullosos: el ranking de corrupción percibida, Italia es los puestos de cabeza, como Macedonia y Ghana.

Y "Este es uno de los más significativos del informe sobre la corrupción, dado a conocer hoy por los Ministros de Justicia y de la Administración Pública, con su asesor Robert Garofoli.

Informes estadísticos aún más significativo, entonces, es el preocupante fenómeno de subregistro: la continua escalada de casos de corrupción, de hecho, no es acorde con el crecimiento de los expuestos a los agentes del Ministerio Público.
En resumen, a pesar de la ley contra la corrupción es hoy día una realidad, hay poco de qué preocuparse: en Italia la corrupción rampante y antes de frenar por completo uno de los ríos más importantes de la vergüenza de la vida social y económica de la nación que lo necesitará más tiempo.
Merciless números oficiales: de acuerdo a los rankings elaborados por "Transparencia Internacional" - observatorio internacional que vigila la corrupción en todos los continentes - Italia está en el puesto 69 en presencia de malversación de fondos públicos, favores y delitos similares .
A la vista de índice de percepción de la corrupción sin cambios en el 6,9 por ciento de media en los países de la OCDE, el hermoso país es una de las luces traseras con un mísero 3.9: esencialmente, en Italia no es el doble de la corrupción que en otros países europeos.
A este respecto, se debería hacer hincapié en la proporción que indica cómo un país determinado alejándose de la contención estándar esperado de la corrupción también aquí, Italia es un rendimiento muy lejos de envidiable, no dar única manera Grecia en Europa.
Y en este sombrío escenario, para hacer una mala impresión vuelve a ser la clase política italiana, cuya imagen desde luego no han beneficiado a los frecuentes escándalos de los últimos meses. En la visión de los ciudadanos, de hecho, la corrupción política para superar a otras áreas en las que el bajo mundo despliega sus alas amenazador.
Es creer que la sobreexposición a los medios de comunicación juegan un papel central en la construcción de esta percepción muy clara acerca de la corrupción entre los partidos políticos, un fenómeno que, sin embargo, es real, generalizada y subestimado hasta ahora.
Del mismo modo, señaló el primer ministro Mario Monti, la frecuencia con que se repiten un comportamiento corrupto "socava la confianza de los mercados y las empresas, desalienta la inversión extranjera, a continuación, determina, entre muchos efectos, la pérdida de competitividad del país" .
Como era de esperar, el campo de la contratación pública - que se trasladó en el año 2011 solamente, más de 100 millones de euros - es una de las personas más vulnerables y de la aparición de estas conductas ilegales.
En este sentido, junto a la "lista blanca" que se elaborará en el fiscal para mantener la lista de las compañías libres a los fenómenos de infiltración de la mafia, podría nacer, dice que el gobierno del "libro negro" del hecho de que menos virtuoso, por lo que , se prohibiría a partir de la licitación y la financiación pública.
A lo largo de esta ruta, la esperanza es ahogar una de las tradiciones italianas más comunes que cruzan el alcance de la responsabilidad pública al de empresa individual libre, por supuesto, a expensas de la libre competencia, en general, el estado de derecho y el mercado: el fenómeno de la corrupción.
No debe pasarse por alto, sin embargo, un hecho aún más alarmante y por igual: para un mal que va en aumento, no se les da la atención adecuada. Los datos judiciales sorprendentemente indican una disminución en los delitos de corrupción y soborno: de 311 casos en 2009 a 223 en 2010.
La gente reportados en el mismo período aumentó de 1.821 a 1.226. Abajo incluso los condenados, 341 a 295. Las condenas por corrupción han pasado de un máximo de 1.700 en 1996 a sólo 239 en 2006.
¿Cómo leer los datos, excepto en la renuncia, en una parte de la población, para hacer valer sus razones morales y para combatir este destructivo tanto para su bolsillo y la sociedad? La pérdida del espíritu de contraste popular para este tipo de delito es, sin duda, el indicador más preocupante tanto para aquellos en el poder judicial, ya que, en un sentido más amplio, para una clase dominante entera.
Aquí, entonces, ¿dónde está la responsabilidad principal de las personas que ocupan cargos públicos, en primer lugar, la política, no sólo en su - parcial, pero es muy grave - la asimilación de estas prácticas criminales, pero su incapacidad inherente para distinguir la propensión a 'ilegalidad, para dictar una alternativa a la corrupción rampante y la disolución de lo que queda de la ética pública.
Lea el informe sobre la corrupción en el 2012
Leer la presentación del informe
Lea los resúmenes
 
Publicado por admin 22 de octubre 2012 a las 18:10 en el Penal

Etiquetas: lucha contra la corrupción, la contratación pública, la corrupción, el proyecto de ley contra la corrupción, las quejas, la ley de lucha contra la corrupción, la corrupción informe, el soborno

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Rapporto corruzione: Italia in Serie B. Partiti politici sotto accusa

Italia a pari di Ghana e Macedonia nella corruzione percepita. Politica simbolo di un fenomeno in crescita, ma calano denunce e condanne


Tra le tante classifiche nelle quali il nostro Paese non brilla, ce n’è una nella quale guarda quasi tutti dall’alto in basso. E non è certo un primato di cui andare fieri: nella graduatoria della corruzione percepita, l’Italia è ai primissimi posti, al pari di Macedonia e Ghana.
E’ questo uno dei dati più rilevanti del rapporto sulla corruzione, presentato oggi dai ministri per la Giustizia e per la Funzione Pubblica, in compagnia del consigliere Roberto Garofoli.
Ancora più significativo dei rapporti statistici, poi, è il fenomeno preoccupante delle mancate denunce: alla continua escalation dei casi di corruzione, infatti, non corrisponde una crescita commisurata di esposti alle Procure della Repubblica.
Insomma, malgrado la legge anticorruzione sia ormai una realtà, c’è poco da stare tranquilli: in Italia le corruttele dilagano e prima di arginare completamente uno dei maggiori fiumi di vergogna del vivere sociale ed economico della nazione servirà ancora parecchio tempo.
Impietosi i numeri ufficiali: secondo la classifica stilata da “Transparency International” – osservatorio internazionale che vigila sui fenomeni di corruzione in tutti i continenti – l’Italia si trova al 69° posto per la presenza di malversazioni di denaro pubblico, favori e reati assimilabili.
Di fronte all‘indice di corruzione percepita stabile al 6.9 percento nella media dei Paesi Ocse, il Belpaese è tra i fanalini di coda con un misero 3.9: sostanzialmente, in Italia c’è il doppio della corruzione che negli altri Stati europei.
A questo proposito, va posto l’accento sulla proporzione che indica come un dato Paese si allontani dagli standard attesi di contenimento della corruzione: anche qui, l’Italia fa registrare una performance tutt’altro che invidiabile, riuscendo a lasciare il passo solo alla Grecia nel vecchio continente.
E in questo scenario desolante, a fare una pessima figura è ancora una volta la classe politica italiana, alla cui immagine certamente non hanno giovato i frequenti scandali degli ultimi mesi. Nella visione dei cittadini,infatti, è la corruzione politica a surclassare gli altri ambiti in cui il malaffare dispiega le sue ali minacciose.
C’è da ritenere che la sovraesposizione mediatica svolga un ruolo centrale nella costruzione di questa nettissima percezione riguardo la corruzione tra i partiti politici, fenomeno che, comunque, è reale, diffuso e tutt’altro che da sottovalutare.
Parimenti, ha notato il premier Mario Monti, la frequenze con cui si ripresentano i comportamenti corruttivi “mina la fiducia dei mercati e delle imprese, scoraggia gli investimenti dall’estero, determina quindi, tra i molteplici effetti, una perdita di competitività del Paese“.
Non a caso, il settore degli appalti pubblici – che ha movimentato nel solo 2011 oltre 100 miliardi di euro – è uno dei più soggetti e vulnerabili all’insorgenza di queste condotte illegali.
A questo proposito, a fianco delle “white list” che verranno stilate in Procura per tenere l’elenco delle imprese indenni a fenomeni di infiltrazione mafiosa, potrebbe nascere, spiega il governo il “libro nero” delle realtà meno virtuose che, in questo modo, verrebbero bandite dai bandi di gara e dal finanziamento pubblico.
Lungo questa direttrice, la speranza è quella di soffocare una delle tradizioni italiane più comuni, che intersecano l’ambito della responsabilità pubblica a quello della libera impresa individuale, naturalmente a scapito delle libera concorrenza, dell’interesse generale, della legalità e del mercato: il fenomeno delle tangenti.
Non va ignorato, però, un ulteriore e altrettanto allarmante dato: per un male che si allarga, non vengono somministrate le cure adeguate. I dati giudiziari indicano sorprendentemente un calo dei delitti di corruzione e concussione: dai 311 casi del 2009 ai 223 del 2010.
Le persone denunciate sono passate nello stesso periodo da 1.821 a 1.226. In discesa anche i condannati, da 341 a 295. Le sentenze per reati di corruzione sono passate dal picco di 1.700 nel 1996 ad appena 239 del 2006.
Come leggere questi dati se non nella rassegnazione, in una parte della popolazione, a far valere le proprie ragioni e a combattere questa morale distruttiva tanto per il portafogli quanto per la società? Il venir meno dello spirito popolare di contrasto a questo genere di reati è, senza alcun dubbio, la spia più inquietante tanto per chi detiene il potere giudiziario, quanto, in senso più ampio, per un’intera classe dirigente.
Ecco, allora,dove risiede la maggior responsabilità di chi ricopre incarichi pubblici e, in primo luogo, della politica: non solo nella sua – parziale, ma gravissima – assimilazione a queste pratiche delittuose, ma proprio nell’incapacità intrinseca di distinguersi dalla propensione all’illegalità, di dettare una via alternativa alla corruzione dilagante e al disfacimento di quel che resta dell’etica pubblica.
Leggi il rapporto sulla corruzione 2012
Leggi la presentazione del rapporto
Leggi le schede di sintesi

Pubblicato da Redazione il 22 ottobre 2012 alle 18:10 in Penale
Tags: anticorruzione, appalti, corruzione, ddl anticorruzione, denunce, legge anticorruzione, rapporto corruzione, tangenti

agrega un comentario


LE TASSE, I SOLDI CHE MANCANO E GLI SCANDALI DELLA POLITICA
Por la casta (politica) manga de ladrones - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:18 PM

Nel giorno della legge di stabilità arriva la reazione del governo agli sperperi delle regioni. Il paese intanto è strozzato dalle tasse mentre esplode una nuova mina esodati. Come cambia il quadro politico? Berlusconi farà davvero il passo indietro? Se ne parlerà a Ballarò, nella puntata in onda stasera alle 21.05 su Raitre. Tra gli ospiti di Giovanni Floris il sottosegretario all’Economia, Gianfranco Polillo, il segretario generale della Uil Luigi Angeletti, Beatrice Lorenzin del Pdl, il deputato dell’Api e assessore al Bilancio del comune di Milano Bruno Tabacci, l’editorialista del Corriere della Sera Pierluigi Battista, l’economista Giacomo Vaciago, il direttore del giornale online Il Post Luca Sofri, il presidente della Ipsos Nando Pagnoncelli.In apertura la copertina satirica di Maurizio Crozza.Tags: Angeletti, Ballarò, Lorenzin, ospiti, Polillo

COMENTARIOS en CHAT a la nota anterior:

Alessio scrive: 24 Ottobre, 2012 alle 19:24
legge di stabilità??? quale stabilità se traballiamo più che mai !!
ma farebbe piacere che venisse analizzata con più approfondimenti in quanto l’aumento della
franchigia ( da 129 euro a 250 euro ) per le deduzioni fiscali mi pare una grande stupidaggine come il tetto ai 3000 euro . Pensate un po a quelle famiglie dove hanno sempre fatto fatica a far quadrare i conti a fine mese e che quando si trovano a dover affrontare spese impreviste da qualche proffessionista ( medico dentista, ottorino , oculista etc… ) oppure falegname , muratore , idraulico etc… scelgono di pagare senza fattura per risparmiare qualche spiccio !! aumentando la franchigia non faremo che aumentare questo fenomeno !! dobbiamo dichiarare almeno 600 euro di spese per poter pagare la parcella al commercialista che ci fa il 730 ed a noi non rimane nemmeno un centesimo ( 600 euro – 250 di franchigia = 350 euro di cui 19% = 66,50 euro per pagare la parcella !!!! ) COSI’ SI COMBATTE L’EVASIONE ????Barbara scrive: 23 Ottobre, 2012 alle 22:52
Perché polillo confronta l’orario di insegnamento dei docenti cn la media europea degli operai e nn con quello dei loro omologhi europei, cioè i docenti?natale scrive: 23 Ottobre, 2012 alle 22:36
PREGASI INOLTRARE AL MAGGIOR NUMERO DI PERSONE POSSIBILI…
Tra di voi c’è qualcuno che ha la mail di Monti per inviare questa mail?????????
Un genio
?
Ecco cosa ha fatto il premier francese Hollande (non parole, fatti !!) in 56 giorni di governo ha abolito il 100% delle auto blu e le ha messe all’asta; il ricavato va al fondo welfare da distribuire alle regioni con il più alto numero di centri urbani con periferie dissestate.
Ha fatto inviare un documento (dodici righe) a tutti gli enti statali dipendenti dall’amministrazione centrale in cui comunicava l’abolizione delle “vetture aziendali” sfidando e insultando provocatoriamente gli alti funzionari, con frasi del tipo “un dirigente che guadagna 650.000 euro all’anno, se non può permettersi il lusso di acquistare una bella vettura con il proprio guadagno meritato, vuol dire che è troppo avaro, o è stupido, oppure è disonesto. La nazione non ha bisogno di nessuna di queste tre figure”. Touchè. Via con le Peugeot e le…natale scrive: 23 Ottobre, 2012 alle 22:33
Forse è cosi che si può tentare un risanamento del paese……….
PREGASI INOLTRARE AL MAGGIOR NUMERO DI PERSONE POSSIBILI…
Tra di voi c’è qualcuno che ha la mail di Monti per inviare questa mail?????????
Un genio
?
Ecco cosa ha fatto il premier francese Hollande (non parole, fatti !!) in 56 giorni di governo ha abolito il 100% delle auto blu e le ha messe all’asta; il ricavato va al fondo welfare da distribuire alle regioni con il più alto numero di centri urbani con periferie dissestate.
Ha fatto inviare un documento (dodici righe) a tutti gli enti statali dipendenti dall’amministrazione centrale in cui comunicava l’abolizione delle “vetture aziendali” sfidando e insultando provocatoriamente gli alti funzionari, con frasi del tipo “un dirigente che guadagna 650.000 euro all’anno, se non può permettersi il lusso di acquistare una bella vettura con il proprio guadagno meritato, vuol dire che è troppo avaro, o è stupido, oppure è disonesto. La nazione non ha bisogno di…costantino scrive: 23 Ottobre, 2012 alle 22:23
sono un impiegato in una ditta privata o seguito per un po’ la vostra trasmissione e o visto quello filmato di quella signora anziana
io che lavoro 12 ore al gionrno sensaun giorno di riposo e guadagno 1000.euro al mese
e pago casa luce aqcua e gas ditemi come faccio ad arrivare a fine mese
e la busta paga e mi esce che guadagno 1.300 al mese e se non la firmo vengo licenziato perche non provvedete a questa soluzione che non e una cosa corretta e sono di palermo solo qui ci sono queste cose perche non abbiamo i controlli giustiMario scrive: 23 Ottobre, 2012 alle 21:56
Vorrei dire poche parole… Per me stabilità significa che: un’operaio con due figli a carico finalmente possa avere la stabilità, appunto, e la serenità di poter crescere i propri figli! Non che tu mi dica: abbiamo ridotto di un punto l’IVA o quant’altro, al contrario… Bisogna aumentare la capacità di spesa, in senso lato, di tutti noi comuni mortali! E concludo dicendo che senza il potere d’acquisto di noi, gente comune, questo paese rimarrà inchiodato dove si trova, il gioco è semplice: più prendiamo più si consuma più si produce più fatture si emettono più tasse entrano nelle casse dello Stato.. Anche perché questo bel disastro economico non lo abbiamo creato noi, non siamo noi che abbiamo rubato in questi anniraffaele ciarlantini scrive: 23 Ottobre, 2012 alle 19:03
Perchè nella legge di stabilità non è stata inserita/ vendita diritti televisivi, blocco stipendi a tutti quei assessori regionali che hanno lucrato il denaro pubblico e inoltre vengo a sapere che viene prorogata la data delle elezioni al 13 di aprile anziche il giorno 6 così i nostri signori potranno andare in pensione e che pensione. Parliamo pure di quei dirigenti statali che ricoprono molte cariche e ben pagate non ne basterebbe una?grazia scrive: 23 Ottobre, 2012 alle 18:16
Sempre meno soldi all’economia reale e più sostegno allo Stato. Negli ultimi dodici mesi il ritmo dei finanziamenti delle banche ha visto un drastico calo degli impieghi nei confronti delle famiglie e delle imprese: tra settembre 2011 e agosto scorso, lo stock di crediti ad aziende e cittadini è calato, rispettivamente, del 3,6% (-32,7 miliardi) e dello 0,4% (-2 miliardi. Percentuale che passa al 2,02% (-18 miliardi) e all’1,15% (-5,8 miliardi) se si guarda all’andamento del solo 2012. In controtendenza, invece, l’andamento dei finanziamenti alla pubblica amministrazione centrale (+6,06% su base annua e +5,2% nel 2012), che sono aumentai di 10,5 miliardi negli ultimi dodici mesi, 9 dei quali concessi tra gennaio e agosto scorso». Questi alcuni dei risultati di uno studio flash del Centro studi Unimpresa ‘Un anno di credit crunch’mauro paparo filomarino scrive: 19 Ottobre, 2012 alle 13:33
2 massimo 3 rappresentanti per regione al parlamento cosi formato da massimo 100 elementi ben selezionati e visibili , nel senso che si vedono e si sentono dopo se gli obiettivi non vengono raggiunti a casa la tornata successiva. e bastaaaaaaaa mo’ basta mo’.Le regioni ma che ci stanno a fare insieme alle provincie? UN comitato regionale di massimo 15 elementi che interagiscono con il parlamento e basta basta piu’ efficienza piu’ celerita’ piu’ trasparenza si ottengono con meno rappresentanti.poi ma che c. ci stanno a fare..o meglio sono eletti perche a stare non ci stanno poi mai ,tra l’altro nessuno se li fila e’ sempre il capogruppo che parla e detta la linea sic politica..allora? allora sai che risparmio sai che nitidezza……………….viva la sobrieta’.. in architettura meglio togliere che aggiungere diceva loos, e michelangelo quando scolpiva: io tolgo soltanto la parte non necessaria…..togliamo tagliamo …………..Fausta scrive: 16 Ottobre, 2012 alle 23:02
Non capisco perche’ coloro che godono di straordinari privilegi e stipendi astronomici non rinuncino spontaneamente in favore di coloro che al contrario hanno dovuto sempre accontentarsi . Forse e’ arrivato il momento di cambiare , di avere il coraggio di ammettere che sono proprio loro la causa del disastro, potrebbero mettersi al servizio dello Stato gratuitamente!!!!!OK MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando scrive: 16 Ottobre, 2012 alle 22:10
Italia in continui scandali ( NON CERTAMENTE FINITI ) sia di politici che di pubblici impiegati del Pubblico Impiego che fanno più reati, praticano da ANNI la corruzione anche in Comuni medio piccoli..come accaduto nel Municipio: Castelnuovo nel Cebano in Provincia di Cuneo dove in questo minuscolo Comune Piemontese in notizie apparse solo localmente..sono stati posti agli arresti sia il Sindaco che Vicesindaco. Ma altre Regioni sono coinvolte a simile pessimo fare: Liguria , Lombardia “tanto” per rimanere nell’ex triangolo industriale la massomafia è realtà e non è praticata da oggi il ” secondo stato” in Italia è realtà è lo stato ombra che con gli ” illuminati ” in intrecci di Uffici Pubblici sono politicamente sparsi per l’intera Penisola Italica ! La propaganda in abbrevio P2 passata già in P4 di fatto continua nonostante i pochi arresti.. codesti di loggia..sono più di un solo maestro proteiforme sono in tutti gli ambienti che schifo!romanov scrive: 11 Ottobre, 2012 alle 11:33
C’E’ UN PROBLEMA SERIO CIRCA I CONTENUTI DEL FORMAT DI BALLARO’: tutta la trasmissione e i suoi dibattiti è incentra sull’economia e la politica italiana. Viviamo qui, si dirà, e ci interessa il nostro orticello. Sarà anche vero che questa provincia del mondo offre appetibili argomenti per alimentare la morbosa curiosità nei confronti di eventi scandalosi, certamente gravi, che stanno diventando un rumore di fondo che copre il sibilo di quel missile a testata nucleare (metafora) che ci sta per esplodere sopra il capo.
E’ questo di per sé un motivo che giustifica l’assenza di analisi dei fenomeni globali dai quali più che mai l’orticello locale dipende? C’è poi un buco nero preoccupante: nessun apprezzabile tentativo di esplicitare il legame che c’è tra crescita, mercato e risorse naturali : un buco nero di consapevolezza metodologica che fa da sponda all’obnubilamento culturale di cui saremo solo vittime colpevoli.Cecilia scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 22:36
Vorrei che i politici smettessero di offendere l’ intelligenza degli italiani e la dignità di chi ogni giorno va a lavoro, paga le tasse e da il meglio di se’. Il marcio che sta venendo fuori probabilmente e’ solo la punta dell’iceberg. Vergognatevi, uomini di potere! Prima o poi farete i conti con voi stessi! Tutto torna in dietro, il male fatto in qualche modo si ritorce contro! in chi credere? Siete tutti complici di questa pantomima che sta riducendo la classe media sul lastrico. vergogna! Vergogna! E ancora Vergogna! Ammesso che siate in grado di provare sentimenti. Monti, persona seria e competente, ha scelto la via piu’ breve e continua protegge i poteri forti (banche e chiesa). Adesso e’ il momento di mettere le basi per una ripresa anche se lenta e difficile. O anche lui dovrà fare i conti con se stesso. Il giudizio della storia non sara’ clemente! E non lo e’ neanche quello degli italiani! Cominciamo da domani a fare qualcosa di buono per il nostro paese!Comitato del sole scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 20:54
INFO GENERALI
Quesito referendario pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 96 del 24 aprile 2012.
Sintesi del quesito referendario:
http://www.comitatodelsole.altervista.org/modules.php?name=Quesito
Un taglio di circa 12.000 euro netti mensili a Parlamentare ed un eliminazione di diversi privilegi.CONTATTI
Il referendum è promosso dal Comitato Del Sole, comitato apartitico no profit
Il nostro sito è:
http://www.comitatodelsole.altervista.org/Il nostro gruppo Facebook è:
http://www.facebook.com/groups/referendumsuglistipendideipoliticiitaliani/Il nostro account twitter è:
https://twitter.com/ComitatoDelSoleSolo attraverso questi siti potrà ricevere tutte le informazioni sull’iniziativa referendaria.
Inoltre, se vuole avere un contatto più diretto con noi, può contattare i promotori nazionali o i referenti regionali.
Di seguito il link della pagina del sito con i contatti dei promotori nazionali:
http://www.comitatodelsole.altervista.org/modules...Comitato del sole scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 20:53
Ci teniamo ad avvisare che il 25 Ottobre il Comitato Del Sole,formato da semplici cittadini, ripartirà con la raccolta firme (sospesa per mancato raggiungimento del numero di firme necessarie) per indire referendum popolare sul taglio degli stipendi e l’eliminazione dei privilegi dei parlamentari. E’ importante che questo nostro comunicato,inviato a tutte le testate giornalistiche,trasmissioni televisive,associazioni e sindaci e visto che siete al servizio del cittadino,speriamo quindi nella vostra onestà giornalistica.Sappiamo che non essendo politici e non avendo conoscenze in alto,la nostra parola conta poco,ma se è vero che le tv e i giornali danno spazio a tutti allora aiutateci a divulgare questo nostro comunicato.Le vostre risposte o non risposte,le vostre motivazioni o non motivazioni nell’aiutare questo Comitato di semplici cittadini nel far conoscere quanto scritto,saranno rese pubbliche con tanto di email e recapiti telefonici all’interno del nostro sito,visitato da…il figlio dell' emigrato scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 20:29
A mio parere, il problema dell’ Italia é nell ‘ inciucio tra IL PDL e il PD. e in genere la casta dei poltici che mai e poi mai faranno riformre per diminuire i loro sproporzionati privilegi rispetto ai cittadini comuni, In apparenza questo soltamnto lo potrebbe fare Beppe Grillo, quindi cari italiani é il momento di sostenere al comico genoveseD'ALESSIO ANTONIO scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 19:45
Visto che ci tengono tanto al ns paese
perche i ns’ politici per un po di anni non si tagliano il loro stipendio fino a percepire come un comune mortale dipendente ?????…di euro ne hanno presi abbastanza!! A tutti i politici dal governo alle regioni e alle province ai dirigenti messi in qualche ufficio etc etc etc
lei Floris lo sa che a un dirigente che non porta dei risultati cosa succede?…. Nella politica viene premiato!!!!!!!!!!!!!!
Il problema e’ quanti lo farebbero ????????????
Quanti avrebbero il coraggio di proporlo e effettuarlo ???
Poi una considerazione che faccio e’ quanto conviene al governo mantenere tutte le persone senza lavoro con cassa integrazione o mobilita’ o disoccupazione ??Per forza prima o poi gli euro finiscono
non conviene incentivare con controlli le ns aziendee in modo tale da far assumere e non licenziare …
non conviene ridurre la pressione fiscale sulle buste paghe dei dipendenti …gli euro in qualche modo li spendonodaniela13 scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 16:34
Tagliare l’indennita’ a chi assiste i genitori invalidi e’ davvero osceno, considerata l’assenza totale dello stato sociale! Legalizzate l’eutanasia cosi’ facciamo fuori invalidi e malati terminali e abbiamo più risorse per la tav e il ponte!
A pagare sono sempre i poveri e i deboli: grazie Monti per l’equita’! Adesso veramante meriti il Nobel!Controcorrente scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 16:04
Trasmissione scialba,soliti personaggi quasi tutti filomontiani o di centrodestra. Incredibili poi le amenità dell’economista che ci si ostina ad invitare e secondo il quale tassare i ricchi non serve £meglio la tassa sul macinato” un bell’esempio di imparzialità e competenza.
A quel signore forse sarebbe il caso di rispondere che i super-ricchi italiani detengono capitali pari al triplo del nostro debito pubblico altro che macinato e tassare i soliti noti già in miseria secondo l’ottica neoliberista fallimentare di Monti.
Mi chiedo se questa sia informazione e perchè si continuino ad invitare personaggi a senso unico senza nessun contraddittorio serio…
Floris mettici una pezza…riccardo scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 14:16
spero che battista chieda scusa a polillo ,non tanto per la contestazione,dovuta ad una errata interpretazione del comunicato stampa del governo, ma per veemenza con cui ha affrontato il sottosegretario: sembrava un politico all’opposizione e non un giornalista.
riccardoRaffaele scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 11:50
Polillo ha ricevuto il trattamento che merita da Paragone un paio di settimane fa, dove c’era un vero contraddittorio, che lo ha finemente sminuzzato e messo a tal punto sotto pressione da provocare la gaffe del confronto tra le sue ferie e retribuzione e quelle dei metalmeccanici… Per il resto non c’è molto da dire, la trasmissione è come al solito autoreferenziale e sempre più avviata verso un percorso involutivo. Salutimatisca scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 11:43
Berlusconi farà un passo indietro? ma si, perchè no?sarebbe un perfetto burattinaio: dietro le quinte a tirare i fili dei pupi che stanno in vista sul palcoscenico. “Opra dei pupi”si chiama in dialetto siculo ed è molto divertente,soprattutto per gli amici degli amici,cioè per quelli che non hanno pagato il biglietto.Adduso scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 07:56
Angeletti: ci sono 7.000 società pubbliche che costano 20 miliardi di euro l’anno. Questa è la notoria quanto misconosciuta verità su tutte le società pubbliche partecipate. Sono questo tipo di società la vera mafia di questa Nazione. Queste società attraverso il clientelismo, lo scambio di voto e non escluso qualche rapporto criminale, controllano i singoli territori e le rispettive economie ed elezioni locali, provinciali e regionali. Sono delle vere e proprie attività politico mafiose. E prosperano succhiandoci il sangue e dominando localmente gli individui, la società e le imprese. Anche perché buona parte della Magistratura, lo posso affermare per annosa esperienza in trincea, ne è con tutta evidenza dissimulatamente “allineata”.alessandro scrive: 10 Ottobre, 2012 alle 04:40
signor floris ma perche non fate parlare anche la gente comune in trasmissione???? comunque siamo alla frutta e prima e poi in piazza scenderanno non solo studenti ma tutta la popolazione. la democrazia e tutta un,altra cosa.Pierfranco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:35
Sono addolorato dello scempio che i nostri politici fanno della nostra società, senza progettualità, tutto finalizzato al dio potere, dai piani regolatori di comuni, agli appalti nazionali, nessuno pensa ad organizzare un società vivibile migliore che schifezza. Una meschinità paurosa, politici che hanno 40 anni di politica alle spalle che si presentano alle manifestazioni stupiti di tanta corruzione quando sanno benissimo che funziona così da decenni. Falsi, bugiardi incantatori. Doppi tripli quadrupli ecc… incarichi e nessuno che ci mette mano. Sapete cosa dicono nei bar? !Se non iniziano presto a fare qualcosa di giusto le monetine saranno una speranza”. Sono molto preoccupato per il clima che si sta caricando giorno dopo giorno.giorgio scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:21
Concordo con Paolino, ma adesso qualcuno indagherà sul fatto che le auto blu vengono lavate 2,8 volte al giorno ? Che le tende costano 600.000 euro all’anno e sono sempre quelle?
Vanno tutti in galera o no?Antonio Sellitti scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:20
L’on.le lorenzin dimentica che Berlusconi tremonti Bossi hanno barato sul change over: togliendo l’obbligo del doppio prezzo esposto e tutti i controlli che erano previsti a livello di tutti i paesi europei: risultato in Italia abbiamo avuto, dipendenti e pensionati, lo stipendio dimezzato e per sempre e si sono favoriti i commercianti, larga platea di voti per il PDL, noi nel 2002 arrivavamo alla 3 settimana, in Europa hanno conosciuto la crisi nel 2008. Dovrebbero andar si a nascondere tutto il PDL, i giornalisti che non lo dicono e anche i pd che tacciono. Sarebbe bello sapere che ne pensa il prof. Vaciago su questo argomento, e i giornalisti e sindacati perchè non ne parlano. Le buste paga non recupereranno mai più. Saluti a chi denuncia uno dei principali scandali….Federica scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:19
Nella scuola elementare che frequenta mia sorella (come credo in molte altre, e non solo della mia regione, le Marche) i riscaldamenti vengono accesi solo ad inverno inoltrato, per risparmiare. E le fotocopie non si possono fare se non in numero limitatissimo, e non in tutti i giorni della settimana (ai genitori è chiesto un contributo annuale per far fronte alle spese relative a carta, manutenzione fotocopiatrici, energia elettrica, etc.). Parliamo di SCUOLA, e di BAMBINI. Ecco, avrei tanta voglia di fare un confronto con le spese che vengono invece sostenute per riscaldamenti e fotocopie a Palazzo Montecitorio e a Palazzo Madama.barbara scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:17
Mi sono sempre sentita orgogliosa di servire l’Italia come dipendente dello Stato. Ho sopportato i tagli del personale e oggi sostengo da sola un ufficio in cui lavoravano in tre con l’idea ché la mia effscienza facesse risparmiare al Paese due stipendi. Mi sono detta ché con il sacrificio del blocco dei contratti e degli scatti della carriera avremmo contribuito al bene di tutti e dei nostri figli. Negli anni chi governa questo Stato sta disilludendo come me tante donne e uomini di buona volontà. Non sanno far altro ché tagliare e riducono il pubblico impiego a una categoria di sfigati: il bello è ché questa manovra servirebbe a contenere l’iva e nessuno dice ché x noi ché abbiamo lo stipendio bloccato e non vediamo un rinnovo contrattuale da 6 anni, il costo della vita aumenta più ché per il resto degli italiani.Paolino scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:16
Ma cosa ci hanno fatto a tutti noi Italiani, ci hanno messo il sonnifero nell’acqua, come è possibile che passano tutti questi scandali senza un movimento di piazza, forse sono i sensi di colpa che abbiamo e che ci schiacciano, sono 70 anni che ce li teniamo sul groppone, e ancora il 18% che voterebbe PDL siamo folli, anzi no scemi completi, meritiamo di finire a fondo.Federica scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:16
Gli Italiani spendono meno è vero non perchè fanno economia ma perchè gli stipendi ( chi ancora è fortunato ad averlo ) hanno poco potere d’acquisto! Tutto aumenta fuorchè la busta paga oramai dette busta poga!!!!!
E poi le banche non concedono un fido o un finanziamento pur minimo! Eppure i loro tassi sono elevati rispetto a quelli che la banca europea ha concesso loro!!! No così non si puó andate avanti bisogna che la classe politica tutta metta mano al portafogli! Basta diarie non servonoe basta stipendi da capogiro! Non è giusto che ci rimettiamo noi lavoratori!!Mara scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:12
Ma perchè per far quadrare i conti dobbiamo sempre tagliare sulla sanità, sul sociale e su tutti i servizi che SERVONO ai cittadini!
Sono d’accordo occorre TAGLIARE i costi burocratici, occorre tagliare i costi SCANDALOSI della politica.
BASTA!!! quando sento le notizie riguardanti i furti “legalizzati” dei ns. cari politici provo un senso di nausa e ingiustizia!
Non vorrei banalizzare, ma c’è anche una parte d’Italia che paga regolarmente le tasse e non può permettersi le scuole private per i figli nè tantomeno una visita specialistica privata…
In questi giorni continuo a sentire cifre a sei zeri per sprechi e spese inutili della politica oltre che sperpero di denaro per sottrazione di finanziamenti ai partiti…. proviamo a sommarli tutti forse riusciremmo a saldare non solo il debito pubblico ma anche a fare una ridistribuzione a tutti le famiglie di operai/dipendenti che faticano ad arrivare alla fine del mese.Juju scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:10
Perche’ non chiedete a polillo come il suo governo puo’ giustificare i tagli alla spesa sociale e sanitaria inclusi i contributi agli invalidi ma si permette di sprecare miliardi di euro nella costruzione di opere inutili come la linea tav Torino/Lyon? Dal cuore posso dire WWWW il movimento 5 stelle!!!!piero scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:07
é possibile che per trovare soldi si vada a dimezzare il valore della giornata lavorativa di coloro che hanno il diritto all’assistenza di familiari con handicap?sanno quei signori cosa significa gestire in questo periodo situazioni difficili?non tutti possono permettersi badanti o sostegni come case di cura
Forse chi ha quel ,ripeto, diritto, ne farebbe volentieri a meno Ma sempre ai poveracci si deve chiedere?guardate che chi ha quel diritto solleva lo stato (minuscolo)dall’assolvimento di compiti
Le famiglie che si sacrificano non solo andrebbero ricompensate ma si pensa di levar loro qualcosaFabio scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:06
Buona sera vorrei dare un contributo alla discussione in merito alla riduzione delle spese:Abolizione delle Commissioni tributarie di primo secondo e centrale oltre la sezione tributaria della cassazione e giurisdizione affidata ai giudici amministrativi che hanno competenze specifiche anche su imposte.
Infatti la composizione delle commissioni tributarie di primo grado e’composta solo da un giudice togato mentre gli altri membri sono non togati e quindi non esperti nella materia con notevoli discrasie e procedimenti diversi tra regione e regione.Risparmio calcolato annuo circa 500.000 milioni di euro….mi pare non sia poco.paola scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:05
Polemica ridicola e penosa di Battista e Sofri: è stata formalizzata una proposta di riduzione dell’irpef e il Consiglio dei Ministri non l’ha accettata; dove è lo scandalo? Con tutte le stupidaggini che quotidianamente i giornalisti spesso ci propinano, cosa dovremmo fare? Questo non è servizio pubblico: come al solito, scopo primario sono operazioni di marketing volte a creare scandalo e un clima di conflitto/litigiosità che non porta da nessuna parte. Nonostante al Governo, oggi, ci siano tecnici di alta competenza che l’intera Europa stima proprio perchè hanno portato a segno, in meno di un anno, provvedimenti che in vent’anni nessun altro era riuscito a realizzare, in Italia fintanto che combatteremo le regole invece di punire chi non le rispetta, resteremo un paese del terzo mondo, con tutto il rispetto per questi ultimiSalvatore scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:04
Sono dipendente di un Ente pubblico con il contratto scaduto da I gennaio 2010 ho subito la riduzione
del buono pasto ho il blocco del rinnovo contrattuale fino al 2013 .Dal 2010 ad oggi il costo della vita
è aumentato senza elencare ( Imu prima casa , benzina …) come si fa a dire di fare altri tagli
sugli stipendi dei dipendenti pubblici?Anna lutri scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:02
Qualcuno prova a far capire che noi dipendenti statali non riusciamo proprio piu’ ad andare avanti cosi’,la nuova contrattazione degli stipendi era la nostra ultima speranza,e poi chiedete anche aggiornamento,approfondimenti,crediti!siete veramente ridicoli.CittadinoItaliano scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:02
Ma perchè non viene rispettato il referendum degli Italiani sul l’abolizione dei finanziamenti ai partiti? Adesso si chiama “rimborso elettorale”. Il popolo ha scelto e i politici, tutti i politici, fanno finta che il referendum non ci sia mai stato. É un furto, un’appropriazione indebita da parte dei partiti contro le tasche dei contribuenti. Che vergogna! È se il volere del popolo non si rispetta, se si ignora la democrazia, se questi politici non ci rappresentano, non resta che…
…cambiare il paese!reartu scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:02
Vogliamo ridare ai cittadini ITALIANI la dignità del VOTO? si introduca in una qualsiasi legge elettorale che se non ri raggiunge il 51% degli aventi diritto, le elezioni sono nulle!!!!!
Secondo voi andrà a votare????Marco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 23:00
Ma quella signora in Olanda ha comprato una casa da 150000€ e paga al mese 650€… Il tasso di interesse attuale in Olanda è il 6%… Quindi le ci vogliono più di 100 anni per pagarla… E Quindi la casa non è comprata da lei ma dalla banca e la signora paga l’affitto e gli interessi e le spese x mantenerla e di suo non ha un bel niente…
In Olanda non concedono più mutui x comprare la prima casa e infatti i prezzi delle case si sono abbassati notevolmente comparandoli a pochi anni fa ed il mercato delle compravendite è fermo.
Anche nella periferia delle città italiane le case costano quella cifra pagata dalla signora olandese… Se si va in zone più belle i prezzi lievitano.
In Olanda le tasse sono alte, la crisi si sente e la gente perde il posto di lavoro, l’assicurazine sanitaria base costa 80€ al mese ma se hai bisogno le prime 220€ sono a Tuo carico,.. Le tasse sono alte, le bollette pure…la benzina costa come in Italia ma ci metti 5 minuti a fare il passaporto?Pro e…reartu scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:57
Dicono che l’evasione è pari a 180 miliardi di €, bene se fosse vero basterebbe istituire lo scontrino “parlante” per qualunque spesa sostenuta e tutto deve essere scaricabile dalle tasse.
Io lo pretenderei per tutti gli acquisti e se le fatture potranno essere scalate dal reddito io le pretenderei su tutto! L’evasione….si ridurrebbe almeno della metà! SE I NUMERI SONO QUELLI CHE DICONO, MA SE NON è COSì ????monica de rosa scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:56
buona sera vorrei precisare che la valle d’aosta si fa bella sulla pelle delle piccole imprese i lavori delle terme di Sain Vincent sono finiti la regione guadagna ma le piccole imprese non riescono a prendere i soldi per i lavori eseguiti così come l’auditorium sempre di s. vincent così solo per precisare che l’isola felice è felice solo per i politici inoltre vorrei dire che i cittadini della valle (di lacrime) pagano la spesa più cara d’italia….Antonio Sellitti scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:40
L’on.le lorenzin dimentica che Berlusconi tremonti Bossi hanno barato sul change over: togliendo l’obbligo del doppio prezzo esposto e tutti i controlli che erano previsti a livello di tutti i paesi europei: risultato in Italia abbiamo avuto, dipendenti e pensionati, lo stipendio dimezzato e per sempre e si sono favoriti i commercianti, larga platea di voti per il PDL, noi nel 2002 arrivavamo alla 3 settimana, in Europa hanno conosciuto la crisi nel 2008. Dovrebbero andar si a nascondere tutto il PDL, i giornalisti che non lo dicono e anche i pd che tacciono. Sarebbe bello sapere che ne pensa il prof. Vaciago su questo argomento, e i giornalisti e sindacati perchè non ne parlano. Le buste paga non recupereranno mai più. Saluti a chi denuncia uno dei principali scandali….Francesco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:39
…Continuo… combattere l’evasione fiscale seriamente, ad esempio controllo ad aziende che hanno lavoratori in nero, controllo non solo a negozi ma anche a categorie come avvocati, dottori ed altro. e poi mi sento dire premiare con uno sconto sulle tasse chi denuncia gli evasori (basta con questa farsa che non si riesce a combattere l’evasione). Argomento sanità, deve essere vista come una azienda senza intrusione politica con controlli severi su entrate ed uscite. Un esempio in Campania per la politica corrotta e scellerata ci troviamo negli ospedali decine di infermieri in reparto messi lì dalla politica quanti in realtà potrebbe essere anche di meno. Almeno voi tecnici vi svegliate da questo sogno? Non pensate a cosa dicono i partiti politici ma fate e basta. I CITTADINI ITALIANI TUTTI VOGLIONO LA RIDUZIONE DELLO STIPENDIO DEI POLITICI SE DOBBIAMO FARE SACRIFICI I PRIMI DEVONO ESSERE LORO E BASTA CON TUTTI I PRIVILEGI.consulente scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:38
“La Legge di Stabilità introduce una stretta per le spese di consulenze informatiche.”Sono un consulente informatico, laureato in Ingegneria Informatica con 110 e lode, vincitore di concorso presso un ente pubblico , stipendio annuo 26254,32euro lordi (compresi contributi previdenziali) per 1600ore . Secondo voi dovrei essere considerato uno spreco da tagliare?Probabilmente sarà la solita scusa per introdurre nel sistema qualche multinazionale che vende i propri dipendenti a 500 euro al giorno (quando va bene)
Meditate gentefabri scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:37
Polillo è una barzelletta di politico… ma dove l’hanno trovato…. ma tecnico de che???scoglio nato scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:36
Dite a Polillo che ANCHE riducendo l’IRPEF di 1 punto si mette nelle tasche degli italiani 280 euro. Si e no i soldi dell’IMU sulla prima casa… e con questo si crea la ripresa? ennesima presa per i fondelli. Tabagi farebbe bene a tacere sulla evasione che dimostra di non capirci nullaGiancarlo scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:36
Si vuole ridurre il costo della politica?Basta che si elimini uno dei due rami del parlamento (camera o senato).Siamo l unico Paese che ne abbiamo due,per che cosa visto che una legge per passare devo no giocare a Ping pong,appunto fra camera e senato?Quanti soldi si risparmierebbero,le poche leggi passerebbero più velocemente e la maggior parte di questi fannulloni a casa.Maria Lucia scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:36
Ridurre le aliquote IRPEF vuol dire far risparmiare un bel po’ di soldi a chi ha un reddito alto come i nostri politici mentre per i disoccupati e coloro che guadagnano 500 euro al mese si ridurra’ in un nulla di fatto….se vogliono far tornare a respirare gli italiani e’ l’aliquota IVA che deve essere ridimensionata visto che è uguale per i disoccupati e per i nostri politici…aumentate le aliquote IRPEF per i redditi alti questa sarebbe equità!Angelo scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:35
si continua a commettere l’errore di considerare nei costi della politica solo gli stipendi o gli emolumenti che i partiti in qualche modo si assegnano “legalmente”. Non si considerano i costi della corruzione politica che fanno si che ci siano quelli che ridono al telefono quando ci sono i terremoti, e ridono perché grazie alla politica corrotta, loro gadagnano tanto perché succhiano come dracula tanti tanti soldi pubblici.Luciano scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:35
Il problema di fondo del quale non state parlando è che ci vorrebbe una rivoluzione culturale:in Italia è premiata la furbizia non l’intelligenza.L’Italiano è furboi, l’olandese è intelligente, questo è il problema.L’intelligenza ti fa arrivare lontano, con la furbizia al massimo arrivi all’angolo della strada.Francesco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:33
Perchè stasera non si parla della legge anticorruzione che tutti i politici non vogliono c’è una legge anticorruzione bloccata ma vi rendete conto chi ci governa?Patrizia scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:30
Come si puo’ andare a fare cassa sui permessi concessi x l’assistenza ai disabili? Non c’é limite all’indecenza. Ai comuni quando chiedi aiuto ti rispondono che non ci sono soldi per i nostri anziani e disabili, ma ti DICONO ” signora si prenda una badante” e poi si permettono di dimezzare il contributo sui permessi MAAAAA VERGOGNATEVI FATE SCHIFOMaurizio 1954 scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:30
Quanti sono i parlamentari in Europa?
Quanto si risparmierebbe se ci fosse un solo parlamento Europeo?
Quali sono i costi Reali della Politica?
Sarebbe possibile Ciò?Perche in Italia Non Esiste Uno spread tra Gli Euro di trieste e Caltanissetta, Dal momento che è una sola Nazione, Perchè l’europa ( scritta Minuscola) che è un Unico Paese prima c’erano le monete diverse Ora c’è lo spread ?Francesco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:30
Non ce la faccio più a sentire questi politici e tecnici (oggi) che pensano di salvare l’Italia aumentando sempre le tasse senza mai tagliare la politica e soprattutto non cacciare via i politici corrotti che campano sulle spalle nostre. Abbiamo senatori come Papa in carcere che continua a percepire lo stipendio da senatore e per giunta non si è nemmeno dimesso. Ma mi chiedo l’Italia è ancora un paese civile? E’ una vergogna e dovrebbero vergognarsi politici e tecnici tutti che non hanno proprio idea anzi se ne fregano in quanto pensano solo ai loro interessi. Come risolvere i problemi? Bho noi cittadini abbiamo le mani legate non possiamo fare nulla. Votazioni? Una farsa io non mi sento per niente rappresentato ne da destra e ne da sinistra. Tecnici vogliamo finirla? Facciamo cose serie come in altri paesi europei. Prima di tutto legge sulla corruzione a casa tutti gli inquisiti con penale fortissima se hanno rubato. Questa è democrazia…anna quercia scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:29
io non faccio più niente, se solo mi chiedete soldi ancora faccio lo sterminio di politici,basta, la croce rossa la dirige la sorella di letta a 300.000 euro all’anno e rubano pure lì, è in deficit, ma annatevene fora da i ball,fuori,andateveneorazio scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:29
qualche tempo fà si parlava in quasi tutte le trasmissioni che le famiglie non arrivavano alla terza settimana ora che non si arriva alla prima settimana ( quando riesce a prendere la retrubuzione mensile ) nessuno nè parla …. che schifo …. questa è l’ITALIA …. VERGOGNA ….Ivano scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:29
Dite ad Angeletti che i volontari del si ndacato usufruiscono di tot.numero di giorni di permesso all anno pagati dalla collettività.alfonso scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:28
Angeletti sostiene che in Italia ci sono 7.000 società pubbliche che costano 20 miliardi di euro l’anno.
Visto che siete bravi, non avete bisogno di queste sciocchezze per colpire la gente che segue.
1.000 euro a testa al mese per 12 mesi per 5 componenti, 2.000 euro al mese per 3 componenti il collegio sindacale, portano ad un totale di circa 1 miliardo, che è una somma enorme, ma non sono 20 miliardi.
Tra l’altro, senza le società (o strumenti affini), come si gestiscono, p. es. i SPL?salvatore scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:28
cara lorenzin dosi bene le parole. a napoli i servizi si pagano ma è grazie alla vostra scellerata politica che in tanti non riescono ad arrivare a fine mese. corregga la frase da “a napoli nessuno paga i servizi” ad “a napoli molti non riescono a pagare i servizi”. non può permettersi di diffamare una città intera e gente piena di gente onesta che paghe le tasseGiancarlo viaro scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:27
Angeletti ha perfettamente ragione. Non si può chiedere ai lavoratori sacrifici, quando politici e loro familiari e tirapiedi guadagnano euro a gogo. Nei consigli d’amministrazione, chi viene nominato dai politici senza conoscere la materia, combinano guai a ripetizione.danilo frigo scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:26
Nella spesa Pubblica, non si può dimenticare il costo di una parte dell’apparato sindacale, sopra di tutto quello che ancora oggi, con la crisi in corso, percepisce lo stipendio, i contributi e domani una pensione dallo Stato.
Credo che non sia serio indicare la riduzione della spesa pubblica come tocca sana di tutti i mali e non intervenire su di un sistema che avvantaggia i furbi e le “Istituzioni”. come chiesa sindacato e politica.
Il servizio svolto in Olanda, sottolinea non solo la differenza di impostazione di spesa, ma sopra tutto la mentalità che prevale nel salvaguardare la pubblica amministrazione.anna quercia scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:26
insomma nulla li distrugge, sono sempre pronti e dire cazz…te,basta, prendete troppo,troppi criminali in politica,100 in parlamento,consulenze,parenti,insomma a me fa male il cuore,mi fate schifo,andatevene,potete vivere anche lavorando invece di fare politica,20 anni di balle,noi in fallimento e sempre voi che volete fare, è come dare ad un assassino vittime ancora perchè lui dice che da la vita, andatevene, anche tabacci, via, bastafilippo scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:23
ormai il gene della corruzione e della disonestà si è radicata nel DNA dei nostri politiciNazzareno scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:21
Come si puo’ andare a fare cassa sui permessi concessi x l’assistenza ai disabili? Non c’é limite all’indecenza. Mai ridurre veramente i privilegi dei politici…….massimo scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:21
Ditelo forte che sono/siamo stufi della politica,dei senatori,dei deputati,degli assessori,siamo stufi di tuttti. !!sE VERAMENTE A MAGGIO 2013 CI SARANNO LE ELEZIONI,se i forconi non agiranno prima,vogliamo due schieramenti,uno con la maggioranza ed uno all’opposizione,composti ciascuno da 50 ragionieri,la laurea non serve,basta la matematica e l’onestà,20 di questi seguiranno a turni di sei mesi le regioni,intercambiandosi e sotto il controllo della guardia di finanza. !L’opposizione controllerà la maggioranza,la maggioranza fornirà le pezze giustificative che verranno approvate ogni tre mesi ed un’assemblea di cittadini benemeriti voterà dopo l’analisi per il proseguo della gestione.Priorità a posti di lavoro,sanità e casa per tutti !!Pietro Migliorati scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:21
Battista ….. Battista ….. Battista!
E la classe giornalista?
Basta con tutta la tua (e non solo) ipocrisia moralista,
dici che non sapevi, quanto erano grandi i foraggiamenti alla politica nelle regioni, ecc.
Se sei sincero, domandati come mai tra te e gli atri grandi del giornalismo italiano, non siete capaci di fare un minimo del mestiere!
Intervenite nei salotti, giocate rincorrervi con i soliti titoli, ma un po’ di indagine seria su i fenomeni della società, su come funzionano determinati centri di potere, su come girano i soldi e le miserie!
Gli unici dati che avete sbattuto in prima pagina, sono le eccezioni ormai residue dei baby pensionati che già non potevano più ripetersi, avete raccontato le favole che in Europa non esistevano sorta di pensioni di anzianità, solo per far da lancio alla maldestra riforma su poveri cristi, anziché ragionare come incentivare e disincentivare efficacemente l’uscita dei lavoratori!
I maxi stipendi di voi giornalisti chi li paga? Gli…fabri scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:20
ci mancava il servizio sugli sconti: ma gli illustri economisti perchè non dicono che il prezzo scontato è semplicemnete il prezzo vero! sui prezzi non scontati il commerciante ci compra la barca!filippo scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:18
perchè non ci facciamo amministrare dagli Olandesi ?Bruno scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:17
Dite a Polillo e Angeletti che ridurre dell’1% le aliquote significa dare agli ITALIANI con reddito di 20000€ una cifra pari a 200€/anno, altrimenti detto 15,38€/mese. Personalmente rinuncio a questo benefit, basta che vadano tutti a casaAndrea scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:16
Purtroppo vedo che non vengono discussi i miei 5 punti sotto, che sono altamente costruttivi.Comunque sento parlare di forconi, ma una soluzione potrebbe essere quella di intentare una causa Stato-cittandino davanti alla Corte Europea dei diritti dell’uomo in quanto è ampiamente dimostrabile che il Paese è in crisi per via degli sprechi passati e per il maldestro tentativo attuale di voler recupeare in due anni vent’anni di innefficienza. Perchè devono pagare gli onesti le colpe dei disonesti?de crescenzo fiorentino scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:15
Sono state censite le case fantasma, dall,80 ad oggi sono state fatte 3 sanatorie ediizie ancora in definizione,queste: (le case fantasma hanno fruttato centinaia di migliaia di euro) le tasse dove sono?. Quanto hanno pagato i sig. tecnici per regolarizzare il tutto? basta che qualcuno prenda l’elenco presso i catasti e gli elenchi delle concessioni presso i comuni e richiedere le fatture delle parcelle, cosi’ pure per le variazioni di destinazione d’uso che con l’accatastamento si sono sbrigati a presentare, cantine che sono diventate appartamenti,sottoscale idem, lavatoi ecc. ma prima cosa erano? e quanto hanno evaso ? Poi viene la sanita’ con spese incontrollate, perche’ per esempio i presidi sanitari, pannoloni,traverse,carrozzine per disabili,ecc. ecc. non viene acquistato dalla asl su 3/4 preventivi allegati alla pratica direttamente e poi consegnato all’utente che alleghera’ copia al 730?. la pulizia bisogna incominciare a farla dalle famiglie,famiglie sane…Oricalu scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:15
Cari italiani ci vuole una rivoluzione del penale,se non bastasse allora andiamo a prendere a casa loro i ladri che ci governo e li mettiamo nella gogna,poi licenziati con il pagamento di quello che hanno rubato.fabio giovanni malandra scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:15
Mi chiamo fabio, sono infermiere e sindacalista (Unione Sindacale Italiana di Parma), 47 anni.
Sto apprendendo in questo istante che, nella manovra di stabiltà, sono inseriti ulteriori tagli alla Sanità, il blocco degli stipendi nella PA, tagli ai Comuni già in difficoltà e conseguente aumenti delle tassi comunali a discapito degli stipendi dei lavoratori e famiglie. E’ altresì scandaloso apprendere che per l’ennesima volta alla casta politica gli stipendi rimane uguale mentre quello dei dipendenti sono rapinate dalle tasse. Dal 2000 ad oggi il potere di acquisto è svalutato del 40/50%. Credo che sarà un autunno caldoorazio scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:14
vorrei fare provare a questi signori se con 1300,00 si possa vivere o meglio sopravvivere …. gli stipendi non si potrebbero detassare …….. noooo ….. a chi ci governa non gli conviene …..gioia scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:12
tutti i giorni in trasmissioni rai dicono che facciamo pochi figli,considerando che siamo 7 miliardi,i polli non mettono neanche le penne che son gia’ arrosto,quelli che nascono oggi che mondo troveranno?
poi non c’è dirigente che dica che la colpa non è suaorazio scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:10
dite ai signori ( se si possono devinire signori ) si parla di tutto ma di aumenti di stipendi o pensioni nessuno si muove … VERGOGNA nessuno dovrebbe andare a votare …….ANTONIO scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:09
oooo ma un credito pubblico…maiiii ????? insomma quel modo di dire che per amministrare bene bisogna essere in perdita c’è da dire che lo tengono come riferimento inderogabile da generazione a generazione di politicmendipendente pubblico scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:08
Indignata ma soprattutto schifata. La manovra io come la maggio parte degli italiani non la voglio pagare. Lo stipendio io me lo guadagno. Tabacci & company ci chiedono sacrifici. Forse e’ il caso che qualcuno ricordi a questi “soggetti” che noi non abbiamo mai rubato distraendo soldi a nessuno. Quindi non vedo perché dobbiamo pagare noi le ruberie. E se alcuni enti pubblici funzionano male e’perché sono presenti i politici che usano l’ente pubblico x i propri interessi.Pietro scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:07
Si parla ancora di blocco del turn over quindi la possibilità di avvicinarmi al nucleo familiare e sempre piu’ lontano , sono un infermiere che lavora ormai da sei anni a 56 km da casa e quasi ogni giorno percorre piu’ di 100 km ,a chi devo chiedere il rimborso benzina!!!!Silvana Palumbi scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:07
Vorrei chiedere a Battista come non si vergogna di esordire dicendo che non conosce i compensi dei consiglieri nelle istituzioni: il suo mestiere è quello di giornalista !! Posso non conoscerlo io, comune cittadina, ma nel suo caso è un dovere conoscere quanto e come si utilizzano le nostre tasse. Allora propongo una prossima puntata su questa casta dei giornalisti che vengono in video a fare conversazioni da salotto o da bar dello sport perfettamente in linea col degrado della politica italiana che tanto stigmatizzano.Antonio scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:06
Polillo,
assumetevi le vs responsabilita’ di anni di sprechi, furti legalizzati, improduttivita’ per il paese.
Azzerare i privilegiIvano scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:03
dite cose non vere i consigli comunali non hanno adisposizione nemmeno un eurofabri scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:02
quindi il dipendente pubblico che prende 1300 euro e paga la badante per un genitore quando prende il giorno di permesso per sostituire o aiutare la badante gli dimezziamo lo stipendio di quel giorno! viva l’equità!giuky scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 22:00
Considerato che la RAI vive di soldi pubblici e i giornali, compreso il Corriere della Sera, ricevono cospicui finanziamenti pubblici, quindi anche parte delle tasse che pago, perchè Floris e Battista non si riducono il più che munifico, non si sa quanto meritato, stipendio e i benefit loro graziosamente elargiti?!?baciba scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:59
REALFONSO……non dovrebbe proprio parlare…. parla ora??? Ahahahahah ….. qualcosa non è andato come gradiva. Si vergogni!!!! E VERGOGNATEVI VOI CHE NON DATE DIRITTO DI REPLICA!!!!!!.mary scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:59
Perchè Floris non parla di quello che il governo Monti ha fatto alla croce rossa italiana, come rischiano il posto 2000 lavoratori e come sono a rischio tutti i servizi sanitari che gestiscono?Marco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:58
Floris, sai che c’è un comitato di comunissime persone senza bandiere politiche che si sta muovendo per proporre un referendum abrogativo della legge 1261/65 che determina le indennità dei parlamentari? Se dovesse passare sarebbe un risparmio di circa 12.000 (mica noccioline) euro a “onorevole”…In tempi di crisi sarebbe un bel risparmio per il paese, no? Perchè non parlarne? Se vuoi il nostro presidente, Marco Savari, sarebbe più che felice di farlo in diretta!!! Questo è il suo numero:3402989202Roberto Bandieri scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:58
La Croce Rossa del Comitato Locale di Modena assiste circa 2000 persone (1917 per la precisione), con la distribuzione di pacchi spesa, libri di testo, farmaci, abiti, carrozzine, e quant’altro serve a vivere. Me lo ha fatto pensare il vs spot della consorella Croce Rossa Spagnola. Complimenti per la vstrasmissioneRoberto Bandieri
335.7812951Giancarlo Patruno scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:57
Purtroppo in parlamento ci sono dei dilettanti allo sbaraglio altro che politici.Io abito in Germania e nel parlamento tedesco ci sono politici con la P maiuscola.Qui gente come la Minetti e chi come lei non gli farebbero pulire neanche i bagni nel parlamento altro che fare politica.nazzarena casadei scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:56
Tabacci!! Alè sempre più giovani!Gabriele Guidi scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:56
Tabacci… Scuola e sanita’ devono essere per tutti. Pubblici!! Non hanno colpa i figli di ricchi o poveri della loro situazione. Come pure i malati di aver bisogno di cure… A monte devi tassare e prendere le tasse a quello con la porche ed evitare che ci siano comuni che usino strumenti finanziari pensati per alleggerire lo stato , quali il project financing. Il figlio del ricco che poi vuole scegliersi la scuola privata che se la paghi, come pure il virtuoso che vuole la sanita’ privata. Italia confusa politicamente e amministrativamente. In sanita’ taglia i costi dei farmaci miracolosi e vedi come saltano fuori i disavanzi. Evita i project financing e vedi come si sprecano meno risorse pubbliche. Stessa cosa nei comuni. Riduci i servizi e i costi di affitto inutili e accorpa i comuni con dissesto finanziario, e piano piano vedrai come ci saranno meno comuni spendaccioni. Alla fine rimarranno amministratori capaci … Che e’ esattamente quello che Noi cittadini chiediamoMauro scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:56
Al nostro governo, di cui non ho assolutamente fiducia, chiederei perchè la manovra colpisce sempre il PI, vuole bloccare i contratti e loro continuano nella BAMBAGIA. questo governo parlava del costo della politica veniva ridotto e non mi sembra che sia successo in quanto continuano a mettersi in tasca il sudore degli italiani. Ci prendono per il C… che sono stati immensamente buoni in quanto non hanno bloccato le tredicesime, ma chi ci governa si è bloccato qualcosa.
Rubano una mela e vengono incarcerati, rubano miliardi e continuano a fare politica.
Ci sarebbe da dire tanto ma so solo che a mia figlia sto cercando di fargli il lavaggio del cervello per andarsene all’estero.
MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO.insegnante elementare scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:56
Il sottosegretario Polillo non ci prenda in giro dicendo che non si tratta di manovra, ma di movimentazione. Chiamala come vuoi, si tratta sempre di manovra, tagli e nuove tasse!!!
E intanto il Pdl si preoccupa del decreto salva Ruby! Che vergogna!
Che non abbia forse ragione la Lega a minacciare la marcia su Roma (e non sono leghista, anzi, tutt’altro)?claudio scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:54
non sarebbe ora che si cominciasse a tagliare anche il super stipendio/pensione di quei funzionari delle amministrazioni pubbliche come il sottosegretario Polillo che percepisce una pensione di 20.000,00€ al mese,i sacrifici spettano solo agli operai e pensionati?Maurizio scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:53
militare con 28 anni di servizio. perchè devo avere lo stipendio bloccato dal 2010 e per il 2011, 2012, 2013 ed adesso pensano anche al 2014? perchè se vengo promosso al grado superiore non percepisco gli aumenti previsti? perchè devo solo assumermi le responsabilità che ne derivano? perchè devo percepire 23 euro di assegni familiari con moglie figlie a carico? perchè devo pagare tra ritenute assistenziali e previdenziali il 50% del mio stipendio lordo? perchè combatto per il mio paese e mi pagano come se avessi fatto una normale esercitazione? perchè devo pagare le tasse universitarie di mia figlia come se fossi un nababbo? perchè devo vedere il mio stipendio bloccato e intanto aumenta il mutuo, l’acqua, il gas, la luce, il condominio, i generi alimentari,la benzina, i libri, i farmaci, i ticket sanitari. e perchè aumenta l’iva? perchè devo pagare l’imu? la casa l’ho comprata coi miei soldi, la banca per 20 anni la pago io perchè devo pagare l’imu? perchè sono finiti i caratteri?Marco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:53
il Comitato Del Sole organizzazione apartitica di semplici cittadini incazzati, che vogliono ottenere il referendum sull’abolizione dei privilegi dei parlamentari, per un taglio in media di 12.000€ ogni stipendio mensile.. .iniziativa pubblicata sulla gazzetta ufficiale del 24 aprile c.a.. il 29 ottobre inizia la raccolta firme neo comuni.. . solo uniti possiamo farcela venite tutti a firmare, il popolo solo unito può vincere questa battaglia contro quei fannulloni. . . Floris vuoi intervistare il ns presidente in diretta????: Savari Marco facciamo girare la voce. . .ANTONIO scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:52
Si ma in questa situazione cosa doveva fare questo governo??? ostaggiato dalla maggioranza e minoranza occulta????? ma dai smettiamole di raccontare frottole anche alla tele …..non siamo incapaci di intendere ..cambiate sistema di comunicazione con noi contribuentiiiiiiiii!!!!
LEALTA SIGNORIIIIIIIIIelena scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:52
buonasera vorrei rispondere al sig. Tabacchi riguardo al suo intervento in riguardo degli asili e della Porsce magari il padrone dell’ auto e’ un evasore che non dichiara nulla e di retta per l’ asilo non paga un ben emerito niente e io che porto mio figlio con la punto a metano un lavoro come commessa dove mi detraggono tutte le tasse possibili immaginabili pago mostrando l’ ISEE la retta piu’ alta che c’e’. Qualche controllino in piu’ magari!!!!!!!!!!!!!Marco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:51
C’è un comitato no profit di liberi cittadini apolitico e apartitico, il Comitato del Sole, che si sta impegnando per proporre un referendum abrogativo parziale della legge 1261 del 31 ottobre del 1965. La raccolta comincerà il 27 ottobre in quasi tutte le principali città Italiane. Stiamo cercando di farci sentire tramite i media, ma nessuno ci da retta. Chissà come mai…pauline teutscher scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:50
INFORMATEVI: Pare che i paese bassi ha messo daparte, da 3 anni 18000.000.000 annuo per la crisi. Purtroppo quest’anno hanno dovuto intingere da questo salvadanaio (cosi ha detto l’ambasciatore ad una festa, fine aprile) ECCO LA DIVERGENZA COME GESTIRE UN PAESE!William Faè scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:50
SE FOSSI A CAPO DEL GOVERNO LA NUOVA MANOVRA L’AVREI STRUTTURATA COSI’:
4,5 MILIARDI DI TAGLI ALLE REGIONI A STATUTO SPECIALE
250 MILIONI ALLE REGIONI A STATUTO ORDINARIO
250 MILIONI AI COMUNI
QUESTO PER RENDERE MENO PRIVILEGI ALLE REGIONI A STATUTO SPECIALEIL SINDACO DEL COMUNE DI CENCENIGHE AGORDINO (STRETTO TRA DUE REGIONI A STATUTO SPECIALE – TRENTINO ALTO ADIGE E FRIULI VENEZIA GIULIA ) WILLIAM FAE’mary scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:49
Equita’ è la parola d’ordine del governo monti, forse il presidente non conosce il significato della parola. COMPRATEGLI UN DIZIONARIO!!!!!Antonio scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:48
Polillo: tagliare le ferie agli operai ? Tagliatev il vs di stipendio visto che la classe politica non e’ stata produttiva per il paese e iniziate a lavorare come gli esseri umani, dal lunedi al venerdi (non dal martedi al giovedi)Francesca scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:48
Angeletti ha detto bene che non si parla dei posti di lavoro persi dalla gente comune. Stimo Monti e il suo staff , ma a parte le manovre finanziarie vorremmo che andassero a controllare come vengono assegnati gli incarichi nelle Università, chi lavora con passione nella scuola e chi paga le tasse.
Credo che il cittadino comune sia scoraggiato e depresso e che non cerchi più un lavoro, perchè di lavoro dignitoso non se ne parla più. Quello disponibile sul mercato è solo miseria e sfruttamento. Grazie per i momenti che ci date di partecipazione collettiva. Buon lavoro a tutti.Marco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:45
Domanda : ma la chiesa l’imu la paga all’estero ? Almeno in europa ?giovaninenci scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:45
credevo di guardare BALLARO’ quando ho visto POLILLO!!! ma allora siamo al BAGAGLINOLuca scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:45
Ma di che stiamo parlando….passi indietro, destra sinistra, sopra sotto….ancora si parla di politica???Dopo anni di sfascio e oceani di soldi divorati…
Mettiamo il paese in mano a una massaia, una maestra e un bambinoanna quercia scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:44
ma i comuni pure loro sono spendaccioni,in specie in consulenze,in pro loco e per finanziatre come da me l’oratorio,perchè io debbo dare i soldi all’oratorio che figli non ne ho,perchè non pagano secondo reddito le famiglie e perchè tutte le consulenze fasulle, i segretari comunali che paiono dei re, minimo pigliano 5000 euro,insomma non è solo roma che magna, la politica però non è toccata, il governo sobrio taglia ai poveri e da ai ricchi e ai politici,andiamo avotare, che ci state provocando,veniamo veramente coi forconi,basta, siete solo incapaci,andiamo a votarefrancesco scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:44
ma i bonus di produttività che sono stati dati quasi d’ufficio al 100% (legge brunetta) ne vogliamo parlare? un altro schifo nella lunga listainsegnante elementare scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:40
Io credo che ci stanno chiedendo troppo; gli stipendi sono bloccati da tanto tempo, ora ci tolgono pure la vacanza contrattuale ed intanto lavoriamo in condizioni sempre più pessime (scuole vecchie e pericolanti, elevato numero di alunni per classe – nella mia 26!!!!- e sempre più soli con mille problemi – alunni con problematiche varie). Basta! E’ ora di finirla di chiedere ancora immensi sacrifici alla povera gente! E’ ora che paghi la classe politica che tanto danno ha arrecato all’Italia!rebecca scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:40
sono un prof universitario, il blocco di stipendi e turnover esiste già da talmente tanti anni che non ricordo nemmeno più da quando. Manutenzione? No commentValentina scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:39
I dipendenti sono quelli che stanno pagando x tutti, e i dipendenti pubblici, ormai famosi come “fannulloni” da Brunetta e con gli stipendi bloccati da anni, sono di nuovo di mira!!! E con gli stipendi medi di 1.200 euro al mese, non con i compensi e le indennità degli assessori o dei consiglieri !!!! Ma a tagliare gli stipendi ai politici non ci pensa mai nessuno? E si sono accorti solo dopo Batman che chi fa politica guadagna almeno tre volte uno stipendio normale? Torniamo a quando i nostri nonni vedevano nella politica un ideale, togliamo i soldi!!!! e diciamo che per fare l’assessore o il consigliere devi avere un tuo lavoro proprio e non campare di politicastefano scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:38
ciao Floris, sto per cambiare canale, non tanto per voi, tanto per dover sentire ancora queste prese in giro. qui si parla di tagli e tagli…. ma non si parla mai di tagliare i costi della politica.questa la verità e l’unica cosa che ti chiedo è di farlo più presente….Ciaoandrea scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:37
si può chiedere a polillo se avrebbero problemi a riconsiderare l’imu non sul catasto ma sulla borsa immobiliare che è una emanazione delle camere di commercio e quindi credibileANTONIO scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:36
Brava Monica bella questa barzelletta hahahaha..trovano subito risorse per aumentarsi i privilegi loro…..niente ragazzi è ora di finirla di credere al fumo…L’italia non è una rete televisiva dove tutto è finto, L’Italia sta morendo veramente…svegliamoci ragazzi…il gioco delle carte di credito per girare il mese non basta più..o qua ci arrabbiamo veramente o non avremo nemmeno più la forza di ribellarci alle ingiustizie sociali…dobbiamo tornare a urlare con dignità il diritto alla vita dignitosa.peru scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:34
…3. di avere avuto la “Meritocratica” iniziativa di aver scelto il luogo di nascita nella benestante
Italia rispetto a quegli imbecilli che hanno avuto la “Demeritocratica” iniziativa di scegliere di
nascere nella miseria del Congo dove si muore di guerra e di fame,4. di avere avuto la “Meritocratica” iniziativa di nascere in una famiglia benestante
che ha consentito loro di acquisire una cultura migliore,
nonché una preparazione migliore nella vita sociale,
rispetto a quelli che hanno avuto la “Demeritocratica” iniziativa di scegliere di nascere
in una famiglia di disoccupati, zingari, morti di fame, ecc… ecc…,orietta scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:33
Purtroppo sanno che non abbiamo “le palle” per scendere in piazza come i greci. Noi continuiamo d ascoltarli e a votarli. Ma ffinale mente riusciamo a mandare a casa questa banda di ladri che stiamo pagando da una vita. Bloccano gli stipendi a noi e i loro? Anche i programmi TV dovrebbero non dare spazio a questi falsi e ipocriti. Mandiamoli a casa tutti, disertiamo le prossime elezioni.peru scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:33
…“invece che avere avuto la pura e semplice “Culocratica” fortunadi avere banalmente ereditatole proprie caratteristiche psico-fisichedi individuo, etnia, nazione, specie, ecc…,senza “Merito” alcuno,come per tutti gli individui di tutte le altre speci viventi
da cui l’ umanità deriva,,dai fenomeni cosmico-catastrofico-ambientali-geografico-climatico-evolutivo-etnico-nazionale-regionale-individuali-ecc…,che non danno loro alcun diritto ad alcuna quota in più degli altri loro co-batteridelle risorse,ovviamente solo quelle perennemente rinnovabili,
del pianeta!!!!!
daniela scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:31
Voglio Landiniiiiiiiii Floris ma quando lo inviterai basta basta AngelettiSilvia Borghetti scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:31
il Comitato Del Sole organizzazione apartitica di semplici cittadini incazzati, che vogliono ottenere il referendum sull’abolizione dei privilegi dei parlamentari, per un taglio in media di 12.000€ ogni stipendio mensile.. .iniziativa pubblicata sulla gazzetta ufficiale del 24 aprile c.a.. il 29 ottobre inizia la raccolta firme neo comuni.. . solo uniti possiamo farcela venite tutti a firmare, il popolo solo unito può vincere questa battaglia contro quei fannulloni. . . Floris vuoi intervistare il ns presidente in diretta????: Savari Marco facciamo girare la voce. . .mauro scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:28
vorrei sapere perchè nessuno parla del cappio al collo che ci stiamo mettendo da soli con l’adesione al MES o Patto di Stabilità Europea ! A parte che gli accordi internazionali da noi non possono essere sottoposti a referendum (cosa che bisognerebbe cambiare in Costituzione) per quale ragione una cosa così importante non deve essere sottoposta al volere dei cittadini ?
mauro pizzinimaestra-elementare scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:23
a proposita si tratta di perdere circa 1200 euro all’annoANTONIO scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:23
Parlo da piccolo imprenditore, praticamente parlo da operaio perchè questo siamo in realtà, illusori di partita iva….ci hanno imbrigliati per bene legato mani e piedi con l’illusione del benessere sociale….in realtà siamo i nuovi schiavi liberi da catene ma imbrigliati da banche,debiti,tasse,Equitalia..nel tentativo di salvare quello straccio di casa sudata con 30 anni di mutuo..
Basta prenderci in giro..basta essere trattati come dei stupidi che non riescono a capire oltre il naso, di poteri occulti che dominano la nostra vita ne abbiamo piene le scatole di fase uscite dalla politica ne abbiamo piene le scatole…vogliamo…gente nuova… gente libera…gente pulita..gente che veramente possa pensare al bene comune..basta statisti atti solo a custodire interessi propri…veramente il cambiamento deve essere la basa di una nuova epoca…via tutta questa gente fallimentare……Monica scrive: 9 Ottobre, 2012 alle 21:21
mancano soldi per il patto di stabilità?
Pronti subito: dimezzare numero e stipendio di parlamentari e senatori.GLI ITALIANI LO ASPETTANO. PROVATE A FARCI UN SONDAGGIO!IO VOTERO’ IL PARTITO CHE APPROVERA’ QUESTO DECRETO LEGGE.Prima della prossima legislatura. Messaggio per Monti: si dice che sei un tecnico, non un politico, allora questo lo

agrega un comentario


Soldi pubblici: tutti gli sprechi regione per regione. L’unica regola è che non ci sono re
Por POLITICA - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:21 PM

Soldi pubblici: tutti gli sprechi regione per regione. L’unica regola è che non ci sono regole

Laziogate, spesa sanitaria gonfiata in Lombardia, inchieste a macchia di leopardo su tutta la Penisola. I guasti del federalismo all'italiana

HOME > Notizie > Attualità > Soldi pubblici: tutti gli sprechi regione per regione. L’unica regola è che non ci sono regole
21
POLITICA
Soldi pubblici: tutti gli sprechi regione per regione. L’unica regola è che non ci sono regole
Laziogate, spesa sanitaria gonfiata in Lombardia, inchieste a macchia di leopardo su tutta la Penisola. I guasti del federalismo all'italiana
Renata Polverina si è dimessa per il Laziogate. Ma la spesa per i gruppi politici dei Consigli regionali sembra fuori controllo ovunque... (FOTO)
Laziogate. Spesa sanitaria impazzita in Lombardia. Calabria e Campania nel mirino della magistratura…
LA LEGGE ANTI-CORRUZIONE GIACE IN PARLAMENTO – Il federalismo all’italiana sta producendo sprechi inenarrabili. Moltiplica e clona su scala locale i guasti “centrali”. Intanto il Parlamento non riesce ancora a sfornare la legge anti-corruzione, caldamente invocata dal presidente Giorgio Napolitano.
L’INTERVENTO DEL GOVERNO – La disciplina delle spese dei gruppi consiliari è un ottimo esempio di maionese impazzita. Ognuno fa da sé. Vale il principio dell’autonomia. Ma c’è un filo rosso che unisce molti dei regolamenti adottati dai consigli: partiti e consiglieri, non sono tenuti a giustificare le spese sostenute con scontrini o fatture. Nel migliore dei casi basta un’autocertificazione. E quando gli obblighi di legge ci sono, mancano i controlli. Il governo Monti sta valutando un intervento per frenare le spese delle Regioni: riduzione dei costi e controlli. Già nel consiglio dei ministri di venerdì verranno decisi i primi provvedimenti sui costi standard del federalismo fiscale. E anche il governatore dell’Emilia Romagna Vasco Errani porterà oggi nella Conferenza delle Regioni quella che definisce un’urgenza: «Riduzione dei costi, trasparenza, terzietà dei controlli».
I COSTI DELLA POLITICA LOCALE: CLICCA LA TABELLA PER INGRANDIRLA

LA MAPPA DELLO SPRECO - Dal Veneto alla Campania, dal Piemonte alla Sicilia, dal Trentino Alto Adige, che fa per due, alla Sardegna: su dodici consigli presi in esame dal Corriere otto non dispongono di un regolamento che obbliga i politici ad allegare scontrini e fatture. C’è il Lazio, certo, dove i guai nascono proprio dal fatto che non esiste una regolamentazione dei fondi erogati ai partiti. La legge che stabilisce i rimborsi è la 6/73: prevede per ciascun gruppo un contributo mensile di 1.500 euro, più una quota variabile di 750 euro per consigliere. Ogni gruppo ha poi diritto a un contributo mensile per spese di aggiornamento, collaboratori e attività politica che viene stabilito dall’ufficio di presidenza del consiglio regionale. Organo che, sotto l’amministrazione Polverini con presidente del Consiglio Mario Abbruzzese, ha aumentato da 1 a 13,9 milioni i fondi ai gruppi. Il sistema? I soldi vengono erogati ai gruppi e gestiti dal capogruppo-tesoriere. Il consigliere a sua volta porta il rimborso, tramite fatture e il capogruppo/tesoriere vista le spese e paga. Non esiste un controllo «terzo», tutto resta all’interno del gruppo. L’unico tipo di «controllo» è la presentazione del bilancio al Co.re.co. (Comitato regionale di controllo) che però, per ammissione del suo presidente, ha solo un potere di verifica contabile.
SICILIA, POZZO SENZA FONDO - C’è poi la Sicilia: 12 milioni e 600 mila di fondi destinati ai partiti e nessun obbligo di rendicontazione. Nel dettaglio: 3.500 euro per ogni deputato, più fondi vari per chi lavora nel gruppo. Un esercito di 70 persone che percepiscono dai 1.500 (il dipendente) ai 4.100 euro (il portaborse). In quest’ultimo caso la somma è girata direttamente al consigliere regionale che alla fine, capita, versa poi molto meno al suo collaboratore. Anche qui il gruppo svolge il doppio ruolo di controllore e controllato. La Sardegna le va a ruota con i suoi otto gruppi che costano 5 milioni e 152 mila euro l’anno (spesa complessiva oltre i 20 milioni e 200 mila euro). L’obbligo di presentare pezze giustificative è arginato scegliendo la strada dei rimborsi forfetari: ogni consigliere, oltre all’indennità netta di 2.720 euro al mese, percepisce una diaria che va da 3.202 a 4.163 euro, un rimborso per spese di segreteria e rappresentanza di 2.346 euro per 12 mensilità e un contributo per spese di documentazione e strumentazioni tecnologiche di 9 milioni e 263 mila euro l’anno. Il contributo, si sottolinea, è stato comunque ridotto del 20%.
LA CLASSIFICA DELLA CORRUZIONE: CLICCA LA TABELLA PER INGRANDIRLA
CALABRIA IDEM - In Calabria l’articolo 7 della legge 13 del 2002 prevede che le spese effettuate da ciascun capogruppo non siano rendicontate. Ma c’è già una riforma pronta all’insegna della maggiore trasparenza. La legge regionale della Campania che porta la data del 1972 ed è stata modificata nel 1996 dice: «Per le spese di funzionamento dei gruppi consiliari viene liquidato un contributo fisso mensile». Segue una cifra aggiornata nel tempo. Punto e basta. La Regione fa da «bancomat» e non esige alcun rendiconto nè impone come quei soldi debbano essere spesi. Oggi, come ha scritto il Corriere del Mezzogiorno , ai 60 consiglieri vengono distribuiti fondi per oltre un milione. I consiglieri, «ovvio» dicono, conservano scontrini e fatture, ma non esiste un ufficio ragioneria a cui affidarli e non c’è l’obbligo di farlo. Almeno così fino a maggio.
ANCHE AL NORD… - Ma non sono solo le Regioni del Sud a non avere regolamenti rigidi. I sessanta consiglieri veneti percepiscono «fuori busta» 2.100 euro netti al mese per rimborsi esentasse che non richiedono l’obbligo di presentare giustificativi. La giustificazione è stata che quei soldi servono a coprire i costi della benzina. Fatti due calcoli, però, è come se ogni consigliere percorresse qualcosa come 16 mila chilometri al mese. Il Piemonte poi: 15 gruppi, 60 consiglieri, 7,5 milioni di euro e autocertificazione libera per ottenere il gettone di presenza. Da qui anche l’annuncio di affidare a terzi la certificazione dei bilanci da pubblicare poi online. Le Province autonome di Trento e Bolzano lo fanno già. Ma le spese sostenute dai 35 più 35 consiglieri vengono giustificate attraverso una dichiarazione di ogni capogruppo alla presidenza del Consiglio insieme a una nota riepilogativa.
TOSCANA, LIGURIA, EMILIA VIRTUOSE - Toscana (50 consiglieri e 705 mila euro di spese), Liguria (40 consiglieri e 2 milioni e 900 mila euro), Emilia Romagna (50 consiglieri e 2 milioni e 332 mila euro per sole spese di funzionamento). Ci sono anche Regioni che obbligano per legge a dimostrare con scontrini e fatture le spese sostenute. Ma è poi la Presidenza del Consiglio a fare i controlli. Così è anche in Lombardia. Al Pirellone, otto gruppi consiliari per una torta da 10 milioni, lo scontrino è obbligatorio. E la delibera dell’ufficio di presidenza prevede che sia il presidente dei gruppi consiliari il «responsabile della regolarità della documentazione prodotta». Gli scontrini si allegano ai bilanci, ma l’effettiva verifica della regolarità formale dei rendiconti è affidata all’ufficio di presidenza del consiglio (quello che nella sua versione originaria contava 4 indagati sui 5). L’organismo può chiedere chiarimenti ai presidenti dei gruppi, nonché l’esibizione della documentazione relativa alle spese. «In sette anni – dice però Stefano Zamponi dell’Italia dei Valori – non mi risulta che sia mai successo». Lo scontrino insomma c’è, ma i giustificativi alle spese sostenute sono un optional. La discrezionalità del capogruppo è pressoché totale.

LEGGI L’EDITORIALE DEL DIRETTORE SULLO SCANDALO LAZIO E LA VOGLIA DI ANTIPOLITICA
Aggiornato al 26 settembre 2012
Tag: costi della politica, federalismo, finanziamento ai partiti, lazio, laziogate, legge anti-corruzione, regioni, renata polverini, roberto formigoni
21


Elezioni regionali: il 10 e l'11 febbraio si vota in Lombardia, Lazio e Molise

Tagli ai costi della politica federale, la Commissione bicamerale boccia il decreto del governo

Regioni, ecco il decreto anti-sperperi: "Gli amministratori che spendono troppo non saranno più candidati"


Carlotta Mantovan (e la mamma): la compagna di Fabrizio Frizzi fa shopping premaman

Mara Carfagna infuriata con Neri Marcorè e Giovanni Floris:…

Alessandro Preziosi e Vittoria Puccini, l’intesa non…

Carmen Russo incinta: ecco il pancione!
Fuori di seno: maggiorate e strizzate (Leiweb.it)
Star al mare: il meglio e il peggio (Leiweb.it)
Vuoi scacciare la stanchezza? Bevi tè freddo (OKSalute.it)
I cibi che ti salvano la pelle al mare (OKSalute.it)


Commenta
6 commenti
Nome

e-mail

Scrivi un commento


ILARIO MAIOLO scritto il: 27.9.2012 alle 11:20
Vorrei chiarire modestamente che nessuna LEGGE ANTI-CORRUZIONE sarà approvata in questo Parlamento perchè è chiaro a tutti che sovrastano conflitti d’interessi e interessi di mini-gruppi legati alla maggioranza che sostiene il Governo Monti.
Il prof. Mario Monti fino ad oggi non ha varato nessuna riforma all’infuori di tartassare i cittadini fino al midollo.
Quindi, quale legge anti-corruzione volete che questi Parlamento approvi??
Franco scritto il: 27.9.2012 alle 14:23
Ottimo articolo, questo , sui costi della politica. Bisogna però a questo punto sforzarsi per approdondire l’analisi delle cause di questa immonda elefantiasi.
Per limatermi, per il momento , alla struttura regionalistica dello Stato, faccio due considerazioni alle quali corrispondono altrettante proposte.
1. Le Regioni a Statuto Speciale, che pur avevano una certa ragione di distinzione all’emanazione della Costituzione del ’48 per ragioni degli assetti di confine internazionali, risultano, dopo la caduta del muro di Berlino e il consolidarsi dei trattati per l’Unione Europea, un vero e proprio anacronismo. Oltre cioè a a continuare ad usufruire, al di là delle necessità superate, di una autonomia legislativa e di un potere amministrativo, fonti soltanto di accumuli improduttivi, infondono propensioni separatiste nelle confinanti regioni con la coseguente erosione e disgregazione del tessuto comunale che faceva da collante culturale e sociale alle stesse.
2. A tempo ormai scaduto per la soppressione-riallineamento delle Regioni a Statuto Speciale a quelle ordinarie, nel 2001 la politica del centro-sinistra allora governante pensò…bene di incrementare i poteri e le prerogative di quelle ordinarie nel…cinico tentativo di contrastare la crescente ascesa dell’ondata leghista, con il risultato opposto che tutti sapete e con la rinascita politica della piovra faccendiera-affaristica abozzata al suo sorgere del 94-96. Così si sono moltiplicate ed estese le spese e le rendite anche delle Regioni a Statuto Ordinario.
Proposte, per evitare il caos istituzionale, politico e sociale del Paese.
1. Abolizione immediata delle Regioni a Statuto Speciale con contemporaneo controllo da parte delle Sezioni territoriali della Corte dei Conti.
2. Riunificazione dell’intera struttura regionale sotto una riformata Camera del Senato della Repubblica, che diventerà un organo elettivo a base regionale senza distinzione di età per diritto di elettorato attivo e i cui componenti dovranno essere eletti nelle singole regioni.
Non ci saranno più i così (mal) detti “Governatori” bensì i Senatori e tante, tante spese e rendite di meno!
domenico scritto il: 28.9.2012 alle 11:12
Sono completamente d’accordo con il SIG MAJOLO. AGGIUNGO SOLO UNA PICCOLA RIFLESSIONE;
E’ GIUSTO ANDARE A CACCIA DEI CITTADINI DISONESTI CHE NON PAGANO LE TASSE COMINCIASSERO I NOSTRI POLITICI E LE VARIE CASTE A PAGARE FINO IN FONDO IL MAL TOLTO DA 20 anni a questa parte.
io sono un pensionato che ha lavorato per 50 anni e le tasse le ho sempre pagate facessero altrettanto i nostri governi .
gaudio scritto il: 28.9.2012 alle 12:52
Bravo Direttore finalmente qualcuno che da’ voce anche ai poveri cristi come i pensionati e i lavoratori dipendenti, che sono gli (UNICI) A PAGARE LE TASSE. Noi abbiamo una sola scelta quella di non votare MAI PIU’ E COS’ SI MANDANO A CASA TUTTI I LADRI DI OGNI PARTITO. E POI VEDIAMO CHE LAVORO SI METTONO A FARE. GRAZIE E SCUSI PER IL DISTURBO.
OK MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando scritto il: 28.9.2012 alle 15:17
Italia.. Europa .. VERGOGNA su vergogna l’Italia fa pena agli stessi Italiani ! Regione per Regione vi sono sprechi di DENARO PUBBLICO ma NON è purtroppo finita gli sprechi i TANTISSIMI SPRECHI DEL DENARO PUBBLICO è cosa ben risaputa anche nelle Provincie Italiane, piccoli grandi medi Comuni e Enti pubblici!
Una vergogna perpetuata per anni e anni non certamente da oggi, su tutte le agorà di paesi e città si sanno queste cose squallide lo sanno gli stessi Municipi Italiani che con politici, partiti hanno a che fare.. !
Il marciume Italiano che sta uscendo in questi giorni è pochino..fa notizia ma è ancora poco e le immensità di sprechi invece sono tantissimi ! Da farsa.. da mettere in cartoni animati Simpson Morando
gaudio scritto il: 9.10.2012 alle 08:49
Sono affranto per la morte del sig. Corigliano (sentite condoglianze alla famiglia e a tutti i suoi collaboratori)UN UOMO DI ALTRI TEMPI CHE TUTTI DOVREBBERO PRENDERE AD ESEMPIO, A COMINCIARE DALLA NOSTRA SPORCA POLITICA. GRAZIE ANCORA UOMO DEL SUD

agrega un comentario


Caso Fiorito. Tutti i numeri dello scandalo
Por 1 ottobre 2012 - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:26 PM

Caso Fiorito. Tutti i numeri dello scandalo
1 ottobre 2012Italia
Novemila euro netti mensili di busta paga per consigliere, 15 milioni di euro di contributi regionali ai vari gruppi consiliari, 2 milioni di euro per i trattamenti di fine rapporto, 20 milioni di euro annui di spesa per i vitalizi. Questi sono i numeri impietosi dello scandalo dei costi della politica regionale nel lazio. Fds raccoglie 50mila firme per abolire i vitalizi, mentre il Lazio si avvia verso le elezioni anticipate.



Tratto da http://oltremedia.weebly.com/

Novemila euro netti mensili di busta paga per consigliere, 15 milioni di euro di contributi regionali ai vari gruppi consiliari, 2 milioni di euro per i trattamenti di fine rapporto, 20 milioni di euro annui di spesa per i vitalizi. Questi sono i numeri impietosi dello scandalo dei costi della politica regionale nel lazio; se nella vita reale chiudono le fabbriche e si licenziano mille persone al giorno, alla Pisana, della crisi non si può dire che tutti se ne siano accorti.

Lo scandalo che ha travolto il capogruppo Pdl alla regione Lazio Fioritoe costretto la giunta Polverini alle dimissioni è un emblematico esempio dell’ormai conclamata degenerazione di una forma di governo. La sensazione è infatti che ci si trovi soltanto dinanzi alla punta dell’iceberg: non sono solo Batman e i suoi viaggi il problema, bensì il fatto che una corruzione che si è fatta sistema ha trovato le radici in un sostrato culturale che ha visto venir meno quel senso comune di solidarietà e di coscienza del ruolo fondamentale dell’istituzione, che sono poi i valori fondanti della convivenza civile di una comunità. Così, dai palazzi del potere istituzionale ai più piccoli partiti, nessun luogo è immune dal grande male di questo primo scorcio di secolo: la coscienza collettiva che si fa individuale, la perdita di qualsiasi prospettiva di emancipazione di un gruppo o ceto sociale. Sulle ceneri dei grandi movimenti di massa del ‘900, le istituzioni vanno a modellarsi secondo le tendenze imposte dal relativismo morale, dall’individualismo nichilista di chi fa della cura del proprio singolo interesse una ragione di vita.Nel Lazio come in Lombardia, dai vari Formigoni ai Fiorito, passando per Palazzo Grazioli e giù di lì nelle stanze dei bottoni del Pd dove Lusi ha gestito allegramente per anni milioni di euro. Quando il malaffare diventa endemico esso si fa sistema. Nel Lazio il caso più emblematico. Non è tanto il personaggio Fiorito, peraltro a dir poco eccentrico, a rendere l’idea di quanto appena asserito, quanto piuttosto una vicenda che risale ad un anno fa: l’8 Novembre del 2011, con voto unanime dell’ufficio di presidenza in cui siedono Pdl, PD, Udc e Idv, si è approvata una delibera che ha aumentato i contributi regionali ai gruppi consiliari da un milione a 15 milioni di euro annui. Se è vero quel che ha dichiarato l’ormai ex presidente Polverini nei giorni scorsi a proposito del fatto che ostriche e champagne giravano in regione già prima del suo insediamento, il risultato del suo mandato è stato quello di aver legalizzato certe spese. Sì, perché quei soldi, a pulirli è proprio la Legge. Nonostante i tagli alla sanità che hanno comportato nel Lazio centinaia di licenziamenti, l’aumento delle tasse universitarie, la riduzione dei servizi previdenziali, Franco Fiorito, in arte Batman, quegli stessi soldi tolti ai bisognosi poteva spenderli come e quando voleva. Vacanze in Sardegna, spese folli per collaborazioni e consulenze esterne, cene da 20mila euro in su.
Prendiamo le spese del gruppo Pdl del Lazio messe in un documento, quello del bilancio, in cui per definizione tutto deve quadrare: i consiglieri sono 17, tra le voci di spesa 2011, quella dedicata a «Compensi collaboratori, consulenze» è al secondo posto con 665.812,69 euro. Le spese maggiori riguardano «Riunioni, convegni, progetti, incontri» costati 685.689,84 euro. Per «Indennità e rimborsi ai componenti per attività svolta a nome del gruppo», invece, sono stati pagati 647.547,03 euro. Oltre alle assunzioni di nuovo personale. Nel «Rendiconto finale» le entrate 2011 ammontano a due milioni 735.502 mila e 15 euro di contributi regionali, le uscite a tre milioni 110 mila e 326,15 euro: in virtù dell’avanzo dell’anno 2010 di 888.211,26 euro, l’attivo del gruppo Pdlnel 2011 era di 513.387,26 euro. Non proprio una roba da austerity. Eppure c’è di più, perché è inutile dire che la legge impone un vincolo di destinazione ai contributi affinché siano spesi per la politica sul territorio, se poi quei soldi vanno diretti sul conto del capogruppo senza che ci sia un vero e proprio controllo sugli stessi.Proseguendo con l’elenco delle spese folli della politica laziale viene in evidenza la questione dei vitalizi. Il vitalizio è quell’assegno che il politico ottiene al compimento del 55esimo anno di età il cui ammontare mensile è in genere, nel Lazio, di 4400 euro da percepire vita natural durante ed oltre. Anche qui lo strumento per commettere qualcosa di illegale è stato la legge. Innanzi tutto la riduzione dell’età da 55 a 50anni per effetto di una disposizione nota non a caso ai più come norma Fiorito. Se per i comuni mortali nel medesimo periodo entrava in vigore la famigerata riforma previdenziale targata Fornero, nel Lazioi consiglieri si abbassavano addirittura il pensionamento. Ancora in tema di vitalizi colpisce la reversibilità: grande conquista del ‘900 per tutti i lavoratori che oggi comincia ad esser sottovoce messa in discussione, per i consiglieri laziali vale addirittura la reversibilità al quadrato in quanto in caso di morte del beneficiario essa può essere riversata alla moglie, alla convivente o al figlio sino ai 26 anni. I contributi da versare per ottenere il c.d. vitalizio sono davvero esigui: bastano 5 anni di legislatura per sistemare con comodo la vita propria e dei familiari. Per i parlamentari, infatti, non vige il sistema contributivo come per tutti gli altri, bensì il sistema retributivo. E non a tutti evidentemente basta, perché, sempre nell’ambito della legalità, è notizia di questi giorni che qualcuno, specialmente i più giovani eletti tra le liste del Pdl, avrebbe richiesto una interpretazione estensiva del comma 10 della legge 19 del 1995 sui vitalizi. Oggetto della contesa che deve essere risolta dall’ufficio legale regionale presieduto dall’avv. Costantino Vespasiano, è la possibilità, paventata da molti, di percepire ugualmente il vitalizio, pur non essendo terminata la legislatura, dietro pagamento dei contributi mancanti di qui al 2015. Insomma, in tutto dal bilancio della regione risulta per i vitalizzi una spesa annua, tra ex e nuovi, di 20milioni di euro.C’è poi il trattamento di fine rapporto che quest’anno ammonterà a 2milioni di euro, 40mila euro a consigliere, insomma un’enormità. Volendo poi andare oltre il velo dei bilanci ufficiali dove tutto quadra, c’è di che indignarsi. Sembra indignata la Polverini che, dopo due anni trascorsi con gli occhi coperti e le orecchie tappate, se ne va sbattendo la porta e tappezzando Roma di manifesti (abusivi) con la sua faccia pulita. Sembra indignato persino Franco Fiorito, il grande accusatore-indagato delle spese pazze del Pdl. Suoi, a quanto si apprende dai media, i pagamenti ai resort extralusso in Sardegna; eppure è lo stesso ex capogruppo a denunciare i macro sprechi dei suoi compagni di partito: da Mario Abruzzese, accusato di avere 2 auto blu, ad altri consiglieri di cui non ha voluto fare nomi che si sarebbero pagati viaggi e spostamenti di lavoro mai effettuati. E poi c’è la storia dei conti in Spagna dove, secondo gli inquirenti, sarebbero finiti centinaia di migliaia di euro negli ultimi due anni, e che risponderebbero, secondo alcuni allo stesso Fiorito, il quale però nega ogni coinvolgimento. Batman, già indagato per peculato, sarà sentito ancora dai pm nei prossimi giorni. Si profila per lui un’accusa di associazione a delinquere. Insieme all’ex capogruppo del Pdl al Consiglio regionale, nel registro degli indagati potrebbero esserci infatti anche 2 segretari Pdl alla Pisana: Bruno Galassi e Pierluigi Bosco, anche loro attualmente accusati per peculato.Lo scandalo del Lazio ha scatenato nel mondo politico e nella società civile un furioso dibattito sui costi della politica. Soffia sul fuoco Beppe Grillo, che dai palchi di mezza Italia e dal suo blog grida alla rivoluzione. L’ex comico genovese propone da tempo l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Sulla sua stessa posizione si trovano, non a caso, i radicali e niente di meno che Silvio Berlusconi, tornato rinvigorito dai 10mesi di esilio e, anche lui, pronto a ripresentare la sua faccia pulita. La questione del finanziamento pubblico ai partiti è un tema ampiamente dibattuto e che ritorna in voga di scandalo in scandalo. In realtà i cittadini si sarebbero già pronunciati in merito, nel lontano 1993, quando, sotto l’onda emotiva dello scandalo di tangentopoli si andò al referendum abrogativo della legge che prevedeva i rimborsi ai partiti. L’indicazione del referendum fu poi tradita successivamente dalla nuova legge che aboliva il finanziamento ma di fatto lo manteneva intatto sottoforma di rimborso elettorale. Tra le altre proposte urlate di questi giorni ce ne sono alcune singolari, sempre rimbalzate dall’area grillina: aboliamo i partiti!
Ma davvero sono i partiti e i finanziamenti pubblici all’attività politica il problema? Il caso Lazio insegna piuttosto l’opposto. C’è un problema di eccessivo dispendio di risorse, è vero. Ma se i soldi con cui la regione finanzia i gruppi regionali venissero effettivamente utilizzati per l’attività politica non ci sarebbe un danno. E per attività politica si intende l’organizzazione di campagne referendarie, o delle feste estive di partito sempre colme di proposte culturali e ideali palcoscenici per artisti o gruppi musicali emergenti; attività politica è anche sostenere una testata giornalistica, o radiofonica, significa poter incidere nei luoghi di lavoro con un sindacato, significa tenere aperte le sezioni di partito. Quanto di tutto ciò si è visto negli ultimi 20 anni? Insomma il problema vero sembra essere piuttosto la latitanza della politica, di quell’incredibile esperienza di aggregazione collettiva che aveva visto protagonisti i partiti di massa della seppur tanto vituperata prima repubblica. Come si reperirebbero tutte le risorse necessarie alla circolazione di idee che si fanno poi proposta politica se non con un minimo finanziamento pubblico delle organizzazioni di rappresentanza?Sulla questione morale e sulla lotta agli sprechi, temi cari della sinistra tradizionale, la Fds ha lanciato negli ultimi mesi una campagna volta all’indizione di un referendum regionale con cui abolire il vitalizio ai consiglieri regionali. Il risultato è stato sorprendente visto che in pochi giorni sono state raccolte 50mila firme. L’iniziativa politica è stata presa sullo slancio di quanto accaduto nelle ultime settimane e delle notizie ufficiose che da tempo cominciavano a circolare alla Pisana. Anche una parte del Pd si è mostrata sensibile al tema. Enzo Foschi, consigliere in quota Pd, ha deciso nei giorni scorsi di rinunciare al vitalizio: “lo faccio per risarcire le istituzione ferite” ha annunciato. Chissà se la battaglia individuale del consigliere e l’iniziativa di Fds non vadano ad integrare con una proposta politica il programma elettorale che già in questi giorni sta prendendo corpo.A proposito di elezioni, dopo l’ipotesi di commissariamento paventata da qualcuno nei giorni scorsi, ieri a pronunciarsi è stato il ministro dell’interno Annamaria Cancellieri: “Abbiamo fatto approfondimenti tecnici con gli esperti del ministero e dell’avvocatura dello Stato, prima si va ad elezioni e meglio è”. Quanto poi agli episodi di sperpero di denaro pubblico la stessa ha annunciato la linea dura: “Bisogna mettere strumenti di controllo e verifica più stringenti ed efficaci, poi farsi tutti carico di una grande attenzione su quello che accade, ma non bisogna generalizzare, la gran parte della società civile che è corretta”; sembra infatti che al Senato, nell’ambito della discussione sul ddl anticorruzione, sia spuntato un emendamento cd. anti-Batman in cui si inaspriscono le pene per chi usa indebitamente contributi politici. Un atto dovuto.
Michele Trotta
VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

agrega un comentario


La política italiana, los escándalos detrás de la masonería
Por Emilio Giuliana - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:30 PM

La política italiana, los escándalos detrás de la masonería

tamaño de la fuente Imprimir E-mail Comentar
 
http://www.associazionelatorre.com/2011/12/portavoce-monti-fondamentale-ruolo-massoneria/
Como siempre, la revolución masónica come a sus hijos: esta vez es el turno de los jugadores de Grandes Ligas. Nada nuevo bajo el sol Y si usted todavía necesita surgió, los acontecimientos de los últimos meses muestran la presencia de una política de no-dirigido que lugares y accidentes geográficos como mejor les parezca.

De hecho, es notable el poder de los medios de comunicación controversia puesto en marcha contra los "comedores" ligas en comparación con otros comedores insaciables, aún más, pasaron a un segundo plano (suponiendo que no se han puesto en primer plano). La referencia es a todos los políticos importantes y partidarios de este querido país como humillados y maltratados. El ilustre Presidente de la República, como la primera universidad fascista fiel comunista entonces, para tomar su capa hoy por fin convencido de la globalista, era consciente de los fondos ilegales para beneficio de la ICP. El recordó Bettino Craxi durante un interrogatorio a que lo sometió al entonces PM Antonio Di Pietro. Según la prensa de la emisora ​​alemana, cuando el presidente vistió la oficina del MEP, se utiliza para inflar el reembolso de gastos de viaje. El líder del Partido Democrático Lombard Filippo Penati, número dos del secretario nacional Pierluigi Bersani, está siendo investigado por corrupción: dos millones de euros en sobornos entre 2001 y 2010.

El tesorero de la Lusi Daisy Luigi, Secretario Nacional de la íntima Rutelli API, ha acabado con los reembolsos electorales de al menos 13 millones de euros.
Gianfranco Fini, Secretario Nacional del Futuro de la Libertad, gestiona los activos de su antiguo dueño por el partido Alianza Nacional, ver la casa en Mónaco. Se sabe sus esfuerzos para "arreglar" sus amigos y familiares como en el caso de los nombramientos RAI, Mauro Mazza ver la dirección de Raiuno. Un año y medio millón de euros a AT Medios de Comunicación de la "madre-en-ley" espacio Francesca Frau "Para entender" en la RAI.

Una gama de presiones sobre el Guido Paglia para conseguir un mínimo garantizado para el joven Tulliani aunque no se incluye en la lista de proveedores RAI. Tres títulos menores vendidos Rai Cinema y sueños de gloria en el cajón cerrado.
Antonio Di Pietro, Secretario Nacional IDV es titular único de la propiedad de su partido. Las amistades tienen "especial" que van desde el ex comandante de la policía municipal de Milán Eleuterio Rea (afectado), el búlgaro mafia Ilia Pavlov, el internacional búlgaro Ivan Slavkov narcotraficante hasta terrorista turco Dogan Ahmed (véase el artículo sobre el Panorama, de 31 de marzo de 2010). También él, al igual que Umberto Bossi no pudo resistirse a lanzar una carrera política y seguir su hijo Christian.

Pier Ferdinando Casini, secretario nacional de la UDC, se enreda en los negocios de la tangente de Enav, Selex Finmeccanica. El hijo del señor Francesco Gaetano Caltagirone y defensor intrépido de la familia, así como a tener dos.
Niki Vendola, presidente de la región de Puglia, Secretario Nacional de la Ecología Izquierda y Libertad, se invierte en el escándalo de la salud amañado contratos Puglia.

La Liga Norte no es la única ni la peor de la política italiana. Al igual que todas las demás partes "para cometer un delito", la Liga también cuenta entre sus filas caballeros que están lejos de los jugadores y arruffoni, actuando de buena fe. Ellos son, lamentablemente, una minoría y rara vez ocupan los vértices de las partes, una posición a menudo realizada por personas conscientemente "grupos de presión". Algunos realmente lado "oscuro" también tenerse en cuenta en la Liga, sobre el papel histórico que ha desempeñado en términos de privatización:

"Un capítulo merece el papel de la Liga del Norte en la estrategia anglo-estadounidense de saqueo de la economía italiana. La Liga del Norte, de hecho, con su política liberal radical, el instrumento es ideal para el logro de los objetivos anglo-americanos. La Liga propone la privatización de toda la actividad económica en manos del Estado, de la energía para el transporte, de la industria de la defensa a Rai. Si te diste cuenta de la política de la Liga, no debe sancionar la secesión del Norte desde el Sur (y, de hecho, Bossi ha abandonado los planes de "Republic of the North", calificándolo como una "provocación"), como la República Italiana se desmoronaría por sí mismo. El Estado central, de hecho, de acuerdo con la Liga quedaría sólo el poder de acuñar dinero política, defensa y extranjeros. Pero, ya que el primero está firmemente en manos del Banco de Italia y el segundo, ya que los jugadores de las mismas dicen, se delegará en supra estructuras nacionales en el marco de los nuevos escenarios de Norte-Sur, la guerra, el Estado nacional italiano será una carcasa vacía . Es por eso que la Liga fue apoyada por los medios de comunicación que hacen referencia a la ciudad de Londres (The Economist, Financial Times) y Wall Street (Wall Street Journal, Time). Es difícil encontrar relaciones directas entre los centros financieros internacionales y de la Liga, aunque se puede suponer la existencia de contactos con canales masónicos. Ciertamente hay una notable coincidencia entre la Liga ideología y programas desarrollados por algunos centros de investigación.

Un ejemplo: la transformación de Italia en "macro-regiones" es una política oficial promovida por la Fondazione Agnelli, quien en la década de 1990 comenzó un proyecto llamado "Padania", fue presentado en una conferencia que tuvo lugar en Turín los días 11 y 12 de junio 1992 con la participación del ideólogo de la Liga, Gianfranco Miglio. El propósito de la conferencia era discutir "soluciones concretas, de procedimiento y / o institucionales" para la autonomía administrativa de la "macro-región" Padania, con el fin de explotar sus recursos con "habilidades apropiadas de gobierno". Más allá del lenguaje formal, es evidente que la Fundación Agnelli promueve la Liga proyecto. La Fundación Agnelli, como se le conoce, es parte de la familia Agnelli, vinculado a Enrico Cuccia (hijo de Alberto Beneduce socialista y masón, que el Duce decidió crear el IRI, el Instituto para la Reconstrucción Industrial, y más tarde a reorganizar el Banco de Italia), el "garante" de las relaciones económico-financieras entre las grandes familias italianas y los centros de poder internacionales, a la que está conectada a través del banco Lazard.

Digan lo que digan Bossi y Maroni, se mueven exactamente a la destrucción del Estado-nación, el objetivo claro en las estrategias de sus patrocinadores internacionales. El mismo órgano de la Liga, la República del Norte, liberaron el 21 octubre de 1992 un estudio patrocinado por la "Asociación Americana de Geografía" (que debería ser la National Geographic Society, una institución que pertenece a varios servicios de inteligencia estadounidenses), el que establece un plazo de seis años de la división de Italia en cinco repúblicas, Norte, Centro, Sur y las islas. Un proyecto es coherente con el plan de la Liga, a fin de que el órgano del partido de Bossi da la bienvenida, y que atribuye a la Mafia ha mencionado, en una audiencia ante la Comisión Parlamentaria Antimafia Comisión, el arrepentido Messina Leonardo. Es más, a partir de Lombardía Autonomía de 29 de julio de 1992, nos enteramos de que la revista norteamericana Telos, dirigida por Paul Piccone, el modelo considera League "generalizarse a toda Europa". Piccone es conocido por haber apoyado las Brigadas Rojas en los años cálidos del terrorismo italiano, siempre a partir de las columnas de la revista Telos, que en ese momento era el punto de referencia de la izquierda "marxista" estadounidense. Una constante, entonces, el apoyo a la desestabilización, llevado a cabo con un modus operandi que se corresponde con el clásico "operaciones secretas" de la CIA "(fuente: http://www.movisol.org/draghi3.html).

Por lo tanto, los poderes que se les asignará la dirección de su "creación" (la Liga del Norte) en los hombres de confianza, rodaje, acostumbrado a "ejecutar". Fabricado sus hábitos y entornos ideológico heredado socialistas y comunistas (incluso el socialismo y el comunismo son los hijos de los círculos Carbonari). Hay muchos líderes de la Liga por primera vez con un joven detrás de militante en las filas de la izquierda y, o bien la extrema izquierda. En 1974-75, el mismo Umberto Bossi fue racionada en la sección Verghera (Samarate) de la PCI. En un informe de la CIA de fecha 12 de junio de 2001, explicando que "Bossi se sintió atraído por la política desde muy temprana edad, participando en el movimiento estudiantil de la izquierda en 1968. Más tarde jugó en rápida sucesión en el grupo de El Manifiesto Comunista, el partido de la extrema izquierda PDUP, la asociación de trabajadores católicos dejaron ACLI y los Verdes ".

Cuanto más veces ministro Roberto Maroni era bastante joven marxista-leninista Democracia en primer lugar, a continuación, proletaria comunista hasta 1979. También hay ex-socialistas como Ettore Albertoni y Giovanni Meo Zilio (no se olvide que el federalismo era Pannella programas de los años cincuenta). Algunos podrían argumentar que incluso Mussolini se fue por la izquierda (el socialismo). Sin embargo, es cierto que en este caso el Duce se arrepintió, a fin de cortar los hilos que lo ataban a los "titiriteros", que había apoyado y manipulado, hasta el punto de que fue castigado con la muerte, y relegados a damnatio memoriae. Empresa Bossi y Maroni, partió de la izquierda para ir finalmente a la "turbo" capitalismo-, porque ellos controlados por los "poderes fácticos", los titulares de apátrida alto capitalista financiero. La ecuación de la Liga Norte = poderes fuertes se confirma en las declaraciones que en 1993 el Juez Asociado Leonardo Messina liberado a la PM de Palermo:

"Leonardo Messina dijo que él y sus colegas de la Cosa Nostra había pasado a hablar de Bossi, quien en el otoño de 1991 había estado en Catania. "Yo lo consideraba un enemigo de Sicilia", dijo Messina. "Porque una vez que vienen aquí no matan?". El otro lo detuvo: "¿Qué estás loco? Bossi es correcto". Y explican que han aprendido de eso no hay mucho Riina Bossi Toto, el senador Millet, estaba relacionado con "una parte de la Democracia Cristiana y la mampostería que fue encabezada por el Sr. Andreotti y Licio Gelli". Y eso que estaba pasando un trabajo, en el que estaban comprometidos "Gelli, Andreotti y no especificadas fuerzas empresariales involucrados en la separación del norte de Italia, en la mayoría de los estados," con ", incluso con el apoyo de potencias extranjeras". "Después de la Liga del Norte vendría la Liga del Sur, a fin de no aparecer la expresión de la Cosa Nostra, pero de hecho al servicio de la Cosa Nostra, y de esta manera se convertiría en el estado". Jueces escribe: "Uno de los protagonistas de la operación fue Gianfranco Miglio" "(fuente: El diario Hecho, 16 de septiembre de 2010)."

En conclusión, los movimientos de la Liga experiencia patrióticas e identidades invisibles a las facciones mafia masónicos, tienen el deber de contribuir activamente al desarrollo de la propuesta y soluciones probadas y adaptadas a los tiempos, sin dar lugar a sentimientos de supuesta superioridad racial de la perjudicial Italiana "nórdica" de los italianos en el resto de Italia, la percepción como la fundación de la Liga de secesión fantasma como contraproducente.

Se debe tener en cuenta la historia de Italia, un pasado común y de hecho ducados que no tendría continuidad con una secesión ilógico, que sólo empeoraría las heridas abiertas por el Risorgimento italiano (masónica). Secesión irreversible debilitar el pueblo italiano. En efecto, si las naciones grandes y poderosas, como Italia y Alemania en los años veinte sucumbido ataque conjunto de todos los ejércitos del mundo, llamados a ubbidientissima colección de las altas finanzas para poner fin a las dictaduras europeas sin Estado meritocráticos, culpables de haber trató de regresar al pueblo la soberanía inalienable, ¿cómo podría la supuesta nación dividida en macronazioni oponerse a la Golem gigante? Puntos fuertes de nuestro pasado histórico, sería lógico ampliar la autonomía de las cuales sólo cinco regiones italianas tienen, en todos los demás, eliminando provincias innecesarias y costosas empresas ristatalizzare transporte, ferrocarriles, transbordadores, alentando a las empresas de Correos y Telecomunicaciones; oponerse 'idea de la privatización parcial o total de la salud de la empresa; remunerar la casa con un sueldo mensual. Durante los años ochenta y noventa no ha hecho otra cosa que demonizar científicamente estado aziendalismo, con estrategias para aumentar la indignación por una idea aproximada de un parasitismo de los empleados públicos. La privatización de las empresas estatales condujo a su venta a ciudadanos o empresas relacionadas con los vampiros sospechosos habituales prestamistas.

Ninguna ganancia para el estado, por el contrario: los beneficios son recibidos por individuos, pérdidas las asume Pantalone, a saber, la regla. Las pocas medidas notificadas constituyen un excelente punto de partida que puede beneficiar a todas las regiones italianas.

Trentino Área de Coordinación Nacional

Emilio Giuliana
Leído 655 veces

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx


Politica italiana, dietro gli scandali la massoneria
dimensione font Stampa Email Commenta per primo!

http://www.associazionelatorre.com/2011/12/portavoce-monti-fondamentale-ruolo-massoneria/
Come sempre, la rivoluzione massonica mangia i suoi figli: stavolta è il turno di importanti leghisti. Niente di nuovo sotto il Sole. E se ancora ve ne fosse bisogno, gli accadimenti di questi mesi dimostrano la presenza di una regia extra-politica che pone e dispone come meglio crede.

È infatti singolare la potenza della polemica mediatica messa in moto nei confronti dei "mangioni" leghisti rispetto ad altri mangioni, anche più insaziabili, passati in secondo piano (ammesso che siano mai stati messi in primo piano). Il riferimento è a tutti i maggiori esponenti politici e partitici di questo amato quanto umiliato e bistrattato Paese. L'illustre Presidente della Repubblica, da universitario fascista prima, comunista fedele poi, per assumere infine le vesti odierne del convinto mondialista, era a conoscenza dei finanziamenti illegali operati a beneficio del PCI. Lo ricordò Bettino Craxi durante un interrogatorio al quale lo sottopose l'allora PM Antonio Di Pietro. Secondo un'indagine giornalistica di un'emittente televisiva tedesca, quando il Presidente rivestiva la carica di eurodeputato, egli soleva gonfiare i rimborsi per spese di viaggio. Il leader del PD lombardo Filippo Penati, numero due del segretario nazionale Pierluigi Bersani, è indagato per corruzione: due milioni di euro in tangenti tra 2001 e 2010.

Il tesoriere della Margherita Luigi Lusi, intimo del Segretario nazionale dell'API di Francesco Rutelli, ha fatto sparire rimborsi elettorali pari ad almeno 13 milioni di euro.
Gianfranco Fini, Segretario nazionale di Futuro e Libertà, gestisce il patrimonio del suo ex-partito Alleanza Nazionale da proprietario, vedi casa di Montecarlo. È noto il suo prodigarsi per "sistemare" amici e parenti come nel caso delle nomine RAI, vedi Mauro Mazza alla direzione di Raiuno. Un milione e mezzo di euro alla AT Media della "suocera" Francesca Frau per lo spazio "Per capirti" su Raiuno.

Una serie di pressioni su Guido Paglia per ottenere un minimo garantito per il giovane Tulliani nonostante non fosse iscritto nell'elenco dei fornitori RAI. Tre titoli minori venduti a Rai Cinema e sogni di gloria richiusi nel cassetto.
Antonio Di Pietro, Segretario nazionale dell'IDV, è unico intestatario degli immobili del suo partito. Possiede amicizie "particolari" che vanno dall'ex-comandante della polizia municipale di Milano Eleuterio Rea (pregiudicato), al mafioso Bulgaro Ilia Pavlov, al bulgaro trafficante internazionale di droga Ivan Slavkov sino al terrorista turco Ahmed Dogan (vedi articolo su Panorama del 31 marzo 2010). Anch'egli come Umberto Bossi non ha saputo resistere a lanciare ed assecondare una carriera politica al figlio Cristiano.

Pier Ferdinando Casini, Segretario nazionale dell'UDC, è invischiato nelle faccende delle tangenti Enav, Selex, Finmeccanica. È genero del galantuomo Francesco Gaetano Caltagirone e imperterrito difensore della famiglia, tanto da averne due.
Niki Vendola, Presidente della Regione Puglia, Segretario nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà, è investito nello scandalo degli appalti truccati della sanità pugliese.

La Lega Nord non è la sola o il peggio della politica italiana. Come tutti gli altri "partiti a delinquere", anche la Lega annovera tra le sue file galantuomini che sono tutt'altro che biscazzieri ed arruffoni, che operano in buona fede. Costoro rappresentano purtroppo una parte minoritaria e assai raramente occupano i vertici dei partiti, posizione spesso appannaggio di individui coscientemente "maneggioni". Qualche lato realmente "oscuro" va segnalato anche per la Lega, a proposito del ruolo storico da essa svolto sul piano delle privatizzazioni:

«Un capitolo a parte merita il ruolo svolto dalla Lega Nord nella strategia anglo-americana di saccheggio dell'economia italiana. La Lega Nord, infatti, con la sua politica liberista radicale, è lo strumento politico ideale per realizzare gli obiettivi anglo-americani. La Lega propone la privatizzazione di ogni attività economica in mano allo stato, dall'energia ai trasporti, dalle industrie di difesa alla Rai. Se si realizzasse la politica della Lega, non occorrerebbe sancire la secessione del Nord dal Sud (e infatti Bossi ha abbandonato il progetto di "Repubblica del Nord", definendola una "provocazione"), in quanto la Repubblica italiana si frantumerebbe da sé. Allo stato centrale, infatti, secondo i leghisti, resterebbero solo i poteri di battere moneta, di difesa e di politica estera. Ma, poiché il primo è saldamente nelle mani della Banca d'Italia e il secondo, come gli stessi leghisti affermano, sarà delegato a strutture sovra nazionali nell'ambito dei nuovi scenari di guerre Nord-Sud, lo stato nazionale italiano sarà una vuota carcassa. Ecco perché la Lega è stata appoggiata dai media che fanno capo alla City di Londra (Economist, Financial Times) e a Wall Street (Wall Street Journal, Time). E' difficile scoprire diretti legami tra questi centri finanziari internazionali e la Lega, anche se si può ipotizzare l'esistenza di contatti nell'ambito di canali massonici. Certamente si nota una straordinaria coincidenza tra l'ideologia leghista e i programmi sviluppati da certi centri studi.

Un esempio: la trasformazione dell'Italia in "macroregioni" è una politica ufficialmente promossa dalla Fondazione Agnelli, che alla fine del 1990 avviò un progetto chiamato "Padania", poi presentato in un convegno tenutosi a Torino l'11 e il 12 giugno 1992, con la partecipazione dell'ideologo della Lega, Gianfranco Miglio. Scopo del convegno fu quello di discutere "soluzioni specifiche, procedurali e/o istituzionali" per l'autonomia amministrativa della "macroregione" Padania, allo scopo di valorizzarne le risorse con "opportune competenze di governo". Al di là del linguaggio formale, è chiaro che la Fondazione Agnelli promuove il progetto leghista. La Fondazione Agnelli, come è noto, fa capo alla famiglia Agnelli, legata a Enrico Cuccia ( genero di Alberto Beneduce socialista e massone, che il Duce scelse per creare l'IRI, l'Istituto per la Ricostruzione Industriale, e in seguito per riorganizzare la Banca d'Italia), il "garante" degli equilibri economico-finanziari tra le grandi famiglie italiane e i centri di potere internazionali, ai quali è collegato tramite la banca Lazard.

Checché ne dicano Bossi e Maroni , essi si stanno muovendo esattamente verso la distruzione dello stato nazionale, obiettivo ben chiaro nelle strategie dei loro sponsor internazionali. Lo stesso organo della Lega, Repubblica del Nord, ha pubblicato il 21 ottobre 1992 uno studio promosso dalla "Associazione Americana di Geografia" (che dovrebbe essere la National Geographic Society, un'istituzione che fa capo a diversi servizi di intelligence USA), la quale prevede entro sei anni la divisione dell'Italia in cinque repubbliche, Nord, Centro, Sud e le isole. Un progetto coerente col disegno leghista, tanto che l'organo del partito di Bossi se ne compiace, e con quello attribuito alla Mafia di cui ha parlato, in una udienza presso la Commissione Parlamentare Antimafia, il pentito Leonardo Messina. C'è di più: da Lombardia Autonomista del 29 luglio 1992 apprendiamo che la rivista americana Telos, diretta da Paul Piccone, giudica il modello leghista "generalizzabile a tutta Europa". Piccone è noto per aver appoggiato le Brigate Rosse negli anni caldi del terrorismo italiano, sempre dalle colonne della rivista Telos, che a quel tempo era il punto di riferimento della sinistra "marxista" americana. Una costante, quindi, il sostegno alla destabilizzazione, condotto con un modus operandi che corrisponde alle classiche "covert operations" della CIA» (fonte:http://www.movisol.org/draghi3.html ).

Dunque, i poteri forti assegnarono la guida della loro "creatura" (la Lega Nord) a uomini di fiducia, rodati, abituati ad "eseguire". Abitudini fatte proprie ed ereditate in ambienti ideologici socialisti e comunisti (anche socialismo e comunismo sono figli dei circoli carbonari). Sono numerosi i dirigenti della Lega della prima ora con alle spalle una militanza giovanile nelle file della sinistra e o dell'estrema sinistra. Nel 1974-75, lo stesso Umberto Bossi fu tesserato nella sezione di Verghera (Samarate) del PCI. In un rapporto della CIA del 12 giugno 2001, si spiega che «Bossi è stato attratto dalla politica fin da giovanissimo, partecipando al movimento studentesco di sinistra del 1968. In seguito ha militato in rapida successione: nel gruppo comunista de Il manifesto, nel partito di estrema sinistra PdUP, nell'associazione dei lavoratori cattolici di sinistra ACLI e nei Verdi».

Il più volte ministro Roberto Maroni fu invece giovanissimo marxista-leninista prima, poi comunista di Democrazia Proletaria fino al 1979. Non mancano poi ex-socialisti come Ettore Albertoni e Giovanni Meo Zilio (non si dimentichi che il Federalismo era nei programmi di Pannella dagli anni Cinquanta). Qualcuno potrebbe obiettare che anche Mussolini partì da sinistra (socialismo). È però in questo caso vero che il Duce si ravvide, tanto da tagliare i fili che lo legavano ai "burattinai" che lo avevano sostenuto e strumentalizzato, tant'è che fu punito con la morte e relegato alla damnatio memoriae. Bossi, Maroni e compagnia, partirono da sinistra per passare infine al "turbo"-capitalismo, come ad essi comandato dai "poteri forti", detentori dell'alta finanza capitalista apolide. L'equazione Lega Nord = poteri forti è confermata nelle dichiarazioni che nel 1993 il collaboratore di giustizia Leonardo Messina rilasciò ai PM di Palermo:

«Leonardo Messina disse che con i suoi colleghi di Cosa Nostra gli era capitato di parlare di Bossi, che nell'autunno del 1991 era stato a Catania. "Io lo consideravo un nemico della Sicilia", diceva Messina. "Perché un'altra volta che viene qua non lo ammazziamo?". Gli altri lo fermano: "Ma che sei pazzo? Bossi è giusto". E poi gli spiegano di aver saputo da Totò Riina che non tanto Bossi, quanto il senatore Miglio, era collegato a "una parte della Democrazia cristiana e della massoneria che faceva capo all'onorevole Andreotti e a Licio Gelli". E che era in corso un lavoro, a cui erano impegnati "Gelli, Andreotti e non meglio precisate forze imprenditoriali del Nord interessate alla separazione dell'Italia in più Stati", con "anche l'appoggio di potenze straniere". "Dopo la Lega del Nord sarebbe nata una Lega del Sud, in maniera tale da non apparire espressione di Cosa Nostra, ma in effetti al servizio di Cosa nostra; ed in questo modo noi saremmo divenuti Stato". Scrivono i magistrati: "Uno dei protagonisti dell'operazione sarebbe stato Gianfranco Miglio"» (fonte: Il Fatto quotidiano, 16 settembre 2010)».

In conclusione, dall'esperienza leghista i movimenti patriotici ed identitari, invisi alle consorterie mafiose massoniche, hanno il dovere di contribuire attivamente alla proposta e all'elaborazione di soluzioni consolidate ed adeguate ai tempi, senza dare spazio a sensazioni deleterie di presunte superiorità razziali degli italiani "nordici" rispetto agli italiani del resto d'Italia, percezione a fondamento della fantomatica quanto controproducente secessione leghista.

Occorre tenere conto della storia dell'Italia, un passato fatto di comuni e ducati che non avrebbero avuto continuità alcuna con un'illogica secessione, la quale avrebbe solamente peggiorato le ferite lasciate aperte dal Risorgimento italiano (massonico). Secessione che indebolirebbe irreversibilmente i popoli italiani. Se infatti grandi e potenti nazioni come l'Italia e la Germania degli anni Venti dovettero soccombere all'attacco congiunto di tutti gli eserciti del mondo, chiamati ad ubbidientissima raccolta dall'alta finanza apolide per porre fine alle dittature meritocratiche europee, ree d'aver tentato di restituire al popolo l'inalienabile sovranità, come potrebbe la supposta nazione divisa in macronazioni contrapporsi al gigante Golem? Forti del nostro passato storico, sarebbe logico: estendere le autonomie di cui solo cinque regioni italiane godono, a tutte le altre, eliminando le inutili e dispendiose province; ristatalizzare aziende di trasporto, ferrovie, traghetti; incentivare aziende per poste e telecomunicazioni; opporsi all'idea di parziali o intere privatizzazioni dell'azienda sanitaria; remunerare le casalinghe con uno stipendio mensile. Durante gli anni Ottanta e Novanta non si è fatto altro che demonizzare scientificamente l'aziendalismo statale, con strategie volte a sollevare l'indignazione per una sommaria idea di un parassitismo dei dipendenti statali. La privatizzazione delle aziende di Stato ha comportato la loro svendita a cittadini o aziende riconducibili ai soliti noti vampiri usurai.

Nessun guadagno per lo Stato, anzi: gli utili vengono incassati dai privati, le perdite sono invece a carico di Pantalone, cioè lo Stato. I pochi provvedimenti segnalati costituirebbero un'ottima base di partenza in grado di giovare a tutte le regioni italiane.

Coordinamento Trentino Area Nazionale

di Emilio Giuliana
Letto 655 volte

agrega un comentario


Portavoz Monti masonería papel crucial(en la corrupcion de la politica y del Pais!)
Por fondamentale ruolo massoneria - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:33 PM

Portavoz Monti masonería papel crucial
17 de diciembre 2011 | Categoría: Noticias | Tags: Ciampi gobierno, Gustavo Raffi, iluminado, en el nombre del hombre, la masonería, Monti

 Imprimir artículo
El portavoz de Monti revela aquí lo importante es el papel de los masones en la sociedad moderna

Pablo Peluffo, un hombre muy cercano a Mario Monti, Secretario de Información y Comunicación en la nueva ejecutiva y ex jefe de la Oficina de Prensa del Palacio Chigi durante el gobierno de Ciampi dice en el prefacio del libro "En el nombre del hombre" (el Grande profesor Gustavo Raffi) la importancia del papel de los masones en la sociedad actual. En una Italia que lucha con una crisis económica sin precedentes y de la situación financiera y política que considera que los principales partidos unidos en el apoyo de un gobierno formado por profesores y técnicos. Empresa italiana 15 de diciembre 2011

Visite enanos y bailarinas en la política. Así que los masones dictan la agenda

Cesare Geronzi estaba claro hace unos días: "El Vaticano tiene poco o nada en las finanzas, mientras que la masonería en lugar que cuenta, cuenta mucho y con frecuencia se presenta como el protagonista de los centros más importantes de los sectores políticos y financieros". El Gran Oriente de Italia conserva su aura de encanto y de culto esotérico que ha hecho en los últimos años, sobre todo en la imaginación popular, una fuerza que trabaja detrás de las escenas con fines ocultos.

Gobierno Monti muchos dicen que es hecho por los tecnócratas y los profesores. En esencia, la política tiene autosospesa. Existe la sospecha de que algunos de los principios de gobierno son similares a las del Gran Oriente. "La Masonería es una forma de ser. Se trata de un gran laboratorio de pensamiento libre, donde más hombres creencias religiosas, el pensamiento político y social diferente reunirse, comparar mejorarse a sí mismos y hacer una contribución a la humanidad ", escribió en" En el nombre de ' hombre "Gustavo Raffi, Gran Maestro del Gran Oriente de Italia. Libro que, más que nunca en este momento, se convierte en gran actualidad y unas pastillas que Affaritaliani.it previa pública.

El propósito? Para entender mejor la masonería, sus secretos y sus objetivos. Porque si el gobierno que gobierna Italia no es un masón, no es menos cierto que la Masonería tiene mucho en común. En su libro Raffi critica abiertamente a aquellos que, en el pasado, se ha aprovechado de la Logia: "Se desvían cada institución masónica que presta atención a la formación espiritual, el crecimiento interior del iniciado, sino que persigue fines puramente políticos y de la empresa, que se entromete secreta e ilegalmente en el libre desarrollo de la vida institucional y democrática. P2, que condenamos sin reserva ni duda alguna, fue un ejemplo, afortunadamente irrepetible ".

Raffi se retiró de la política de competencia. "El Gran Oriente de Italia no se trata de política, no es derecha ni la izquierda ni el centro y, por supuesto, no cabe en las elecciones". Aunque no se puede negar que hay políticos en los registros de la Logia. Sin embargo, dijo: "Nuestro trabajo no es dar consejos a la clase política, pero en un momento cuando el oponente, en lugar de ser considerado como" otro "en un momento dialéctico, se llama el" enemigo ", es bueno recordar que todos los los principios de la filosofía del diálogo ".

¿Qué es lo que quieres a la masonería hoy? Raffi está claramente y sin rodeos atacaron a los políticos italianos que hacen un teatro de la "res publica" grotesca e inútil. "Luchamos por la libertad de conciencia, porque el ciudadano es tal, educar, compra un crítico y autocrítico, los residuos de las mujeres con burka enjaulados y las personas con enanos de circo y bailarines de la política y el mundo empresarial. Sirva proyectos y acciones fuertes.

Aquí hay cinco ARTÍCULOS PARA SABER TODO SOBRE LA MASONERÍA

Gran Maestro, ¿Qué es la masonería?
Es una historia de la vida. Masonería, ya que la especie siempre ha trabajado tan pidiendo a la gente con el diálogo, el respeto mutuo y por lo tanto la reunión. Creo más que nunca que el diálogo es la única forma de resolver los conflictos dentro de la humanidad: cuando los hombres se encuentran y se conocen entre sí, se crea el terreno para las dificultades se superan, los malentendidos ganado. La discusión es la piedra que trae la luz. Masonería nos enseña a cultivar la gente duda y ofrecer un camino libre para canalizar la investigación, proporcionando herramientas para trabajar la piedra de su vida. La Masonería es una forma de ser, una Weltanschauung. Se trata de un gran laboratorio de pensamiento libre, donde más hombres creencias religiosas, el pensamiento político y social diferente reunirse, comparar mejorarse a sí mismos y hacer una contribución a la humanidad. Los objetivos de la Masonería son esencialmente reducido a dos. La primera consiste en crear un archivo. Cada vez más madura y apropiada que permita a los ciudadanos la libertad de trabajar sobre sí mismos, a la perfección como seres sociales, asumiendo una mayor toma de conciencia y la autoconciencia crítica más profunda Este objetivo se puede resumir en el simbolismo de la obra en la piedra en bruto, que es el trabajo de incessabile dirozzamento de persona. El segundo propósito, el exterior, se puede resumir en la aspiración de trabajar por la defensa de los valores de la tolerancia, la democracia, el respeto para el diálogo interreligioso e intercultural, la paz y la fraternidad, los valores en torno al cual la masonería siempre ha reconocido y que ha sido tradicionalmente lleva.

¿Cuál es el papel de la masonería en Italia?
La Masonería es una escuela de pensamiento y de vida. Una gran aventura de la laicidad positiva, trabajando para la única revolución siempre es posible para el hombre: personal. El papel de la masonería es educar a generaciones de rebeldes, ya que sólo el consentimiento de las personas que pueden estar en desacuerdo consenso es verdadera, la otra es el consentimiento de la criada. Masonería no pretende ser un sustituto de las instituciones que no funcionan, sino una libre y dogmático en el que trabajamos por el bien común, deben aprender a dialogar, el respeto por los demás, la búsqueda de valores compartidos, cumpliendo el papel de la religión civil.

¿Qué es la Masonería desviada?
Se desvía prácticamente toda institución masónica que presta atención a la formación espiritual, el crecimiento interior del iniciado, sino que persigue fines puramente políticos y el negocio, afirmándose en secreto e ilegalmente en el libre desarrollo de la vida institucional y democrática. P2, que condenamos sin reserva ni duda alguna, fue un ejemplo, afortunadamente irrepetible. La Loggia, de hecho, se retiró deliberadamente de los órganos de control de la masonería regular y oficial, dando lugar a una agregación de sí mismo que, más allá del nombre, el propósito perseguido incompatible con los valores de la libre albañiles. No es sorprendente que cuando la verdadera naturaleza de esta Logia llamada se estableció con claridad, su sentencia fue dictada por el Gran Oriente de Italia por delante de los actos realizados por el Parlamento y los tribunales ordinarios y los responsables de tales expulsados ​​ilegal.

Llamó a la Masonería institución abierta a la modernidad, una escuela de tolerancia.
A medida que nuestra tarea no es político y no debe ser tal, sentimos la obligación de hacer una contribución constructiva a la sociedad civil a fin de vivir en armonía con el drama contemporáneo de nuestro siglo, con las angustias de nuestra sociedad, sin extrañeza aristocrática y superioridad. El Gran Oriente de Italia, desde este punto de vista ha logrado la plena ciudadanía en la sociedad debido a su estilo y su lenguaje. El mensaje de la masonería es cultural y espiritual de investigación sugiere que se caracteriza cada vez más como una fórmula ganadora. El Gran Oriente de Italia no se trata de política, no es derecha ni la izquierda ni el centro, y obviamente no encaja en las elecciones. Nuestra tarea no consiste en asesorar a la clase política, pero en un momento cuando el oponente, en lugar de ser considerados como "otros" en un momento dialéctico, se llama "enemigo", es bueno recordar que todos los principios de filosofía del diálogo. Mayorías y minorías debe nacer con la perspectiva de la solución de problemas debido a que el interés no es el de un partido, sino a la empresa en su generalidad. Gracias al principio del diálogo, la gente se pregunta, dispuesto a cambiar sus ideas y concebir la filosofía del descubrimiento como un pensamiento y no como un error.

¿Qué es lo que quieres a la masonería hoy?
Por el futuro. Viajamos a lo que los griegos llamaban chorismòs, la "diferencia". Luchamos por la libertad de conciencia, porque el ciudadano es tal, educar, adquiere una actitud crítica y autocrítica, mujeres con burka residuos enjauladas y las personas con enanos de circo y bailarines de la política y el mundo empresarial. Sirva proyectos y acciones fuertes. Un verso de una canción de Guccini, Cyrano dice: "Levántate frente, porque mi ira Necesito enormes gigantes". Luchamos por una escuela que es el pegamento de la sociedad. Una escuela en una época como la nuestra, se asegura que la integración de las personas reales. Viviendo en la era de riesgo significa tomar el peso de las decisiones, ser responsable. Muchas veces me he reivindicado el derecho a ser un hereje. Me gusta, en el sentido de la disidencia, tienen la capacidad de disentir de una manera dominante de pensar, cuestionar, aunque sólo sea porque la historia nos ha enseñado que la herejía de hoy es la ortodoxia de mañana. Queremos educar y crear generaciones de rebeldes. Haz que los hombres libres. Esta es la historia de la masonería. Hoy continuamos en este camino en nuestro camino y seguir adelante. A lo largo del camino del medio, que es la fuerza de la iniciación. Pero con una sonrisa. No se olvide que el constructor medieval también sabía reír. Masones tal vez puedo decir lo que dijo Nietzsche de los griegos, porque ellos conocían el enorme, vino a la medida. Y la medida está la sabiduría. Es estúpido sistema del agricultor sus campos al lado de un arroyo sin protección contra ella. Empresa italiana 13 de diciembre 2011

Artículos relacionados:

Después de la Marcha del Orgullo Gay, aquí está masónica
Masonería honores Rita Levi Montalcini
Si la Masonería Martini honores ...
Honores Francmasonería los valores del Concilio Vaticano II
Bienvenido a la cabina de la plataforma
Risorgimento república masonería.
¿Te gustó este artículo? Compártelo con tus amigos!

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxooooooooooooooooooxxxxx

Portavoce Monti: fondamentale ruolo massoneria
17 dicembre 2011 | Categoria: Notizie | Tag: Ciampi, governo, Gustavo Raffi, illuminati, in nome dell'uomo, massoneria, Monti

Stampa articolo
Il portavoce di Monti svela: ecco quanto è importante il ruolo dei massoni nella società moderna

Paolo Peluffo, uomo molto vicino a Mario Monti, sottosegretario all’Informazione e alla Comunicazione nel nuovo esecutivo e già capo dell’Ufficio Stampa di Palazzo Chigi durante il governo Ciampi, rivela nella prefazione al libro “In nome dell’uomo” (del Gran Maestra Gustavo Raffi) quanto sia importante il ruolo dei massoni nella società di oggi. In una Italia alle prese con una crisi economica e finanziaria senza precedenti e con una situazione politica che vede i principali partiti uniti nell’appoggio di un governo formato da professori e tecnici. Affari italiani 15 dicembre 2011

Stop a nani e ballerine in politica. Così i massoni dettano l’agenda

Cesare Geronzi era stato chiaro solo pochi giorni fa: “Il Vaticano conta poco o niente nella finanza, mentre la Massoneria invece conta, conta molto ed è spesso segnalata come protagonista di snodi più importanti di settori politici e finanziari”. Il Grande Oriente d’Italia mantiene il suo alone di fascino esoterico e settario che negli anni l’ha reso, soprattutto nell’immaginario comune, una forza che lavora dietro le quinte per scopi occulti.

Del governo Monti molti dicono che sia fatto da tecnocrati e da professori. In sostanza la politica si è autosospesa. C’è il sospetto che alcuni dei principi ispiratori del governo siano sovrapponibili a quelli del Grande Oriente. “La Massoneria è un modo di essere. Rappresenta un grande laboratorio del libero pensiero, dove uomini di più fedi religiose, di credo politico e di pensiero sociale differenti si incontrano, si confrontano per migliorare se stessi e per portare un contributo all’umanità”, ha scritto in “In nome dell’uomo” Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia. Libro che, più che mai in questo momento, diventa di estrema attualità e di cui Affaritaliani.it pubblica alcune pillole in anteprima.

Lo scopo? Quello di capire meglio la Massoneria, i suoi segreti e i suoi obiettivi. Perché se l’esecutivo che governa l’Italia non è massone, è altrettanto vero che con la Massoneria ha molto in comune. Nel suo libro Raffi critica apertamente chi, negli anni passati, ha strumentalizzato la Loggia: “È deviata ogni istituzione massonica che non pone attenzione alla formazione spirituale, alla crescita interiore dell’iniziato, ma che persegue scopi prettamente politici e affaristici, che si intromette occultamente e illecitamente nel libero svolgimento della vita istituzionale e democratica. La P2, che noi condanniamo senza riserve o indugi di sorta, ne è stato un esempio, per fortuna irripetibile”.

Raffi si tira fuori dalla competizione politica. “Il Grande Oriente d’Italia non si occupa di politica, non è di destra, né di sinistra né di centro e ovviamente, non si inserisce nelle competizioni elettorali”. Anche se non si può negare che vi siano politici iscritti nei registri della Loggia. Ma afferma: “Il nostro compito non è quello di dare consigli alla classe politica, ma in un’epoca in cui l’avversario, anziché essere considerato ‘altro’ in un momento dialettico, viene definito ‘nemico’, è bene che tutti ricordino i principi della filosofia del dialogo”.

Di cosa ha voglia la Massoneria, oggi? Raffi è chiaro e attacca senza mezzi termini i politici italiani che fanno della ‘res publica’ un teatrino grottesco e inutile. “Noi combattiamo per la libertà di coscienza perché il cittadino sia tale, si istruisca, acquisti una capacità critica e autocritica, rifiuti di ingabbiare le donne con i burka e il popolo con spettacoli circensi di nani e ballerine della politica e del mondo imprenditoriale. Servono progetti e azioni forti.

ECCO I CINQUE ITEMS PER SAPERE TUTTO SULLA MASSONERIA

Gran Maestro, cos’è la Massoneria?
È un racconto di vita. La Libera Muratoria, da quando è sorta, ha sempre operato in modo da sollecitare gli uomini al dialogo, al rispetto reciproco e quindi all’incontro. Crede oggi più che mai che il dialogo sia il solo strumento per risolvere i conflitti all’interno dell’umanità: ogni volta che gli uomini si incontrano e si conoscono, si crea il terreno perché le difficoltà vengano superate, le incomprensioni vinte. La discussione è la pietra che fa scaturire la luce. La Massoneria educa a coltivare il dubbio e offre agli uomini liberi un metodo per incanalare la ricerca, fornendo gli attrezzi per lavorare la pietra della propria vita. La Massoneria è un modo di essere, una Weltanschauung. Rappresenta un grande laboratorio del libero pensiero, dove uomini di più fedi religiose, dí credo politico e di pensiero sociale differenti si incontrano, si confrontano per migliorare se stessi e per portare un contributo all’umanità. Le finalità della Massoneria sono essenzialmente riducibili a due. La prima è creare un contesto sempre più maturo e adeguato in cui permettere a cittadini liberi di lavorare su se stessi, di perfezionarsi come esseri sociali, assumendo maggior consapevolezza e un’autocoscienza critica più profonda. Questo scopo si può riassumere nel simbolismo del lavoro sulla pietra grezza, che rappresenta l’incessabile opera di dirozzamento della propria persona. La seconda finalità, quella rivolta all’esterno, può sintetizzarsi nell’aspirazione a operare per la difesa dei valori di tolleranza, democrazia, rispetto interreligioso e interculturale, pace e fratellanza, valori intorno ai quali la Libera Muratoria si è sempre riconosciuta e dei quali si è storicamente fatta portatrice.

Qual è il ruolo della Massoneria in Italia?
La Massoneria è una scuola di pensiero e di vita. Una grande avventura di laicità positiva, per lavorare all’unica rivoluzione sempre possibile per l’uomo: quella personale. Il ruolo della Massoneria è educare generazioni di ribelli, perché soltanto il consenso di chi sa dissentire è consenso vero, l’altro è il consenso del servo. La Massoneria non è né vuole essere un surrogato delle istituzioni che non funzionano, ma uno spazio libero e dogmatico in cui si opera per il bene comune, si educa al dialogo, al rispetto dell’altro, alla ricerca di valori condivisi, adempiendo al ruolo di religione civile.

Cos’è la Massoneria deviata?
È deviata di fatto ogni istituzione massonica che non pone attenzione alla formazione spirituale, alla crescita interiore dell’iniziato, ma che persegue scopi prettamente politici e affaristici, che si intromette occultamente e illecitamente nel libero svolgimento della vita istituzionale e democratica. La P2, che noi condanniamo senza riserve o indugi di sorta, ne è stato un esempio, per fortuna irripetibile. Tale Loggia, di fatto, si era scientemente sottratta alle istanze di controllo della Massoneria regolare e ufficiale, dando vita a un’aggregazione a sé stante che, al di là della denominazione, perseguiva finalità inconciliabili con i valori libero-muratori. Non a caso, quando la vera natura di questa sedicente Loggia fu acclarata, la sua condanna venne decretata dal Grande Oriente d’Italia con molto anticipo rispetto agli atti compiuti dal Parlamento e dalla magistratura ordinaria e i responsabili di tale illecito espulsi.

Lei ha definito la Massoneria un’istituzione aperta alla modernità, una scuola di tolleranza.
Per quanto il nostro compito non sia politico e non debba essere tale, sentiamo l’obbligo di offrire un contributo costruttivo alla società civile per vivere la contemporaneità in sintonia con i drammi del nostro secolo, con le ansie della nostra società, senza aristocratica estraneità e superiorità. Il Grande Oriente d’Italia da questo punto di vista ha conseguito piena cittadinanza nella società civile proprio per il suo stile e per il suo linguaggio. Il messaggio della Massoneria è interculturale e la ricerca spirituale che essa propone si caratterizza sempre di più come una formula vincente. Il Grande Oriente d’Italia non si occupa di politica, non è di destra, né di sinistra né di centro e ovviamente non si inserisce nelle competizioni elettorali. Il nostro compito non è neanche quello di dare consigli alla classe politica, ma in un’epoca in cui l’avversario, anziché essere considerato “altro” in un momento dialettico, viene definito “nemico”, è bene che tutti ricordino i principi della filosofia del dialogo. Le maggioranze e le minoranze devono nascere con la prospettiva di risolvere i problemi perché l’interesse non è quello di una parte, ma della società nella sua generalità. Grazie al principio del dialogo, gli uomini si mettono in discussione, pronti a modificare le proprie idee e a concepire la filosofia della scoperta come un pensiero e mai come un errore.

Di cosa ha voglia la Massoneria, oggi?
Di futuro. Viaggiamo verso quella che i greci definivano chorismòs, la “differenza”. Noi combattiamo per la libertà di coscienza perché il cittadino sia tale, si istruisca, acquisti una capacità critica e autocritica, rifiuti di ingabbiare le donne con i burka e il popolo con spettacoli circensi di nani e ballerine della politica e del mondo imprenditoriale. Servono progetti e azioni forti. Un verso di una canzone di Guccini, Cyrano, dice: “Levatevi davanti, per la mia rabbia enorme mi servono giganti”. Combattiamo per una scuola che sia collante della società. Una scuola che in un’epoca come la nostra faccia sì che ci sia un’integrazione di persone vere. Abitare nell’età del rischio significa assumersi il peso delle scelte, essere responsabili. Spesso ho rivendicato il diritto di essere eretico. Mi piace, nel senso di dissentire, di avere la capacità di dissentire da un pensiero dominante, metterlo in discussione, se non altro perché la Storia ci ha insegnato che l’eresia di oggi è l’ortodossia di domani. Vogliamo educare e costruire delle generazioni di ribelli. Renderli uomini liberi. Questa è la storia della Libera Muratoria. Su questa strada oggi proseguiamo nel nostro cammino e andiamo avanti. Lungo il sentiero mediano che è forza dell’iniziazione. Ma con un sorriso. Non dimentichiamo che il costruttore medioevale sapeva anche ridere. Dei massoni si può forse dire ciò che Nietzsche diceva dei greci: poiché conobbero lo smisurato, pervennero alla misura. E la misura è saggezza. È stupido l’agricoltore che sistema i suoi campi accanto a un torrente senza proteggersi contro di esso. Affari italiani 13 dicembre 2011

Articoli correlati:

Dopo l’orgoglio gay, ecco quello massonico
La massoneria omaggia Rita Levi Montalcini
Se la Massoneria omaggia Martini …
La Massoneria omaggia i valori del Concilio Vaticano II
Benvenuti allo stand del grembiulino
Risorgimento, repubblica, massoneria.
Did you like this article? Share it with your friends!

agrega un comentario


“Caro Napolitano, facciamo la legge anti-corruzione per risanare l’Italia”
Por Giorgio Napolitano - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 6:35 PM

“Caro Napolitano, facciamo la legge anti-corruzione per risanare l’Italia”

27 settembre 2012 | Lettere | 7 Commenti
Egregio Presidente On. Giorgio Napolitano,
(forse lei è l’unico per il quale oggi anteporrei la parola Onorevole al cognome)chi Le scrive è una persona che la stima molto ma che ahimè vede in aumento gente che lotta ogni giorno non con lo spred ma con latte pane benzina libri scolastici e tessere metro (..vuole che continui?….) penso di interpretare il pensiero di molti papà e mamme….se le dico che stiamo tutti aspettando Robin Hood…..quello che toglieva ai ricchi per dare ai poveri…..
Ho ascoltato con molta attenzione il suo intervento al Quirinale in occasione dell’apertura dell’anno scolastico e commenta gli scandali che hanno coinvolto la politica e la Regione Lazio. Le confido che mentre l’ascoltavo ho pianto…
In questi ultimi mesi gli italiani stanno rivedendo una tragedia tutta italiana: il degrado morale della nostra classe politica. Dopo 20 anni, tangentopoli è più viva che mai e più forte e più arrogante. I vecchi lanciatori di monetine si…sono trasformati in raccoglitori e divoratori dei nostri risparmi … La politica è vista come il mezzo per l’arricchimento personale e senza vergogna non lo nascondono sputtanandosi sui media.
Continuo a sentir parlare della necessità di una legge contro la corruzione. La domanda allora mi sorge spontanea, ma oggi è legale la corruzione? Se a 20 anni da “mani pulite” si sente la necessità di una legge sulla corruzione ritengo siano in discussione i vertici delle nostre stesse istituzioni … Ci dobbiamo aspettare una “primavera italiana”?
Se vediamo cose come quelle ultime della regione Lazio non riusciamo neanche ad arrabbiarci più di tanto. Perché sappiamo che è un generale andazzo di ogni ente statale, chi più chi meno. Convochi il Presidente Prof. Monti e le imponga di porre la fiducia sul decreto corru-zione!!!!!! Poi si vedrà chi sta giocando in questo mondo di….. “galantuomini” vediamo chi ha il coraggio di far cadere il governo sulla questione “corruzione” vediamo chi ci mette la faccia!!!!!
Sappiamo già chi ce la metterà ma con mille meline!!!!!!! E questi saranno in primis il Presidente della Regione Lombardia Formigoni e in soccorso spirituale qualche Comune di Capoluogo..!! Brescia è Capoluogo oppure Città metropolitana o Provincia della Provincia..?
In questi mesi di Meetup ho acquisito la consapeVolezza che sono stato in letargo per troppo tempo ed è arriVato il momento di sVegliarsi, la primaVera è alle porte, la primaVera siamo noi! C’è nell’aria una nuova musica per il 2013…

Celso Vassalini-Brescia


Segnala questo articolo:
Keywords: celsio vassellini, corruzione, decreto, Giorgio Napolitano


I commenti dei Lettori (7)
Celso Vassalini scrive:
12 ottobre 2012 alle 12:52
Certo che l’On. Maroni, in fretta mette nello sgabuzzino le scope e ramazze..fregandosene della sua base…be, be…. Che squallore…!!!
n.b. che il sottoscritto in occasione di convegno della Lega è, è stato messo alla Porta, xchè non iscritto al Movimento della Lega Padana. Da quella Amarissima esperienza…maturato la volontà di non frequentare e di non dare la mia collaborazione e quindi me ne sono andato…. anche se ho ricevuto telefonate da Dirigenti del Movimento amareggiati dell’accaduto..!! Ho subito una profonda ed ingiustificabile trattamento populista-fascista.. Con quella ferita nel mio animo… ditemi voi con la mia cultura Socialista come potevo rimanere!!!! Ecco xchè me ne sono andato!!! Ora ho trovato la possibilità di dare la mia esperienza di vita al Movimento 5 Stelle. Sono sereno e felice di dare il mio umile contributo… Poi la mia storia la conoscete tutti…. Non ho mai avuto incarichi politici…. ho in questi anni dato una mano a chi me la chiedeva..senza mai chiedere nulla in cambio..quindi.. oggi con serenità e con piacere sono parte del Movimento 5 stelle. Lavorando sodo e con passione aspetto il la primavera Bresciana e Italiana del 2013…!
Fare il login per rispondere
iskender scrive:
9 ottobre 2012 alle 14:30
.
.
“Le confido che mentre l’ascoltavo ho pianto”.
In effetti, anche a me viene un po’ da piangere…
Fare il login per rispondere
carlos scrive:
9 ottobre 2012 alle 12:45
.
.
ma é lo stesso Celso Vassallini che, neoleghista solo due anni fa si diceva entusiasta del congresso della Lega Nord per la maturità democratica dimostrata, proprio mentre era in corso una operazione purga per chi non la pensava come Bossi?
socialista, leghista, grillino. nel segno della continuità. senza ironia.
Fare il login per rispondere
piergi scrive:
9 ottobre 2012 alle 09:49
Sogno o son desto ? Il compagno Vassalini, socialista d.o.c. e fustigatore del manipulitismo giuistizialista, parla oggi a nome del Movimento 5 Stelle ? E che dire dei voli pindarici tra S.Francesco e il Dott.Camadini, Bobbio, Croce, Thomas Mann e nientemeno che la Creazione ? Ci dica piuttosto cosa pensa del craxismo e della voragine aperta in quegli anni a guida socialista nei conti pubblici con l’impennata del debito e il più alto tasso di corruzione mai registrato. Prima di parlare di “politici grigi” ci dica anche quale è il suo di colore. Grazie.
Fare il login per rispondere
demarchi scrive:
8 ottobre 2012 alle 21:36
guardi, basta applicare i 10 comandamenti; il resto non serve.
Il problema è la testa delle persona che non puoi cambiarla. Le legge a questo non pone rimedio.
Fare il login per rispondere
Celso Vassalini scrive:
8 ottobre 2012 alle 17:31
Giuseppe Camadini capitano della finanza bianca. Figura guida per Camadini, soprattutto nei passi iniziali, è stato Giuseppe Tovini, Secondo il mio modesto e povero osservatorio, Camadini ha esercitato un’ influenza determinante nella vita delle principali istituzioni cattoliche bresciane, molte delle quali erano affidate alla sua guida e alla sua responsabilità. Ed è stato protagonista e forte punto di riferimento per l’intera società civile. Ideatore e costruttore instancabile di opere e iniziative benefiche, di ordine culturale ed educativo con lo scopo di creare uno spazio neutrale d’incontro tra credenti e non credenti”. Papa/Camadini: fede, opera, educazione, il “modello” Paolo VI è ancora attuale. Ancora una volta, abusando di Camadini e di San Francesco. L’evento di Assisi grazie a un’iniziativa cattolica sono stati celebrati i fasti della laicità. Come era nell’impegno di Camadini nel ricordo appassionato di Paolo VI, il papa del Concilio. Benedetto XVI ha dedicato la sua omelia, celebrata a Brescia in occasione della sua visita pastorale, alla memoria del grande pastore. La riflessione del Papa Montini sulla chiesa –ha detto Benedetto XVI – è più che mai attuale. Papa Ratzinger saluta così il grande frutto spirituale della chiesa bresciana, espressione di un popolo credente e non la cui esperienza rimane esemplare per tutti. L’Istituto Paolo VI Centro internazionale di studi e di documentazione, autorevoli voci di cattolici e di non cattolici, uomini di Chiesa, personalità politiche e intellettuali, voci di popolo. Era un silente impegno instancabile di Camadini, dare forma al grido spesso silenzioso e spezzato dell’uomo contemporaneo verso un Dio che per un numero crescente di persone rimane un ‘Dio sconosciuto’. L’opera di Camadini è più viva che mai nella due giorni di Assisi. Uno splendido parterre che pare quasi l’elenco delle figurine di un gioco di società che potrebbe chiamarsi “Bravo chi trova il cattolico”. E invece è qualcosa di serio, di terribilmente serio. Tanto serio che la due giorni di Assisi si apre con un serissimo dialogo tra il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il cardinale Gianfranco Ravasi e si chiude con un dialogo tra il ministro Corrado Passera e, naturalmente, il cardinale Gianfranco Ravasi. La matrice è evidentissima sin dalla pagina del sito del Cortile dei Gentili in cui si presenta l’iniziativa: “In occasione dell’Anno della Fede, indetto da Papa Benedetto XVI. Il Cortile dei Gentili intende così proporsi come laboratorio di un dialogo di pari dignità tra atei e credenti che purifichi gli atteggiamenti profondi di entrambi nei confronti di Dio e della fede. Ci sostiene in questa impresa la nobile figura di Francesco, il Poverello di Assisi, amato dai credenti di ogni confessione e dai ‘non credenti’, che ci indica sempre di nuovo le vie di questo dialogo attorno alla fede: il grido dei poveri e della Creazione, il grido della pace e della non-violenza, la sfida del dialogo interreligioso e interculturale, una nuova centralità della contemplazione attiva, il grido della bellezza contro la bruttezza e la bruttura”. Ma l’alto profilo intellettuale del loro confronto non confinava le argomentazioni nella serra degli spiriti magni (da Giobbe a Thomas Mann, Benedetto Croce, Ingmar Bergman, Norberto Bobbio). Ne ha dato avviso il Presidente nel suo esordio, dove rammentava di rappresentare tutti gli italiani, credenti e non credenti. Quando ha esaltato lo spirito dell’Assemblea Costituente che ha saputo conciliare diverse ispirazioni ideali in vista del bene comune e dell’interesse generale. Questo deve essere il minimo comun denominatore, il punto d’incontro delle rispettive culture e vocazioni. Il discorso è inevitabilmente franato dalle cime trascendentali sulla considerazione dei mali che affliggono l’Italia, sul degrado politico e morale dei nostri giorni che esige, nelle parole di Napolitano, una vigorosa riscossa: Abbiamo bisogno in tutti i campi di apertura, di reciproco ascolto e comprensione, di dialogo, di avvicinamento e unità nella diversità. abbiamo cioè bisogno dello spirito di Assisi. Il cardinal Ravasi ha sostenuto, di rincalzo, che non si tratta soltanto di atei e credenti. Il Paese ha vissuto momenti più tetri e dolorosi, all’ombra delle guerre e dei totalitarismi che hanno insanguinato il Novecento. Ma tutta nuova è la diffusa amoralità, l’incapacità di distinguere tra nero e bianco, tra bene e male. Si arriva a giustificare con tracotanza, in questa zona grigia, i comportamenti più aberranti. L’idea del Dio sconosciuto, della sua assenza, sembra proiettarsi sul deserto di un qualsivoglia ideale.
Celso Vassalini
Brescia
Fare il login per rispondere
Celso Vassalini scrive:
2 ottobre 2012 alle 11:11
Ormai è chiara la strategia dei partiti: annacquare, sfumare i contorni, invertire i ruoli, sparigliare le carte.
Serviva lo scandalo Lusi per capire che voragine di denaro fossero i partiti?
I media nazionali “scoprono” quello che il Movimento 5 stelle denuncia da anni.
I Cittadini sono sempre più indignati perchè a riempirsi la bocca di stupore e indignazione, nel tentativo di salvarsi la faccia, sono quelli che si riempiono le tasche: i partiti stessi.
In realtà i partiti incassano sordidamente da due decenni centinaia di milioni di euro di rimborsi elettorali in barba al referendum del ’93 che abolì il finanziamento pubblico.
Ora balbettano cambiamento, ma non intaccano alcuna posizione di privilegio, di dominanza e di autoreferenzialità.
Nulla che li tocchi e ridìa ai cittadini il potere di scelta e di controllo.
La soluzione sarebbe pronta e semplice: più democrazia diretta, e via il denaro dalla politica.
La nostra proposta di legge per il parlamento pulito e per il ripristino del voto di preferenza, presentata nel 2008, non viene discussa.
IDV la lascia marcire nei cassetti, per presentare il suo referendum anti-porcellum.
Di Pietro ha appena incassato i “rimborsi” dei referendum del 2011 e già pregustava un’altra abbuffata, ma gli è andata male. Ambigua la sua politica, propone qualche leggina, per ingraziarsi l’onda di sdegno, ma non si sogna minimamente di restituire un euro dei rimborsi che ha incamerato.
Sui costi della politica ci propinano, sotto i riflettori, ricettine puntualmente disattese a luci spente.
Una limatina (finta) alle retribuzioni dei politici (alla pensione baby non rinunciano), la riduzione dei parlamentari (geniale, per eliminare le minoranze), qualche elemosina,
così nessuno pensa a quanto ci costano le loro decisioni; alle centinaia di milioni sperperati in investimenti sbagliati, ma necessari ai soliti noti: autostrade, camionabili a pedaggio, ospedali in project financing…
Guai a mettere mano alle società partecipate, lottizzate da politici trombati, cassaforti dei partiti, palle al piede per i cittadini.
Il finanziamento pubblico ai partiti va ELIMINATO: 3 miliardi di “rimborsi elettorali” dal ’93!
Il Movimento 5 Stelle ha dimostrato che è possibile fare politica senza pesare sulle tasche dei cittadini, rinunciando nel 2010 a 1 milione e 600.000 euro di rimborsi elettorali.
Nel Veneto alle elezioni regionali abbiamo raggiunto il 3% spendendo13.000 euro micro-finanziati da centinaia di simpatizzanti. Centrodestra e centrosinistra ne hanno spesi 5 MILIONI.
Giornali e TV continuano a dare spazio a politici grigi che, pretendono di apparire immacolati.
Ma tanti cittadini hanno ormai capito che, anche in tempo di crisi, i partiti prosperano di denaro pubblico e che il debito “sono loro”.
La domanda da porsi è questa: che credibilità hanno ormai i partiti che hanno fatto del saccheggio delle risorse pubbliche uno scopo esistenziale?
Movimento 5 Stelle è un movimento di cittadini, non di politici, è nelle piazze e cresce nei sondaggi. Stiamo arrivando…..
Movimento 5 Stelle Veneto
Fare il login per rispondere

Devi essere collegato per scrivere un commento.

agrega un comentario


Elecciones políticas 2013
Por io voto in Italia - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 8:36 PM

Elecciones políticas 2013 – Apertura extraordinaria de la Agenzia Consular para el cumplimiento de las obligaciones electorales

Se comunica que en vista de las próximas elecciones políticas del 24 y 25 de febrero de 2013, la Agencia Consular estará abierta también los sábados 19, 26 de enero y 2 de febrero 2013, de 8.30 hs. a 13 hs., para permitir a los ciudadanos italianos de verificar, y si es el caso, regularizar la propia posición AIRE y electoral.
Se señala además que los ciudadanos que no hayan recibido el sobre electoral hasta el 9 de febrero de 2013 podrán presentarse en la Agencia Consular desde el 10 al 21 de febrero según el siguiente calendario:
- del domingo 10 al miércoles 20 de febrero, de 8.30 hs. hasta 18 hs. (pd. Sábado 16 y domingo 17 de 8.30 a 13 hs);
- jueves 21 de febrero de 8.30 a 13 hs.
PUBLICACION DE LAS LISTAS DE CANDIDATOS

Lista de los candidatos para el Senado de la Republica Italiana

Lista de los candidatos para la Camara de Diputados de la Republica Italiana




Carta a los ciudadanos italianos del Ministro de Relaciones Exteriores Giulio Terzi


DERECHO DE VOTO POR CORRESPONDENCIA PARA LOS CIUDADANOS ITALIANOS RESIDENTES EN EL EXTERIOR


Durante el 2013 tendrán lugar las elecciones para la renovación del Parlamento italiano, que involucrarán también a los ciudadanos italianos residentes en el exterior, para elegir a sus propios representantes en la Cámara de Diputados y en el Senado de la República, votando por los candidatos que se presenten en la Circunscripción Exterior.

Se recuerda que el VOTO es un DERECHO tutelado por la Constitución Italiana y que, en base a la Ley n. 459 del 27 de diciembre de 2001, los ciudadanos italianos residentes en el exterior, inscriptos en la listas electorales de la circunscripción exterior, pueden VOTAR POR CORRESPONDENCIA. Para ello, se recomienda controlar y regularizar la propia situación anagráfica y dirección en el Consulado competente.

ES POSIBLE, EN ALTERNATIVA, ELEGIR VOTAR EN ITALIA EN LA PROPIA COMUNA, comunicando por escrito la decisión (OPCIÓN) al Consulado dentro de los términos de ley.
La decisión (opción) de votar en Italia vale sólo para una elección.

Quienes deseen votar en Italia deben comunicarlo por escrito a su Consulado ANTES DEL 31 DE DICIEMBRE del año anterior al año previsto para el vencimiento natural de la legislatura (abril 2013), o sea antes del 31 de diciembre de 2012.
En caso de disolución anticipada de las Cámaras, la opción podrá ser enviada o entregada en mano dentro de los 10 días sucesivos a la convocación a elecciones.

De todos modos la opción DEBERÁ LLEGAR a la Oficina consular como plazo máximo dentro DE LOS DIEZ DIAS SUCESIVOS A LA CONVOCACIÓN A ELECCIONES. Dicha comunicación puede ser escrita en hoja simple y – para ser válida – debe contener nombre, apellido, fecha, lugar de nacimiento, lugar de residencia y firma del elector. Para dicha comunicación se puede también utilizar el módulo disponible en el Consulado, los Patronatos, las asociaciones, el COMITES o descargable del sitio web del Ministerio de Relaciones Exteriores (http://www.esteri.it) o del sitio de la oficina consular competente.

Si la declaración no es entregada personalmente, deberá estar acompañada por una copia del documento de identidad del declarante.

Como indicado en la normativa vigente, será responsabilidad de los electores verificar que las comunicaciones de opción enviadas por correo hayan sido recibidas en tiempo útil por la Oficina consular.

Los electores que eligieran votar en Italia para las próximas elecciones políticas, recibirán de sus Comunas italianas la postal-aviso para votar en el padrón electoral en Italia – para los candidatos de las circunscripciones nacionales y no para aquellos de la Circunscripción Exterior.
Si se opta por viajar a Italia para votar, la Ley NO prevee ningún tipo de rembolso para los gastos de viaje sostenidos, sino sólo algunos descuentos tarifarios en el interior del territorio italiano.
La opción de votar en Italia puede ser sucesivamente REVOCADA con una comunicación escrita a ser enviada o entregada a la Oficina consular con las mismas modalidades y los mismos términos previstos para el ejercicio de la opción.

LA OFICINA CONSULAR SE ENCUENTRA A DISPOSICIÓN PARA CUALQUIER ACLARACIÓN AL RESPECTO.


ELECCIONES PARLAMENTARIAS.
Los ciudadanos italianos residentes en el extranjero votan para la elección de la Cámara de Diputados y el Senado de la República y eligen a los 12 Diputados y los 6 Senadores de la Circunscripción Exterior.

La Circunscripción Exterior se subdivide en 4 Distritos Electorales: a) Europa; b) Sudamérica; c) Norteamérica y Centroamérica; d) Africa, Asia, Oceanía y Antártida. En cada Distrito se elige a 1 Diputado y 1 Senador, mientras que los demás escaños se reparten en base al número de ciudadanos italianos residentes en cada Distrito. La República Argentina pertenece al Distrito Electoral Sudamérica, donde en las elecciones parlamentarias de 2006 se eligieron 3 Diputados y 2 Senadores.

El elector vota para la listas que se presentan en el Distrito Electoral donde reside. Los candidatos deben ser electores residentes en el Distrito Electoral para el cual se postulan.

Tienen el derecho de voto todos los ciudadanos italianos residentes en el exterior que hayan cumplido los 18 años (para la elección de Diputados) y 25 años (para la elección de Senadores) y que estén inscriptos en el padrón electoral que el Ministerio del Interior actualiza en base a las inscripciones electorales realizadas por las Comunas. Por lo tanto es necesario que el ciudadano mantenga constantemente actualizada su situación en el Consulado (para más información cliquear aquí)

Los ciudadanos italianos residentes en el exterior votan por correspondencia. Dentro del plazo de 18 días antes de las elecciones, el Consulado envía a los electores un sobre que contiene:

el certificado electoral;
la boleta o las boletas electorales;
un sobre blanco pequeño donde se ponen las boletas votadas;
un sobre más grande con franqueo prepago con la dirección del Consulado (donde el elector debe poner el talón del certificado electoral y el sobre blanco cerrado con las boletas votadas);
las listas de candidatos;
un folleto informativo sobre los pasos a seguir para emitir el voto;
el texto de la Ley n. 459/2001 (ley que regula el voto en el exterior).

El voto se emite válidamente si las boletas llegan al Consulado antes de las 16 hs. del jueves anterior a las elecciones. El Consulado envía inmediatamente las boletas a Roma, donde se realiza el escrutinio en el mismo momento del escrutinio de las boletas votadas en Italia.

Los electores que 14 días antes de las elecciones no hayan recibido en su domicilio el sobre electoral pueden solicitar un duplicado presentándose personalmente ante el Consulado.

Las Representaciones diplomáticas realizan convenios con los Estados donde residen ciudadanos italianos para garantizar que el voto por correspondencia se ejerza en condiciones de igualdad, libertad y secreto y que la participación al voto no perjudique los derechos reconocidos por la legislación del país de residencia. También la campaña electoral está reglamentada de acuerdo a convenios con los Gobiernos extranjeros (que por otro lado no son imprescindibles para que se pueda ejercer el voto por correspondencia).

Mediante la “opción”, los ciudadanos italianos residentes en el exterior pueden decidir votar en Italia para los candidatos del distrito electoral nacional donde están inscriptos. El elector que desea votar en Italia debe informar por escrito al Consulado antes del 31 de diciembre del año anterior a las elecciones o, en caso de elecciones anticipadas, dentro del plazo de 10 días del llamado a elecciones. La opción tiene validez para una sola elección parlamentaria o referéndum. Al elector que decide votar en Italia no le corresponde ningún reintegro en concepto de viáticos.

--------------------------------------------------------------------------

Elezioni politiche 2013 – Apertura straordinaria dell’Agenzia Consolare per gli adempimenti elettorali

Si comunica che in vista delle prossime elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013, l’Agenzia Consolare sará aperta anche sabato 19 e 26 gennaio e 2 febbraio 2013, dalle ore 08.30 alle ore 13.00, per consentire ai connazionali di verificare, e se del caso regolarizzare, la propria posizione Aire ed elettorale.
Si segnala inoltre che i connazionali che non avranno ricevuto il plico elettorale entro il 9 febbraio 2013 potranno recarsi in Agenzia Consolare dal 10 al 21 febbraio secondo il seguente calendario:

- da domenica 10 a mercoledì 20 febbraio, dalle ore 08.30 alle ore 18.00 (N.B. sabato 16 e domenica 17 dalle ore 08.30 alle ore 13.00);
- giovedì 21 febbraio dalle ore 08.30 alle 13.00.


Pubblicazione delle liste dei candidati


Lista dei candidati per il Senato della Repubblica Italiana

Lista dei candidati per la Camera dei Deputati della Repubblica Italiana




LETTERA AI CONNAZIONALI MINISTRO DEGLI ESTERI GIULIO TERZI



DIRITTO DI VOTO PER CORRISPONDENZA AI CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO


Nel corso del 2013 si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del Parlamento italiano, che vedranno coinvolti anche i cittadini italiani residenti all’estero, chiamati ad eleggere i propri rappresentanti alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica, votando per i candidati che si presentano nella Circoscrizione estero.

Si ricorda che il VOTO è un DIRITTO tutelato dalla Costituzione Italiana e che, in base alla Legge 27 dicembre 2001, n.459, i cittadini italiani residenti all’estero, iscritti nelle liste elettorali della circoscrizione estero, possono VOTARE PER POSTA. A tal fine, si raccomanda quindi di controllare e regolarizzare la propria situazione anagrafica e di indirizzo presso il proprio consolato.

E’ POSSIBILE IN ALTERNATIVA SCEGLIERE DI VOTARE IN ITALIA PRESSO IL PROPRIO COMUNE, comunicando per iscritto la propria scelta (OPZIONE) al Consolato entro i termini di legge.
La scelta (opzione) di votare in Italia vale solo per una consultazione elettorale.

Chi desidera votare in Italia deve darne comunicazione scritta al proprio Consolato ENTRO IL 31 DICEMBRE dell’anno precedente a quello previsto per la scadenza naturale della legislatura (aprile 2013), quindi entro il 31 dicembre 2012.
In caso intervenga invece uno scioglimento anticipato delle Camere, l’opzione può essere inviata o consegnata a mano entro il 10° giorno successivo alla indizione delle votazioni.
In ogni caso l’opzione DEVE PERVENIRE all’Ufficio consolare NON OLTRE I DIECI GIORNI SUCCESSIVI A QUELLO DELL’INDIZIONE DELLE VOTAZIONI. Tale comunicazione può essere scritta su carta semplice e - per essere valida - deve contenere nome, cognome, data, luogo di nascita, luogo di residenza e firma dell’elettore. Per tale comunicazione si può anche utilizzare l’apposito modulo disponibile presso il Consolato, i Patronati, le associazioni, il COMITES oppure scaricabile dal sito web del Ministero degli Esteri (http://www.esteri.it) o da quello del proprio Ufficio consolare.

Se la dichiarazione non è consegnata personalmente, dovrà essere accompagnata da copia di un documento di identità del dichiarante.

Come prescritto dalla normativa vigente, sarà cura degli elettori verificare che la comunicazione di opzione spedita per posta sia stata ricevuta in tempo utile dal proprio Ufficio consolare.

Gli elettori che scelgono di votare in Italia in occasione delle prossime elezioni politiche, ricevono dai rispettivi Comuni italiani la cartolina-avviso per votare -presso i seggi elettorali in Italia - per i candidati nelle circoscrizioni nazionali e non per quelli della Circoscrizione Estero.
Se si sceglie di rientrare in Italia per votare, la Legge NON prevede alcun tipo di rimborso per le spese di viaggio sostenute, ma solo agevolazioni tariffarie all’interno del territorio italiano.
La scelta di votare in Italia può essere successivamente REVOCATA con una comunicazione scritta da inviare o consegnare all’Ufficio consolare con le stesse modalità ed entro gli stessi termini previsti per l’esercizio dell’opzione.

L’UFFICIO CONSOLARE E’ A DISPOSIZIONE PER OGNI ULTERIORE CHIARIMENTO




Elezioni Politiche
I cittadini italiani residenti all’estero hanno diritto di voto per l’elezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica, nonché per i referendum popolari abrogativi e confermativi.
In occasione delle elezioni politiche, essi votano nella Circoscrizione Estero per eleggere 12 Deputati e 6 Senatori.
La Circoscrizione Estero è suddivisa in 4 ripartizioni geografiche: a) Europa; b) America Meridionale; c) America Settentrionale e Centrale; d) Africa, Asia, Oceania e Antartide.
Gli elettori votano per le liste presentate nelle ripartizioni geografiche di rispettiva residenza. In ciascuna ripartizione vengono eletti un Deputato ed un Senatore, mentre i rimanenti seggi sono distribuiti fra le ripartizioni in proporzione al numero dei residenti.
Hanno diritto di voto tutti i cittadini italiani residenti all’estero che abbiano compiuto i 18 (per l’elezione della Camera) ed i 25 (per il Senato) anni d’età, e che siano iscritti nelle liste elettorali che verranno predisposte sulla base di un elenco aggiornato dei residenti all’estero, frutto dell’unificazione dell’AIRE dei Comuni e degli schedari consolari.
Per favorire l’aggiornamento dei dati, la Legge 459 dispone l’obbligo, per gli elettori, di comunicare all’Ufficio consolare i propri dati aggiornati.
I candidati inseriti nelle liste elettorali presentate in ciascuna ripartizione geografica devono essere residenti ed elettori di tale ripartizione.
Il voto dei cittadini italiani residenti all’estero viene espresso per corrispondenza. Entro 18 giorni prima della data delle elezioni, l’Ufficio consolare invia a tutti gli elettori un plico contenente il certificato elettorale; la scheda o le schede elettorali con una busta piccola in cui inserirle, nonché una busta grande preaffrancata recante l’indirizzo dell’Ufficio consolare stesso; le liste dei candidati; un foglio esplicativo sulle modalità del voto; il testo della Legge 459/2001. L’elettore deve spedire le schede votate all’Ufficio consolare entro 10 giorni prima della data delle elezioni. L’Ufficio consolare provvede al rapido invio delle schede in Italia, in modo che lo spoglio possa essere effettuato congiuntamente a quello delle schede votate in territorio nazionale.
Gli elettori che, a 14 giorni dalla data delle elezioni, non abbiano ricevuto il plico elettorale possono farne richiesta presentandosi di persona al proprio Ufficio consolare.
Le Rappresentanze diplomatiche concludono intese con i Governi degli Stati ove risiedono cittadini italiani per garantire che il voto per corrispondenza venga esercitato in condizioni di uguaglianza, libertà e segretezza; e che nessun pregiudizio possa derivarne per il posto di lavoro e per i diritti degli elettori. I cittadini italiani residenti nei Paesi con cui non sia stato possibile concludere tali intese potranno votare esclusivamente facendo rientro in Italia.
Anche lo svolgimento della campagna elettorale verrà regolato da apposite forme di collaborazione con i Governi esteri, la cui mancata instaurazione peraltro, a differenza di quanto accade per le intese di cui sopra, non precluderà l’esercizio del voto per corrispondenza.
I cittadini italiani residenti all’estero non hanno l’obbligo di votare per corrispondenza. La Legge 459 prevede infatti che l’elettore possa optare per l’esercizio del diritto di voto in Italia, rientrando nel territorio nazionale e votando per i candidati che si presentano nella circoscrizione relativa alla sezione elettorale nazionale in cui è iscritto.
L’elettore che intenda rientrare in Italia per votare dovrà darne comunicazione scritta al proprio Ufficio consolare entro il 31 dicembre dell’anno precedente la scadenza naturale della legislatura o, in caso di scioglimento anticipato delle Camere, entro 10 giorni dall’indizione delle elezioni. L’opzione è valida per una singola consultazione elettorale o referendaria.
Non è previsto alcun tipo di rimborso per le spese di viaggio sostenute dall’elettore che abbia optato per l’esercizio del voto in Italia.
Il voto in Italia resta peraltro la modalità obbligatoria per i cittadini italiani residenti nei Paesi con i cui Governi non sia stato possibile concludere le intese sopra citate, nonché per quelli residenti in Paesi la cui situazione politico-sociale non garantisca, anche temporaneamente, il rispetto delle condizioni oggetto di tali intese. In tali casi, ed inoltre per gli elettori che risiedano in Paesi privi di Rappresentanze diplomatiche italiane, è previsto il diritto al rimborso del 75% delle spese di viaggio per il rientro in Italia. A tal fine, l’elettore dovrà presentare apposita istanza al proprio Ufficio consolare, corredata del certificato elettorale e del biglietto di viaggio.

http://www.conslomasdezamora.esteri.it/Consolato_LomasDeZamora/Templates/Pagina_Interna.aspx?NRMODE=Published&NRNODEGUID=%7b9AB625E7-4808-4048-B5DF-CBB2602FCE3F%7d&NRORIGINALURL=%2fConsolato_LomasDeZamora%2fMenu%2fI_Servizi%2fPer_i_cittadini%2fServizi_elettorali%2fElezioni_politiche%2fElezioni%2bPolitiche%2ehtm&NRCACHEHINT=NoModifyGuest

agrega un comentario


75.000 ciudadanos italianos residentes en Uruguay
Por Beppe Grillo - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 8:40 PM

75.000 ciudadanos italianos residentes en Uruguay podrán participar en las elecciones parlamentarias de Italia

12.02.2013 | 18.16

Desde 2001 los italianos en el exterior pueden elegir a sus representantes en el Parlamento italiano. Para ello, votan en cuatro circunscripciones en el mundo, una de las cuales América del Sur, región para la que se presentan cinco candidatos uruguayos. En Perspectiva dialogó con 4 de ellos: Enzo Bacchia y Aldo Lamorte (candidatos a diputados por "Italiani per la Libertá" y "Movimiento Asociativo Italiani Allèstero", respectivamente); y los candidatos a senadores, Renato Palermo (Partido Democrático) y Graciano Pascale (Unione Sudamericana Emigrati Italiani).
Lamorte y Palermo están vinculados a partidos y candidatos italianos (al tecnócrata Monti y al candidato de izquierda Barsani, respectivamente), Bacchia y Pascale se presentan por movimientos exclusivamente de italianos en el exterior. Los candidatos debatieron sobre la internacionalización de las empresas italianas y su implantación en Uruguay, así como la conexión aérea con italia y sobre temas relacionados con la salud y la educación. Son 75.000 los uruguayos habilitados para votar en esta elección, y pueden hacerlo por correspondencia hasta el día 21 de febrero.

página 1 de 7

(emitido a las 8.44. Hs.)

EMILIANO COTELO:
En Uruguay, la campaña electoral ya está instalada y en plena ebullición. Los candidatos hacen giras por todo el país proponiendo sus ideas, y ya hemos comenzado a ver y a escuchar sus mensajes publicitarios, tanto en televisión como en radio, pero también en los diarios y en Internet. Hablamos de los uruguayos que se postulan como candidatos a las elecciones parlamentarias de Italia, previstas para el 24 y el 25 de este mes.

A todos los uruguayos, seamos italianos o no, este proceso electoral nos interesa por varios lados. En primer lugar, por la cantidad de gente que participa de esta votación: 75.000 personas. Es la votación más grande en nuestro país, después de las elecciones nacionales, las departamentales, las universitarias y las de representantes sociales en el directorio del BPS.

Pero además, porque de algún modo reabre, con un ejemplo concreto, la discusión que tenemos pendiente sobre si vamos a habilitar el voto de los uruguayos en el exterior. ¿Cómo funciona ese tipo de elecciones que nosotros todavía no tenemos? ¿Cuáles son sus ventajas, cuáles sus inconvenientes? Acá tenemos una buena oportunidad para observar una experiencia (que, por otra parte es muy joven: Recién en el año 2001 Italia habilitó el derecho a voto para sus ciudadanos residentes en el exterior).

Por esas razones, hoy en EN PERSPECTIVA vamos a profundizar en esta campaña electoral, recibiendo en nuestros estudios a esos uruguayos que buscan un lugar en el Parlamento italiano. Pero antes, para situarnos rápidamente en el contexto, vale la pena responder algunas preguntas básicas.

Alejandro, si te parece, empezamos explicando quiénes pueden participar en Uruguay en estos comicios.

ALEJANDRO ACLE:
En total, son más de 75.000 ciudadanos italianos registrados en Uruguay los que están habilitados para votar en estas elecciones parlamentarias que van a tener lugar el próximo 24 y 25 de febrero. Ya desde hace algunos días, muchos de ellos están recibiendo en sus casas, los sobres con las hojas de votación que les van a permitir sufragar por correspondencia.

Pueden votar todos los ciudadanos italianos, tanto los nacidos en Italia como los que hayan nacido en otros países pero tengan ciudadanía italiana y estén registrados en el consulado. Quienes tengan entre 18 y 24 años solo pueden elegir diputados; quienes tengan más de 25, podrán elegir además de diputados, a senadores.

EC - ¿Y qué es exactamente lo que definen con su voto?

AA - Los italianos que viven fuera de Italia votan para elegir sus propios diputados y senadores: los de la circunscripción exterior. Y a esos efectos, los ciudadanos se dividen en cuatro zonas o reparticiones: Europa, América del Norte y Central, América del Sur, y África, Asia, Oceanía y Antártida.

Los italianos residentes en Uruguay podrán elegir entre los candidatos que se hayan postulado por la circunscripción exterior, en la repartición América del Sur.

Los candidatos, por lo tanto, no representan solamente al país en el que residen, sino a toda Sudamérica.

EC - Hay que tener presente que los candidatos que están a consideración de los votantes acá en Uruguay no representan solamente al país en el que residen, sino a toda Sudamérica.

AA -Exactamente, a todo el continente. Al respecto, la cónsul de Italia en Uruguay, Cinzia Frigo, explicó a En Perspectiva que en estas elecciones se elegirán cuatro diputados y dos senadores que representarán a América del Sur en el Parlamento italiano, que está integrado, en total, por 630 diputados y 315 senadores.

(Audio CINZIA FRIGIO):
“Después de 2001 se dio la posibilidad a los residentes en el exterior, de votar en las mismas condiciones que los residentes en Italia dando iguales posibilidades de derecho para los votantes y, obviamente, para los diputados y los senadores elegidos en el exterior, de poder estar y representar sus obligaciones en las Cámaras de Diputados y Senadores de Italia.”

AA - La cónsul italiana destacó que quienes resulten electos tendrán luego las mismas responsabilidades y derechos que cualquier otro parlamentario italiano. Incluso, estarán habilitados para elegir al nuevo Primer Ministro que surja de estos comicios.

(Audio CF) - “Están para votar todas las leyes del Parlamento italiano. Es una posición muy importante, con los mismos derechos y obligaciones que cualquier parlamentario residente en Italia.”

AA - Frigo agregó que cada uno resolverá luego cómo llevará a cabo su tarea, pero lo más probable es que quien resulte electo tenga que residir en Italia, para poder participar regularmente de las sesiones de la Cámara para la que hayan sido electos.

EC - Ahora, ¿cómo ejercen los italianos residentes en Uruguay su derecho a votar en estos comicios parlamentarios italianos? ¿Cómo se vota en estas elecciones?

AA - En estos días los votantes habilitados han comenzado a recibir en sus domicilios los sobres con las hojas de votación. Dentro del sobre hay dos papeletas: una para votar senadores, y otra para votar diputados. Cada hoja de votación tiene los logos con los nombres de los Partidos que presentan candidatos en estas elecciones.

Cada elector deberá tachar con una cruz sobre el Partido que desea apoyar y escribir a un costado los apellidos de hasta dos candidatos de ese partido que quiera votar. El elector podrá sufragar por dos cualesquiera de los candidatos que aparecen en la lista; es decir, no necesariamente tiene que votar a candidatos que residan en su país. Y una última observación: está permitido "cruzar" el voto, es decir, votar para Diputados al partido A y para senador al Partido B. Pero no se puede votar partidos diferentes para el mismo cargo.

Finalmente, el elector debe colocar la papeleta en el sobre de votación y seguir los pasos que están indicados en el material que el consulado ha enviado, para culminar el trámite en tiempo y forma.

(Audio CF) - “Obviamente exhorto a los ciudadanos residentes en Uruguay a que voten. Que devuelvan el voto, en el sobre marrón, en los locales de Abitab, antes del 21 de febrero”.

EC - Para estas elecciones parlamentarias italianas, en la repartición América del Sur los partidos que han presentado candidatos son siete: “El pueblo de la Libertad”, “Movimiento 5 estrellas”, Unión Sudamericana de Emigrantes italianos”, “Italianos por la Libertad”, “Movimiento asociativo de los italianos en el exterior”, “‘Unión de los italianos por Sudamérica’ más el ‘Partido Democrático’”.

En Uruguay concretamente residen cinco candidatos que se postulan al Parlamento italiano, representando a cuatro partidos. Tres de ellos son candidatos a la Cámara Baja y dos a la Cámara Alta. Conversaremos con algunos de ellos para averiguar qué se proponen para el caso de que resulten electos.

Aquí, en los estudios de Radio El Espectador, recibimos a:

Enzo Bacchia, tiene 50 años, nació en Uruguay, es comerciante y candidato a diputado por el Partido “Italiani per la Libertà”.

Aldo Lamorte, tiene 55 años. Nació en Montevideo. Es arquitecto. Tiene actividad política aquí en Uruguay: es Presidente del Partido Unión Cívica; pero además, como consecuencia de un acuerdo con el sector Alianza Nacional del Partido Nacional, Lamorte ha asumido varias veces una banca en el senado, como suplente. Es candidato a diputado por el Movimento Associativo Italiani All’estero. Lamorte ya tiene experiencia en estas elecciones. En 2006 y luego en 2008, fue candidato a diputado por la Unión de los Demócratas Cristianos y de Centro (UDC).

Renato Palermo tiene 62 años, nació en Cosenza, sobre la costa del mar Tirreno, en Italia. Emigró a Uruguay en 1958, cuando tenía 7 años. Estudió historia y literatura en la Facultad de Humanidades de la Universidad de la República en Montevideo, y luego se trasladó a la ciudad de Buenos Aires para concurrir a la Escuela Superior de Periodismo. Es candidato a senador por el Partido Democrático, que es, por otra parte, el único Partido que presenta dos candidatos: Palermo al Senado y Filomena Narducci a la Cámara de Diputados.

Y por último, la voz que ustedes conocen de acá del programa, Graziano Pascale, integrante de nuestras tertulias: tiene 59 años, nació en Montevideo, es abogado, escritor y periodista y es candidato al Senado por la Unione Sudamericana Emigrati Italiani (USEI).

Empecemos por una pregunta general para todos ustedes. ¿Por qué han decidido presentarse como candidatos a estas elecciones?

RENATO PALERMO:
Nos presentamos porque venimos trabajando en la órbita de la colectividad desde hace muchos años. E incluso a nivel político venimos trabajando también, el Partido Democrático y los partidos que lo precedieron, hemos participado. Lo nuestro es una tarea que viene de mucho tiempo. El Partido Democrático tiene estructura en el exterior, es el único partido que tiene estructura en el exterior desde hace muchos años, que incluso hace participar a sus inscritos en su asamblea general. La asamblea general del Partido Democrático se compone por unas 300 personas, de las cuales 40 son elegidas en el exterior. Nosotros hacemos parte de esa asamblea, por lo tanto evidentemente nuestra actividad y presentarnos en esta elección implica esa tarea de defender los derechos de los italianos en el exterior.

EC - ¿Aldo Lamorte por qué se presenta, y por qué reincide además?

ALDO LAMORTE:
Este derecho que tenemos los italouruguayos de tener voz y voto en el Parlamento italiano, es un derecho pero también es una responsabilidad. Estamos decidiendo el futuro de la colectividad aquí en Uruguay y en América del Sur y en Italia, por eso la importancia de defender ideas, valores, en este caso valores que nos enseñaron nuestros abuelos y nuestros padres inmigrantes: la familia, el trabajo, el esfuerzo. Eso lo hemos hecho siempre en primer línea, defendiendo valores democristianos en todas las áreas, porque creemos que son positivos para la sociedad, y en este caso para la colectividad italouruguaya, permitiendo un puente entre Uruguay e Italia de crecimiento mutuo. Los italianos en el exterior somos un recurso para Italia e Italia sigue siendo un gran recurso para la italianidad en el mundo.

EC - ¿Ustedes mantienen un contacto frecuente con Italia?

AL - Sí, nosotros a través de la Democracia Cristiana italiana, lo hacemos hace ya varios años a través del trabajo en conjunto, primero en obtener la posibilidad de este derecho al voto, lo hicimos desde jóvenes con nuestros abuelos y nuestros padres, y actualmente en un contacto directo para que los italianos en el exterior tengan una participación activa para poder lograr metas en común.

EC - ¿Cuál es el caso de Enzo Bacchia? ¿Por qué es candidato?

ENZO BACCHIA:
Italiani per la Libertà es un partido político que se presenta en la circoscrizzione meridionale, América del Sur, y no es un partido que responda a ningún partido político italiano. Quiero hacer la aclaración, porque está compuesto por ciudadanos italianos residentes fuera de Italia que no forman parte de ningún partido político italiano. Vale decir que no somos representantes ni de la derecha ni de la izquierda ni del centro, defendemos el ideal y los derechos de los italianos en el exterior. Y como tal nos presentamos para poder obtener una bancada dentro del Parlamento italiano.

EC - ¿La puntualización viene a propósito del nombre del partido?

EB - Exactamente, Italiani per la Libertà porque somos libres de todos los partidos políticos italianos y de los ideales.

EC - Se parece a “Pueblo de la Libertad”.

EB - Puede tener una similitud, lo dejo librado al criterio de cada uno. Si bien tenemos un integrante que va al Senado, que fue integrante del Popolo della Libertà, que es el senador Esteban Caselli, que hoy es senador de la República Italiana. También tenemos a Iliana Calabró, la llevamos a la diputación como capolista.

EC - ¿Y Graziano? ¿Por qué te presentás como candidato? Es tu primera experiencia.

GRAZIANO PASCALE:
Sí, es un caso diferente del de todos los demás compañeros que están en la mesa. Yo hasta hace 60 días exactos no tenía planes de hacerlo, nunca se me pasó por la cabeza una situación por el estilo, nunca soñé siquiera con una postulación. Fue el llamado de un amigo de hace 45 años, de la infancia, Stefano Casini, que me llamó para decirme que la situación sobre todo en el Consulado Italiano era caótica, al borde del colapso, trámites que demoran siete, nueve años, demoras con la ciudadanía, con el pasaporte, 14 funcionarios para atender 108.000 personas que tienen pasaporte y que tienen que hacer otros trámites.
En todos estos siete años desde que hay representación política esta situación no se pudo solucionar. Me pidió si yo estaba dispuesto a colaborar para que Uruguay pudiera tener una representación política en el Parlamento italiano, porque es la única manera de llamar fuertemente la atención al gobierno italiano para que solucione este tema, y me pareció que era una obligación hacerlo y por eso estoy aquí.

EC - ¿En tu caso cómo es la relación habitual con Italia?

GP - De niño, junto con mis padres, fuimos fundadores de la institución social que nuclea a quienes nacieron en el pueblo de mis padres, en Satriano de Lucania, en la provincia de Potenza, y allí, además de haber estudiado en la Escuela Italiana toda la primaria y la secundaria, esa es mi vinculación, haber estudiado el idioma, haber estudiado en Italia, y tener esa participación. Nunca participé en cuestiones gremiales de la colectividad ni en otro tipo de instancias.

EC - Ustedes son candidatos al Parlamento italiano, para representar a toda Sudamérica, no solamente a Uruguay. Eso implica un desafío grande. Por ejemplo, ¿cómo llevan adelante su campaña? Tienen que hacer campaña en el continente. ¿Cómo es eso?

AL - Nosotros estamos ligados al movimiento asociativo italiano all’estero (MAIA), que viene realizando un trabajo ya de varios años en toda América del Sur. Merlo, que actualmente es diputado por la circunscripción, está trabajando activamente en toda América del Sur, lo que ha llevado a conformar una lista desde Venezuela, pasando por Brasil, Argentina y Uruguay, donde se intercambian las experiencias. Estamos visitando los distintos países. Pero las candidaturas evidentemente se refuerzan en cada lugar donde uno conoce al candidato.

EC - Pero ¿usted mismo ha hecho campaña en otros lugares?

AL - Sí, hemos hecho fuera de Uruguay, tanto en Chile como en Paraguay como en Brasil como en Argentina.

EC - ¿en el caso de Enzo Bacchia?

EB - No, en el exterior no he hecho campaña, sí la hago acá. Nosotros nos manejamos en forma distinta, nos manejamos con la parte asociativa, vale decir en toda América del Sur, tenemos una red de gente que está vinculada y que milita dentro de la colectividad italiana, que son los propulsores y los que difunden nuestros pensamientos.

EC – ¿Graciano?

GP - En mi caso, en algunos países me basé en amigos personales, relaciones que uno ha hecho a lo largo de los años en distintos ámbitos, donde creo que eso ha permitido hacer llegar ideas nuestras, y también y sobre todo en el uso de las redes sociales, un instrumento realmente formidable que el avance tecnológico nos pone a la mano, y que a costo muy bajo y sin un gran esfuerzo personal permite difundir por todo el continente las ideas y las propuestas.

EC - ¿Palermo también está utilizando las redes sociales e internet, o está viajando físicamente?

RP - Nosotros contamos con una estructura del partido que está presente en todos los países de América del Sur, tenemos una coordinación establecida, y eso evidentemente nos facilita no estar en contacto y elaborar el programa que proponemos a las colectividades italianas. Yo he hecho algunos viajes, sobre todo a Argentina, pero estamos trabajando en un sistema si se quiere de cooperativa.

EC - ¿Es realista pensar que termine habiendo en el Parlamento italiano representantes surgidos de acá? ¿Alguno de ustedes puede integrar efectivamente el Parlamento italiano después de estos comicios?

RP - Sí, los números indican que sí. Hubo en el año 2006 la candidatura de Italo Collafranceschi, que recogió un poco más de 15.000 votos, fue en la historia breve de las elecciones italianas el candidato que recogió más votos en Uruguay. No llegó al Senado, creo que ocupó la primera suplencia en orden de prelación del candidato más votado del partido por el cual participó. O sea que si los votantes superan la barrera histórica del 51, 5% de votación (hay 75.000 habilitados para votar a diputados y 65.000 habilitados al Senado) y hay un voto masivo que entienda que es decisivo que haya una presencia uruguaya en el Parlamento italiano para solucionar algunos problemas graves, yo creo que la presencia está asegurada.

EC - ¿Se puede manejar algún piso? ¿Cuántos votos tiene que tener uno de ustedes para entrar en diputados o en el Senado?

RP - Va a depender de las listas. Hay listas que están construidas en la Argentina, por ejemplo, donde los líderes tienen una cantidad de votos muy alta, por lo tanto competir con esa lista ya establecida con voto ya determinado es muy difícil. En el caso por ejemplo del Partido Democrático, que no hay ningún liderazgo fuerte, puede ser una posibilidad obtener un candidato en Uruguay. Incluso en mi caso, yo en las elecciones pasadas quedé ubicado sexto o séptimo en 60 candidatos, por lo tanto he sacado mucho más votos que algún argentino o un brasileño. Por lo tanto posibilidad hay, sí.

EC – ¿Bacchia que dice de esto?

EB - Uruguay es en el contexto de América del Sur el cuarto país con mayor cantidad de ciudadanos italianos al voto. En relación a la cantidad de ciudadanos uruguayos, es el país que tiene más ciudadanos italianos residentes, incluso más que Argentina. Si vamos netamente a la votación en sí y los habilitados al voto, Argentina es el que supera todo porque tiene más de 500.000 habilitados. O sea que si Argentina tiene una votación alta, a nosotros prácticamente nos condena a no salir. Lo que nos puede favorecer es que en Argentina se vote poco y que en Uruguay la votación sea masiva.

EC - ¿Lamorte?

AL - Nuestra estrategia fundamental en este caso es fortalecer la lista en la que estamos. Nuestro objetivo es tener dos diputados para nuestra lista y que Uruguay ocupe ese segundo cargo. Cuando aceptamos la candidatura es para que fuera una opción real para que Uruguay tuviera ese representante, no terminar votando al argentino o solo al brasileño, sino que realmente esos votos que después se condensan puedan dar para Uruguay ese saldo que nos permita, sumado a los votos en Uruguay, tener el segundo representante. Eso es lo real y por eso estamos llamando a la colectividad italouruguaya a votar unida para esta opción que entendemos que es muy posible tener la representación para Uruguay.

EC - Graziano, ¿ibas a agregar algo?

GP - Un comentario que tiene que ver ya con la mecánica misma de la elección. Renato hacía referencia a la proliferación de candidatos, y si bien en Argentina y en segundo lugar en Brasil hay un electorado muy importante, también es verdad que hay mucha fragmentación del voto. Tú cuando hiciste la lista de los partidos, mencionaste algunos que no tienen presencia electoral en Uruguay; en cambio en los otros mercados sí tienen representación con varios candidatos. Quiere decir que ese gran mercado de votantes se va a fragmentar en distintas opciones, necesariamente va a ser así. Entonces eso va reduciendo la participación de cada partido en el total, y eso aumenta la posibilidad de Uruguay, porque en Uruguay por ejemplo candidatos al Senado hay solo dos, en cambio en Argentina y Brasil cada lista tiene tres o cuatro candidatos a los distintos cargos. Por lo tanto ese voto en los otros países se va a fragmentar, aquí esperemos que se concentre –obviamente, yo espero que se concentre en la candidatura que yo encabezo-.

EC - ¿Algo más?

RP - Sobre todo que también cuando hay varios candidatos por Argentina o Brasil, esos votos se fragmentan dentro de la propia lista, por eso el uruguayo tiene la posibilidad de estar con una buena votación ganándole, porque Argentina puede sacar 40.000 votos, y el uruguayo 15.000. Esa votación de los 15.000 en preferencia puede ser mayor que los 40.000 que está fragmentada.

EB - Me gustaría acotar simplemente que si bien puede haber una posibilidad de que un uruguayo sea elegido, porque hay países como Chile, Venezuela, Colombia, Bolivia, Perú, que no llevan candidatos propios. A mí por ejemplo me están llamando estos días y me están diciendo “mirá que estás siendo votado”, y la sorpresa puede venir del exterior, de esos países que no tienen candidato propio, no solamente por lo que uno pueda llegar a votar aquí en Uruguay. El sistema italiano de votación es muy interesante, hasta que no se abren las urnas no se sabe.

EC - Quiero preguntarles ahora a propósito de qué es lo que está en juego, cómo se define esta elección en particular, la de ustedes. ¿Se define por temas de la política interna italiana o por temas relativos a la comunidad italiana en el exterior?

AL - Creo que es un mix, es muy importante los derechos de los italianos y la realidad de los italianos en el exterior, y por supuesto aquí en el Uruguay. Pero también una referencia a lo que está pasando en Italia y qué aportes se pueden hacer desde acá a esa construcción de la realidad italiana.

RP - Lo que va a suceder con las comunidades va a depender mucho de lo que se elija en Italia. En la última gestión de gobierno, las últimas dos gestiones de gobierno, penalizaron mucho a las comunidades italianas en el exterior, haciendo un corte de recursos impresionante. Según quién gane en Italia, las comunidades van a tener apoyo o no.

EC - ¿qué dicen los otros integrantes de la mesa? ¿Cómo hacen campaña: con temas de la política interna de Italia o con temas de otro tipo?

GP - En lo personal, solamente con temas locales, la posibilidad de ejercer influencia en Roma para solucionar la situación casi de colapso del consulado italiano, que no ha podido ser solucionada por quienes representaron los intereses de las comunidades sudamericanas en Roma, y con propuestas que tienen que ver con intereses uruguayos.

EB - Creo que sería un poco apresurado en este momento o atrevido de nuestra parte opinar sobre la realidad italiana y los problemas de Italia en sí. Nosotros somos representantes pero al exterior, estamos más abocados a las necesidades de los italianos en le exterior que a los problemas que conciernen a los italianos residentes en Italia en sí.

EC - Ustedes van a representar en el Parlamento a los italianos en el exterior.

EB - Representamos a todos los italianos, pero fundamentalmente somos elegidos por los del exterior y es a los cuales nos tenemos que deber.

EC - Si analizamos las iniciativas que cada uno de ustedes ha presentado para llevar al Parlamento italiano, se ve que hay varios temas en los que aparecen coincidencias. Por ejemplo, en la necesidad de atender adecuadamente a los italianos de la tercera edad, el impulso de la enseñanza del idioma italiano en la educación formal o el fortalecimiento de la red consular en cada uno de los países. Por ahí están de acuerdo. ¿En qué temas se diferencian?

AL - Nosotros en especial estamos planteando tener una política de proyectos concretos y realizables y no esperar solamente el pedido a Italia a través de dinero, sino promover nosotros desde el exterior y fundamentalmente aquí en Uruguay, con nuestra capacidad, con nuestra gente, con la italianidad en Uruguay, conjugarla con esfuerzos también de empresas, instituciones y trabajos desde Italia.

Por ejemplo en el tema salud, un tema que es un pendiente todavía en la colectividad, hubo experiencias en el Hospital Italiano, lamentablemente no terminó como todos queríamos. Y los connacionales deben tener una salud adecuada, y también sirve para Uruguay. Hay tecnología de avanzada en Italia, hay tecnología de punta en el área de salud que se puede perfectamente coincidir con el trabajo ítalo-uruguayo, técnicos, médicos, enfermeros, que podrían dar un proyecto que comience de a poco y vaya fortaleciéndose como una posibilidad de una mejor salud para los connacionales acá.

Sumado también a un esfuerzo que creemos fundamental, el tema del conocimiento. Nuestro lema es “Menos Harvard, más Bolonia”. Nosotros miramos más a lo anglosajón, cuando tenemos la cuna de la cultura occidental en Italia, tenemos las universidades más antiguas del mundo, tenemos esta posibilidad de conjugar aquí en Uruguay un polo de conocimiento para la región, donde se puede revalidar títulos, dar títulos posuniversitarios, generar revalidaciones.

EC - ¿cómo se haría eso? ¿Qué es lo que ustedes están proponiendo concretamente?

AL - Que se instalen las universidades italianas como un polo de conocimiento en el Uruguay.

EC - Bacchia, de las propuestas que usted hace, ¿por dónde viene la originalidad, la diferenciación?

EB - Nos diferenciamos de otra forma. No podemos crear falsas expectativas a la gente que nos va a votar. Yo no puedo decirles a los italouruguayos que voy a traer empresas italianas que vengan a invertir en Uruguay. Por una sencilla razón: si yo salgo diputado sería inmoral de mi parte promover que las empresas italianas emigren de Italia y vengan a América del Sur a instalarse. A mí me pagan el salario de parlamentario el pueblo italiano, por lo tanto tengo que tratar de que las empresas vuelvan a Italia, recuperar el made in Italy, que se ha perdido. Entonces yo no puedo decir cosas que no se van a poder plasmar. Por otro lado, si el que viene acá a invertir es un privado, yo no puedo exigirle a un privado que tome 200, 300 funcionarios, empleados o lo que sea, de origen italiano.

EC - Usted está aludiendo a propuestas de los otros candidatos.

EB - Estoy diciendo cuál es mi propuesta. Obviamente, cada uno argumenta lo que quiere en las campañas electorales.

RP - Primero digamos que no hay que hacer propuestas que generen falsas expectativas o que sean promesas electoralistas. Nosotros como Partido Democrático evidentemente tenemos una serie de propuestas, y esas propuestas están garantizadas por el propio Pier Luigi Bersani, que seguramente va a ser el primer ministro de Italia. Hay un documento que está circulando, un documento escrito y otro en video, donde el propio Bersani se compromete en los puntos que nosotros explicamos como propuesta.

No depende, como decía Graziano, de los dirigentes que actuaron últimamente el éxito de la situación de las colectividades italianas. El tema por ejemplo del consulado, atiende a una falta de recursos que el gobierno italiano, el gobierno Berlusconi e incluso ahora el gobierno de Monti, está retaceando. Por lo tanto los consulados no tienen el personal adecuado para poder presentar servicios adecuados a la realidad de la colectividad.

En cuanto a lo que decía Bacchia sobre el tema de las empresas. Hay un programa tanto de gobierno como de las regiones de promover la internacionalización de las empresas, sobre todo de las pequeñas, eso es un plan de gobierno del Estado italiano. Porque esas empresas para poder crecer tienen que proyectarse hacia el exterior, porque internamente el mercado de consumo italiano ya está saturado.

EC - ¿Está saturado o está especialmente saturado por la crisis?

RP - Hay una reducción de consumo por la gran crisis, y también hay una saturación de mercado, las dos, que impactan doblemente. Por lo tanto una salida para las empresas, sobre todo para las pequeñas, sería acogerse a esos planes de internacionalización. Y cosas que serían muy útiles incluso para los países receptores. Para Uruguay, con su composición incluso a nivel de la producción, el modelo italiano sería adecuadísimo. En Río Grande del Sur hay una gran experiencia, porque se ha importado ese modelo de la pequeña y mediana empresa italiana, y el que promovió ese modelo fue nada menos que Lula, fue Lula que fue a la Emilia Romaña y elaboró ese proyecto.

EC - Antes de escuchar a Graziano, creo que Lamorte quería contestarle a Bacchia.

AL - Directamente, el tema es muy importante, Italia ha hecho mucho esfuerzo y ha invertido muchísimo dinero para que las empresas italianas puedan tener este recurso de la italianidad en el mundo, y fortalecer esos lazos y esos vínculos, y todos los partidos lo han hecho. En este caso particular es desconocer la realidad que está viviendo hoy Italia, que justamente está buscando “hacer la América” nuevamente, así como tuvimos abuelos y padres inmigrantes que tuvieron que salir a buscar ese futuro, hoy las empresas italianas es la oportunidad, salir a buscar los mercados para crecer los mercados para crecer en conjunto. Y Uruguay les puede dar esa respuesta.

EC - ¿Y eso cómo beneficia a la comunidad italiana en Uruguay?

AL - Generando proyectos en común, generando a través de la pequeña y mediana empresa, que tiene mucho que ver con nuestra realidad, en posibilidades concretas de crecimiento. Con planteos de política y política entre Estado y Estado de comercio, un sportello de comercio donde haya proyectos concretos, porque si no, no se viene a invertir tampoco.

EC - ¿Palermo?.

RP - Ese plan de internacionalización que tiene Italia contempla el partenariato con la parte de las comunidades italianas.

EC - Graziano, ¿por dónde vienen tus propuestas?

GP - El punto de partida es el enfoque con el que encaramos la campaña. Es decir, mientras la mayor parte de los representantes de otras listas de alguna manera están supeditados a esquemas políticos que vienen de Italia –Renato explicó muy bien cómo funciona el Partido Democrático, es una especie de cosechadora de votos para el Partido Democrático de Italia, para afianzar las posiciones del Partido Democrático en Italia, y en función de eso establece su programa—, nosotros encaramos la cosa al revés, planteamos usar el peso político de los votantes de América del Sur para obtener determinadas soluciones que se encaran.
No estamos esperando que el caudillo de roma diga “está bien, pónganles a estos muchachos tal punto del programa”, sino que vamos a usar el peso político de una banca en el Parlamento que quizás pueda ser decisivo, porque todos los sondeos apuntan a un equilibrio de fuerzas en el Senado y un voto puede ser decisivo, ese voto va a permitir reforzar el consulado sin esperar que ningún partido italiano se ponga de acuerdo, va a permitir seguramente convencer al ministro de Transporte de Italia para que vuelva Alitalia al Uruguay, la compañía aérea italiana, cosa que hace 40 años que no ocurre, pese a que en Uruguay hay 108.000 personas con pasaporte italiano. Y creo que va a permitir convencer a la RAI para que reabra la oficina en Montevideo con miras a una gran coproducción audiovisual entre América del Sur e Italia.

EC - Bacchia, pateó el tablero con su intervención generó un lío. ¿Tiene algo más para agregar en ese punto?

EB - Muy cortito. Creo que se está perdiendo el enfoque de lo que es ser un parlamentario italiano, se está mirando con el enfoque uruguayo, de ser un político uruguayo. Reitero, cuando uno es elegido parlamentario italiano tiene que defender los interesas de todos los italianos, pero de los que están en Italia. Yo no puedo ir a Italia a generar desempleo, a decirles a las empresas que partan.

EC - ¿Por dónde vienen sus propuestas?

EB - Primero, como partido político, transformarnos en el fiel de la balanza. Vale decir, el Parlamento italiano está compuesto por más de 1.000 integrantes entre el Cámara del Senado y la Cámara de Diputados, y los senadores vitalicios. Lo que se nos adjudica a la circunscripciones exteriores son 18 bancadas, 6 senadores y 12 diputados. La incidencia que podemos llegar a tener nosotros porcentualmente estamos hablando de un 1,7% o un 1,8% de grado de representatividad, es irrisorio. ¿Cómo pueden pesar los italianos en el exterior en definir y en conquistar sus logros? Transformándose en el fiel de la balanza. Vale decir, que vayamos por partidos políticos independientes como el nuestro o el caso de Graziano, y no integrar partidos políticos italianos, porque esos senadores y diputados que salen por los partidos políticos italianos se pierden dentro de la mayoría. Si el Partido Democrático saca 200 parlamentarios, un parlamentario de la circoscrizione estero o dos no pueden pesar. En cambio 18 uniéndose después, transformándose en un partido “estero” sí pueden inclinar la balanza a favor o en contra.

EC - Parece atendible el argumento que manejan Bacchia y Pascale. ¿Qué dicen del otro lado de la mesa los que tienen conexión con partidos de la propia Italia?

AL - Nosotros estamos apoyando claramente a la agenda Monti, estamos apoyando el premier Monti para que siga adelante con esta recuperación de confianza en Italia. Y es increíble el planteo de “nosotros no tenemos nada que ver con la política, pero después vamos a incidir en la política y vamos a decidir”, no tienen una filosofía de fondo, no tienen una filosofía de política, dicen que no quieren participar de la política y están alejados de los partidos, pero después van a decidir específicamente justamente en la elección del premier y también en la realidad en Italia. Es incomprensible.

RP - Yo quería aclarar los conceptos que vierte Graziano, porque no es que nosotros hacemos lo que al partido le sirve, es al revés, el partido hace lo que la estructura de América del Sur le propone. Y tenemos de garantía una carta de Bersani que está circulando, que ha llegado a todas las casas, en la que Bersani se compromete con las propuestas que nosotros estamos difundiendo aquí.

GP - Pero acá no venimos a votar a Bersani.

RP - ¿Y a quién vas a votar?

GP - A los representantes de Uruguay.

RP - Una banca…

GP - Sí señor, una banca, para eso estamos.

RP - ¿Una banca puede traer la Alitalia?, una empresa fundida…

GP - Para eso estamos.

RP - Iberia no fue rentable, a pesar de haber tenido muchos años de servicio con el Uruguay, ¿y nosotros vamos a traer a Alitalia, una empresa que está fundida? Alitalia está fundida.

GP - No, va a San Pablo y a Buenos Aires, ¿por qué no viene a Uruguay?

RP - Yo te pregunto qué consultas has hecho que garantizan que Alitalia puede venir. Porque hay que tener un poco de responsabilidad cuando uno hace la propuesta.

GP - Y yo la tengo, el gobierno uruguayo acaba de bajar la nafta un 8%, es un aliciente para que venga Alitalia.

RP - El movimiento que tú representás ¿qué consultás ha hecho a nivel italiano para que esa propuesta, y las otras que ustedes hacen, tengan una cierta garantía?

GP - ¿A quién le tengo que pedir permiso? ¿A Roma, a Bersani?

RP - Yo no le puedo prometer a la gente, sabiendo que a lo sumo voy a tener una banca, porque la lista de ustedes a lo sumo podrá lograr una banca, con una banca prometer cosas que parecen ilógicas en la realidad actual.

GP- ¿Cómo ilógico?

EC – Bacchia está pidiendo la palabra, a ver si cortamos esta polarización…

EB - Italiani per la Libertà, la lista que yo integro, apunta a cosas más importantes. Nosotros creemos que los candidatos tienen que ser partidos independientes y transformarse en un nuevo partido después de la elección y ser el fiel para poder defender nuestros ideales. Por otro lado, lo que acá tenemos que defender a capa y espada, es el consulado que tenemos, que corre riesgos de ser eliminado, un consulado que tiene una estructura de funcionarios que en su momento operaba para 10.000 ciudadanos italianos, hoy somos 106.000 y seguimos teniendo la misma cantidad de funcionarios. Tenemos 20.000 solicitudes de ciudadanía en espera, o sea que eso se puede transformar en 50.000 ciudadanos más, y tenemos una ley por la que Italiani per la Libertà está peleando, que es la derogación de la ley de 1948 con respecto a la ciudadanía sobre los derechos de la mujer. Si esa ley se llegara a abolir, los consulados van a quedar desbordados.

EC – Lamorte, ¿algo más para agregar?

AL - El electorado tiene que saber a quién va a votar y cuál es la reacción como partido político, como lista, tiene que saber quién está tomando la decisión, porque es una decisión que van a tener que asumir los representantes por Uruguay, a quién apoyar y a quién votar. Por eso lo decimos claramente, como democristianos vamos a apoyar a un democristiano, a Mario Monti, actual premier en Italia, que recompuso la confianza en Italia y que esa agenda pretendemos que siga adelante para bien de todos los italianos en el mundo. Por eso estamos plateando una creación de unidad, está faltando en la colectividad italouruguaya la unidad necesaria para alcanzar metas en común, y para eso vamos a seguir trabajando, entre otras cosas.

EC - Tengo una pregunta que les han hecho a ustedes varios de nuestros oyentes que están siguiendo este debate. Ustedes, que además de italianos son uruguayos, ¿qué posición tienen con respecto a la habilitación del voto de los uruguayos residentes en el exterior?

GP - Yo por suerte hace dos o tres años aquí en la Tertulia, cuando un tema de este tipo se planteó, recuerdo que ante una iniciativa creo que fue el diputado Trobo que la había presentado, de habilitar el voto a los uruguayos en el exterior creando circunscripciones fuera del país, dije que me parecía el sistema adecuado. Lo sigo pensando, me presento en un sistema que así lo reconoce, soy favorable a que los uruguayos en el exterior tengan su representación en función de los intereses de las comunidades y de los territorios donde ellos viven.

EB - Yo con respecto al voto en el exterior en lo que concierne a la política uruguaya no opino, sí emito un juicio sobre la política italiana. Entiendo que está bien, pero entiendo que es insuficiente la cantidad de bancadas que se nos adjudican.

AL - Nosotros hemos trabajado en este caso en la política uruguaya, siempre hemos intentado recomponer todo lo que son los vínculos de los uruguayos en el exterior, trabajamos en aquel momento ayudando con ideas y demás a Trobo, que presentó un proyecto específico, que era eso, la representación en el exterior. Son regímenes distintos, pero el italiano tiene la particularidad de tener una experiencia, y creo que se puede volcar a través de toda esta realización de votaciones la experiencia que ya tuvimos. Y por supuesto se elige distinto el presidente y el gobierno de Italia, en este caso el primer ministro; es un régimen parlamentario, acá es presidencialista, tiene una serie de características un poco distintas, pero la filosofía de la participación por supuesto que la apoyamos y hemos trabajado para eso.

RP - Nosotros estamos plenamente de acuerdo en que se implante el voto de los uruguayos en el exterior. Incluso como organización hemos participado apoyando toda la gestión del Departamento 20, sobre todo en las estructuras intermedias. Los italianos no solo tienen el voto en el Parlamento, sino que también tienen otros organismos, como comites y gge, el comité es una representación local, el gge es una representación a nivel mundial, pero que funciona como un organismo y es donde se elaboran todas las políticas referentes al tema emigración.

Nosotros queremos que en el Uruguay no solo se estructure el voto en el exterior, sino que también se genere y se consoliden estos organismos intermedios.

GP - hay que aclarar que las propuestas que se habían conocido en Uruguay implicaban un sistema distinto de este que estamos planteando nosotros y por el cual nos presentamos. Es decir, habilitar el voto al barrer de los uruguayos en el exterior implicaría, por ejemplo, que una persona que vivió 30 años en Toronto o en Sidney termine eligiendo el diputado de Soriano o de Lavalleja. Cosa que no ocurre en el caso italiano, porque estamos eligiendo representantes por el territorio donde nosotros vivimos.

EC - ¿Hasta cuándo tienen tiempo para votar los italianos residentes en Uruguay?

AL - Hasta el 21 pueden hacer llegar el sobre a través de Abitab. Pero que lo hagan antes, porque el 21 es el último día.

GP - En Abitab hasta el 20, y hasta el 21 a las 16 horas en el consulado.

AL - Que voten antes...

EB - Y quiero aclararle a la gente que se apure a votar, porque ayer estuve con la cónsul y me decía que hasta ayer solo se habían recibido 1.500 sobres de votación en el consulado.

agrega un comentario


El voto decisivo de los italianos en el exterior
Por Claudio Zin contra los partidos tradicionales - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 8:42 PM

Los comicios en Italia abrirán, sin duda, el juego a necesarios acuerdos entre distintas fuerzas y coaliciones partidarias. La novedad más saliente dentro de las habituales cuestiones que se instalan en torno a cualquier elección aparece ligada al surgimiento en franco ascenso de los polos de centroizquierda, en contraste objetivo con la merma en la imagen de la derecha y los conservadores.

En medio de una frágil coyuntura económica, Italia dirimirá el 24 y 25 de este mes la contienda política que enfrenta dos modelos de país totalmente opuestos. Convocadas anticipadamente, se desarrollarán con un cuadro político visiblemente polarizado.

La inocultable crisis que sorprendió a todos los que creían que, con el amparo de la comunidad europea, ningún país de la eurozona terminaría en circunstancias como las que hoy imperan en varios de los países del primer mundo ha producido, por un lado, la aparición de movimientos de matriz anarquista, y por el otro, la pérdida de consenso de los partidos tradicionales.

Si bien las encuestas dan el primer lugar al polo de izquierda, el sistema electoral parlamentario italiano provocará seguramente ante este mapa político que quien en las encuestas aparece como primero no tenga la mayoría necesaria en el Senado. Por lo tanto, ninguno de los que resulten elegidos podrá asegurar la gobernabilidad sin una alianza con el centro.

La ley electoral en Italia asigna a la coalición dominante un "premio de mayoría" que le permite controlar la Cámara de Diputados, pero para el Senado el "premio" se distribuye por región, lo cual tiende a equilibrar la relación de fuerzas entre los dos polos, el de izquierda y el de derecha, que se convertirán en la primera y la segunda minoría parlamentarias.

Por lo expuesto, ésta es una crisis que se convierte en una verdadera oportunidad para los parlamentarios elegidos en América del Sur, especialmente los elegidos en el MAIE, movimiento independiente nacido en la Argentina que esta vez se presenta no sólo en América del Sur, sino también en los otros tres colegios electorales (América del Norte, Europa y Oceanía), lo que seguramente le permitirá aumentar el número de diputados y senadores en representación de los italianos que residen fuera del país.

Como plataforma, el MAIE les da a esos italianos que viven fuera de su tierra la posibilidad de adquirir mayor peso político e influir en las decisiones de gobierno y en la próxima agenda política italiana. También apuesta a convencer al gobierno italiano de que hay nativos fuera del país que necesitan de su patria y que hay residentes en el exterior que pueden ayudar recíprocamente a Italia. Además de impulsar una ley que brinde cobertura médica a los italianos nativos que se encuentran en una situación económica complicada; mejorar la atención en los consulados, que es una cuenta pendiente; obtener el reconocimiento del gobierno argentino respecto del derecho de los italianos que residen aquí a percibir sus pensiones en euros, y la promoción de la lengua y la cultura italianas para que puedan acceder también los que no pueden pagar una enseñanza privada. Estas propuestas son posibles y para lograrlo hay que votar.

Precisamente por estos días están llegando los sobres que envían los nueve consulados en la Argentina, y que incluyen las listas de candidatos a la Cámara de Diputados y al Senado de la República Italiana. En el mundo, con cuatro colegios electorales, se eligen seis senadores y doce diputados. Dos de los primeros y cuatro de los segundos representarán a la circunscripción América Meridional, la nuestra, que comienza en Venezuela y finaliza en Tierra del Fuego, la segunda en importancia luego de Europa, con 1.340.000 electores.

Históricamente -ésta es la tercera elección-, votó algo más del 50% (el voto no es obligatorio) de los ciudadanos habilitados en el padrón electoral de los italianos en el exterior, o sea unos 650.000, de los cuales la mitad viven en la Argentina; de allí la importancia que tiene nuestro voto, que en definitiva es decisorio.

agrega un comentario


Italianos en Argentina votan para renovar el Parlamento en Roma
Por que se vayan to2 que no quede ni 1 solo - Wednesday, Feb. 13, 2013 at 8:44 PM

EL PROCESO SE DESARROLLA HASTA EL 21 DE FEBRERO
Italianos en Argentina votan para renovar el Parlamento en Roma

La elección moviliza a la colectividad italiana de La Plata, Berisso y Ensenada, con 23.495 ciudadanos aptos para sufragar

Casi cuatro millones de italianos residentes en el exterior tienen derecho a votar por tercera vez en las elecciones legislativas de Italia que se celebrarán el 24 y 25 de febrero próximos. Los emigrantes italianos o sus descendientes con pasaporte italiano están autorizados a votar en todo el mundo, según indica en su página de internet el Ministerio de Relaciones Exteriores de Italia.

Los votantes en el exterior quedaron habilitados en 2006 para elegir por primera vez sus representantes debido a una reforma constitucional que les reservó 18 bancas (12 diputados y seis senadores) en el Parlamento de Italia. La ley electoral dividió el mundo en cuatro circunscripciones electorales: Europa, América del Sur, América del Norte y África, Asia y Oceanía.

DOS SENADORES Y TRES DIPUTADOS

A América del Sur, con poco más de un millón de votantes, le otorgaron dos lugares en el Senado y tres en la Cámara de Diputados.

Las elecciones revisten especial interés en Argentina, que representa la segunda mayor colonia fuera de Italia, detrás de Alemania.

Los ciudadanos italianos elegidos en el exterior tienen idéntico derecho a voto y debate que los representantes italianos residentes en la península.

Siete listas con candidatos a la circunscripción América del Sur se enfrentan este año, entre ellas representantes de las dos mayores alianzas del país, el Pueblo de la Libertad (PDL), del magnate de la comunicaciones y ex primer ministro Silvio Berlusconi, y del Partido Democrático (PD), de centro izquierda, liderado por el ex comunista Pier Luigi Bersani, así como candidatos del Movimiento 5 Estrellas del cómico “anticasta política” Beppe Grillo.

Entre los candidatos de Sudamérica está la actriz argentina Iliana Calabró, candidata a la Cámara de Diputados con Italianos por la Libertad (IPL), la formación fundada por el ex embajador argentino ante el Vaticano Esteban Caselli, actualmente senador y que va por la reelección. “No hablo italiano, pero no importa”, declaró la actriz al diario Il Corriere della Sera.

Uno de los italo-argentinos que entraron en el Parlamento de Roma en 2006, el diputado Ricardo Merlo, encabeza su propia lista con el Movimiento Asociativo Italianos en el Exterior (MAIE), con Claudio Zin como candidato a senador. En tanto, Darío Ventimiglia (Senado) y Eugenio Sangregorio (Diputados) se postulan por la Unión Sudamericana de Emigrati Italian (USEI)i; y Francisco Rotundo (Senado) y el popular actor Gino Renni (Diputados) van por la lista “Sinistra, Ecología y Libertá” del centroizquierdista Partido Democrático.

En este marco, aproximadamente 1,5 millones de italianos o italoargentinos empadronados podrá votar por cuatro bancas para diputados y dos para senadores como representantes de nuestra circunscripción.

A NIVEL LOCAL

En La Plata, Berisso y Ensenada hay 23.495 electores en condiciones de votar. El voto se realiza por correo. Los votantes residentes en Argentina ya están recibiendo en sus domicilios una carta con las boletas electorales y un instructivo sobre la votación. También reciben un sobre con franqueo pago para que se devuelva el voto echando la carta en un buzón del Correo Argentina. Si llegado el día 9 de febrero el elector no recibió el sobre, debe comunicarse con el Consulado correspondiente (en La Plata, calle 48 Nº 869, TE. 4395528) para averiguar si está inscripto en el padrón electoral de los italianos en el exterior. Si no lo está, no podrá votar. Si lo está y no recibió el sobre, deberá reclamar una copia de la boleta electoral. No hay lista sábana y se vota por preferencia.

La fecha de votación de residentes en el exterior (es voluntario, no obligatorio) se extenderá hasta el lunes 21 antes de las 16 hs., ya que -como se dijo- las elecciones en Italia están previstas para el 24 y 25 de febrero.

Actualmente, en el Parlamento saliente italiano hay cinco legisladores argentinos (dos diputados -Ricardo Merlo y Guiseppe Angeli- y dos senadores -Mirella Giai y Esteban Caselli).

Las elecciones del 24 y 25 de febrero en Italia se presentan muy reñidas y el favorito a formar gobierno, el centroizquierdista Partido Demócrata (PD), de Pier Luigi Bersani, no termina de sacar ventajas definitivas sobre las agrupaciones de Silvio Berlusconi (derecha) y del premier saliente Mario Monti (centro).

Esta particular situación, en el marco de una de las más severas crisis de Europa, realza la potencial importancia de los legisladores que enviarán al Parlamento los italianos residentes en el exterior, cuyas bancas pueden resultar cruciales a la hora de contar los legisladores para formar gobierno.

NOTAS RELACIONADAS

Algunos postulantes de las principales listas
Un platense, entre los candidatos

Enlaces patrocinados
ESTUDIO JURIDICO CONTABLE
JUBILACIONES ANSES - IPS AMAS DE CASA - AMPAROS Tel.: (0221) 427-5101, 8 a 19hs
Ver más Info
Soy pincharrata
Minuto a minuto todo lo que pasa en Estudiantes, el León de América
Comprobalo aquí
Suplemento DECO
Todas las tendencias de decoración, arquitectura y paisajismo
Clic aquí
MOTORES ARGENTINOS
La forma más fácil de llegar a su próximo vehículo
Ver todos los autos
tu aviso en eldia.com
Ir al inicio de la nota

Destacamos

El Barce­lona goleó y se floreó con Messi y todas sus figuras
El equipo culé venció por 6 a 1 al Getafe y se escapó aún más en la cima de la Liga Española. La Pulga convirtió el segundo más

De La Habana a La Plata por amor
Es una pres­ti­giosa cantante cubana, que giró por todo el mundo y desde hace cuatro años vive en La Plata. Conoció el país en 2008 y terminó... más

La falta de insumos básicos pone en jaque a los hospitales bonaerenses
Escasean desde gasas y suero hasta guantes estériles. Los médicos advierten que están trabajando en condiciones de riesgo más

Eto`o denunció que quieren asesi­narlo
El delan­tero came­runés acusó a la federa­ción de fútbol de su país de querer atentar contra su vida. Quiere asesin­arme, expresó lisa y... más
powered by plista



Avisos Clasificados
COMPRA Y VENTA DE AUTOMOTORES
13/02/2013
Vendo Gol 1. 6 diesel mod. 98 al día, VTV, 140. 000 km. , 25. 000. Tel. 221 - 15 - 502 - 3495.
COMPRA Y VENTA DE AUTOMOTORES
13/02/2013
!!!Los mejores planes adjudicados y sin adjudicar en www. randazzoautomotores. com. ar
COMPRA Y VENTA DE AUTOMOTORES
13/02/2013
Fiesta One Max 2010 Ambiente Plus 1. 6 MP3 línea nueva, excel. urgente permutaría, 15 - 665 - 0928, ID 717*630
COMPRA Y VENTA DE AUTOMOTORES
13/02/2013
Suran SDI 08, Passat 99, Amarok 2. 0 TD 11, Polo Classic 4p. 05, Gol 3p. 08, Voyage Conf. 1. 6/10, Honda Fit 09, tomamos usados!!! Peara 484 - 7200, Cno. Centenario y 509
COMPRA Y VENTA DE AUTOMOTORES
13/02/2013
Dueña vende 207 XR 5p. 2011, 17. 000 km. Tel. 15 - 633 - 4886

Lo más votado de eldia.com

Batalla campal en protesta de taxistas, que siguen de paro
Poco antes del mediodía protagonizaron un violento enfrentamiento en Plaza Moreno que incluyó pedradas y hasta disparos de armas de fuego que dejaron al menos dos heridos. Los chóferes hablan de una "emboscada", mientras que desde el Municipio indicaron que se trató de una “pelea interna gremial”
Un platense, testigo privilegiado de la histórica renuncia papal
La magia de la comida afrodisíaca
Facundo Pereyra: “Con tal de ganar, yo juego hasta de arquero”
Gimnasia debe alejarse de esa polémica inútil
Una infancia entre City Bell y Villa Elisa
Estatales temen que el aumento quede licuado por Ganancias
Investigan muerte de una mujer de 41 años en una vivienda de 522 bis y 7

INGRESE A LAS PRINCIPALES SECCIONES Y SUPLEMENTOS DE NUESTRO SITIO:
El Mundo - El País - Provincia - La Ciudad - Deportes - Información General - Espectáculos - Policiales - Opinión - El Tiempo - Farmacias - Impresa

CUBO - DECO - Joven - Gourmet - Noche Platense - Mujer - Norte - Revista Domingo - Rugby - Pesca - Séptimo Día - Sociales - Especiales

City Belle-PropiedadesLa 99.1HudsonPresenteFM La RedondaMotoresArgentinosNotibonaerenseQuilmesPresenteLaPlataVive
Publicidad
Receptorías
Contáctenos
Contacto con el Editor
Registro
Mi Perfil
Condiciones de Uso
Información para Usuarios
Versión Móvil
Noticias RSS
Noticias en su Web
Titulares por e-mail
Club de Lectores
Cartas de Lectores
Ediciones Anteriores
Todos los títulos
© Copyright 1998-2013 El Día S.A. Contáctenos | Página de Inicio | Mapa del Sitio | Versión Móvil

Miembro del IAB. Internet Advertising Bureau

agrega un comentario


todo esto es interesante pero ¿lleguaran los sobres a tiempo?
Por FARNESINA - Sunday, Feb. 17, 2013 at 11:55 PM
politiche2013@esteri.it Tel. 0039 - 06.36911 Piazzale della Farnesina, 1 00135 Roma

Interesante todas estas cosas pero ¿lleguaran los electores a enviar los sobres a tiempo? Aquí especifica: g) el sobre así confeccionado debe ser remitido por Correo Argentino, de modo que llegué a la Oficina Consolarme antes de las 16 horas (hora local) del 21de febrero 2013

h) las boletas recibidas después de ese horario no podrán ser escrutadas y serán incineradas.

Si nó lean lo siguiente:

ELEZIONI POLITICHE 24-25 FEBBRAIO 2013
Con il D.P.R. n. 226 del 22 dicembre 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 299 del 24 dicembre 2012, sono state indette le elezioni per il rinnovo della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica, che si terranno in Italia nei giorni 24 e 25 febbraio 2013.
Gli elettori residenti all’estero e alcune specifiche categorie di connazionali temporaneamente all’estero per motivi di servizio o missioni internazionali potranno votare per corrispondenza in occasione di tali consultazioni.

1. VOTO PER CORRISPONDENZA DEI CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO
2. VOTO PER CORRISPONDENZA DEI CITTADINI ITALIANI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO PER MOTIVI DI SERVIZIO O MISSIONI INTERNAZIONALI

1. VOTO PER CORRISPONDENZA DEI CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO
Il voto è un DIRITTO tutelato dalla Costituzione Italiana. In base alla Legge 27 dicembre 2001, n.459, i cittadini italiani residenti all’estero, iscritti nelle liste elettorali della circoscrizione estero, VOTANO PER POSTA.
È POSSIBILE IN ALTERNATIVA SCEGLIERE DI VOTARE IN ITALIA PRESSO IL PROPRIO COMUNE, comunicando per iscritto la propria scelta (OPZIONE) al consolato entro i termini di legge. I termini per la scelta (opzione) di votare in Italia sono scaduti il 3 GENNAIO 2013 (10° giorno successivo all’indizione, secondo le previsioni di legge). Gli elettori che scelgono di votare in Italia in occasione delle prossime elezioni politiche, ricevono dai rispettivi comuni italiani la cartolina-avviso per votare - presso i seggi elettorali in Italia - per i candidati nelle circoscrizioni nazionali e non per quelli della Circoscrizione Estero. Se si è scelto di rientrare in Italia per votare, la Legge NON prevede alcun tipo di rimborso per le spese di viaggio sostenute, ma solo agevolazioni tariffarie all’interno del territorio italiano.
A ciascun elettore residente all’estero, che non abbia optato per il voto in Italia entro il 3 gennaio, il Consolato competente invia per posta al domicilio, entro il 6 febbraio, un plico contenente: un foglio informativo che spiega come votare, il certificato elettorale, la scheda elettorale (due per chi, avendo compiuto 25 anni, può votare anche per il Senato), una busta completamente bianca in cui inserire le schede votate, una busta già affrancata recante l’indirizzo dell’Ufficio consolare stesso, le liste dei candidati della propria ripartizione.
L’elettore, utilizzando la busta già affrancata e seguendo attentamente le istruzioni contenute nel foglio informativo, dovrà spedire SENZA RITARDO le schede elettorali votate, in modo che arrivino al proprio Consolato entro - e non oltre - le ore 16 (ora locale) del 21 febbraio.
Il voto è personale e segreto. E’ fatto divieto di votare più volte e inoltrare schede per conto di altre persone. Chiunque violi le disposizioni in materia elettorale, sarà punito a norma di legge.

In caso di mancata ricezione del plico elettorale entro il 10 febbraio, gli elettori potranno recarsi di persona all’Ufficio consolare di riferimento per verificare la propria posizione elettorale: nel caso in cui i nominativi già figurino nell’elenco degli elettori in possesso dell’Ufficio consolare, si potrà ottenere un duplicato del plico elettorale, mentre in caso contrario si potrà chiedere al consolato di attivare le procedure per essere aggiunti all’elenco degli elettori.

2. VOTO PER CORRISPONDENZA DEI CITTADINI ITALIANI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO PER MOTIVI DI SERVIZIO O MISSIONI INTERNAZIONALI.
Ai sensi del Decreto-legge 18 dicembre 2012, n. 223, possono votare per corrispondenza, previa apposita dichiarazione, le seguenti tipologie di elettori temporaneamente all’estero per motivi di servizio o missioni internazionali:
appartenenti  alle  Forze  armate  e  alle  Forze  di   polizia temporaneamente all'estero in quanto impegnati nello  svolgimento  di missioni internazionali; 
dipendenti di amministrazioni  dello  Stato,  di  regioni  o  di province autonome, temporaneamente all'estero per motivi di servizio, qualora la durata prevista della loro permanenza all'estero,  secondo quanto attestato  dall'Amministrazione di appartenenza, sia  superiore a tre mesi e inferiore a  dodici  mesi,  ovvero  non  siano  comunque tenuti ad iscriversi all'AIRE ai sensi della legge 27  ottobre  1988, n. 470, nonché, qualora non iscritti  alle  anagrafi  dei  cittadini italiani residenti all'estero, i loro familiari conviventi;
professori e ricercatori universitari  di  cui  al  decreto  del Presidente della Repubblica 11  luglio  1980,  n.  382,  titolari  di incarichi e contratti ai sensi dell'articolo 1, comma 12, della legge 4 novembre 2005, n. 230, e di cui alla legge  30  dicembre  2010,  n. 240, che si trovano in servizio presso  istituti  universitari  e  di ricerca all'estero per una durata complessiva di almeno  sei  mesi  e non più di dodici mesi che, alla data  del  decreto  del  Presidente della Repubblica di convocazione dei comizi, si trovano all'estero da almeno tre mesi, nonché, qualora non  iscritti  nelle  anagrafi  dei cittadini italiani all'estero, i loro familiari conviventi.
Tali elettori votano per la circoscrizione della Camera dei Deputati e la circoscrizione del Senato della Repubblica in cui è compreso il comune di Roma Capitale.
La procedura da seguire per l’ammissione al voto dipende dalla categoria di appartenenza:
I militari e i dipendenti pubblici dovranno trasmettere la dichiarazione al comando o amministrazione di appartenenza entro il 20 gennaio 2013 (35° giorno antecedente alla data delle votazioni in Italia). I familiari conviventi dei dipendenti pubblici, qualora non iscritti all’AIRE, dovranno presentare anche la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà in ordine allo stato di familiare convivente. 
I professori universitari dovranno far pervenire la dichiarazione, entro il 20 gennaio 2013, direttamente all’Ambasciata/Consolato di riferimento, unitamente alla dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che attesti i requisiti di servizio e permanenza all’estero previsti dalla norma. I familiari conviventi dovranno presentare anche la dichiarazione sostitutiva relativa allo stato di familiare convivente, qualora non iscritti all’AIRE.
Il modello di dichiarazione è disponibile su questo sito e sui siti degli Uffici consolari.
I cittadini temporaneamente all’estero per motivi di servizio o missione internazionale esprimono il voto per corrispondenza anche negli Stati con i quali il Governo italiano non ha potuto concludere apposite intese e negli Stati con intese ma la cui situazione politica o sociale non consente l’esercizio del diritto del voto. A differenza di quanto disposto per i residenti in tali Stati, in nessun caso è previsto un rimborso del costo del biglietto.
I cittadini italiani che si trovino temporaneamente all’estero e non appartengano alle tre categorie sopraindicate potranno votare esclusivamente recandosi in Italia presso le sezioni istituite nel proprio comune di iscrizione nelle liste elettorali.
Eventuali chiarimenti sulle disposizioni di legge possono essere richiesti a politiche2013@esteri.it
Informazioni circa la propria posizione anagrafica o elettorale possono, invece, essere fornite esclusivamente dal consolato di riferimento.
ultima modifica: 01/02/2013

agrega un comentario


LISTA CANDIDATI PER CIRCOSCRIZIONE ESTERO DIVISI PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA
Por Ministero degli Affari Esteri - Monday, Feb. 18, 2013 at 12:08 AM
ministero.affariesteri@cert.esteri.it Tel. 0039 - 06.36911 Fax (+39) 06 3236210 Piazzale della Farnesina, 1 00135 Roma

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI DEL 24 - 25 FEBBRAIO 2013
CIRCOSCRIZIONE ESTERO — RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA, OCEANIA E ANTARTIDE

http://www.esteri.it/MAE/approfondimenti/2013/20130130Liste_Camera_Africa_Asia_Oceania_Antartide.pdf

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI DEL 24 - 25 FEBBRAIO 2013
CIRCOSCRIZIONE ESTERO — RIPARTIZIONE AMERICA MERIDIONALE

http://www.esteri.it/MAE/approfondimenti/2013/20130130Liste_Camera_America_meridionale.pdf

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI DEL 24 - 25 FEBBRAIO 2013
CIRCOSCRIZIONE ESTERO — RIPARTIZIONE AMERICA SETTENTRIONALE E CENTRALE

http://www.esteri.it/MAE/approfondimenti/2013/20130130Liste_Camera_America_settentrionale_centrale.pdf

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI DEL 24 - 25 FEBBRAIO 2013
CIRCOSCRIZIONE ESTERO — RIPARTIZIONE EUROPA

http://www.esteri.it/MAE/approfondimenti/2013/20130130Liste_Camera_%20Europa.pdf

ELEZIONE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 24 - 25 FEBBRAIO 2013
CIRCOSCRIZIONE ESTERO — RIPARTIZIONE AMERICA SETTENTRIONALE E CENTRALE

http://www.esteri.it/MAE/approfondimenti/2013/20130130Liste_Senato_%20America_settentrionale_e_centrale.pdf

ELEZIONE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 24 - 25 FEBBRAIO 2013
CIRCOSCRIZIONE ESTERO — RIPARTIZIONE AMERICA MERIDIONALE

http://www.esteri.it/MAE/approfondimenti/2013/20130130Liste_Senato_America_meridionale.pdf

ELEZIONE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 24 - 25 FEBBRAIO 2013
CIRCOSCRIZIONE ESTERO — RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA, OCEANIA E ANTARTIDE

http://www.esteri.it/MAE/approfondimenti/2013/20130130_Liste_Senato_Africa_Asia_Oceania_Antartide.pdf

ELEZIONE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 24 - 25 FEBBRAIO 2013
CIRCOSCRIZIONE ESTERO — RIPARTIZIONE EUROPA

http://www.esteri.it/MAE/approfondimenti/2013/20130130_Liste_Senato_Europa.pdf

agrega un comentario


mas info aqui
Por taringa.com - Monday, Feb. 18, 2013 at 12:49 AM

Quantas cosas encontré acerca de las elecciones italianas aqui che

http://argentina.indymedia.org/news/2013/02/831283.php

http://www.taringa.net/posts/noticias/16401397/Elezioni-politiche-2013---Manuale-elettorale.html

http://argentina.indymedia.org/news/2013/02/831511.php

agrega un comentario


bueno ¿y que?
Por ¿tenemos tiempo? - Monday, Feb. 18, 2013 at 1:11 AM
politiche2013@esteri.it

Interesante todas estas cosas pero ¿lleguaran los electores a enviar los sobres a tiempo? Aquí especifica: g) el sobre así confeccionado debe ser remitido por Correo Argentino, de modo que llegué a la Oficina Consolarme antes de las 16 horas (hora local) del 21de febrero 2013

h) las boletas recibidas después de ese horario no podrán ser escrutadas y serán incineradas.

VER TAMBIEN

Consejo electoral a todos los italianos residentes en el extranjero http://argentina.indymedia.org/news/2013/02/831053.php

Elezioni politiche 2013 - Manuale elettorale http://argentina.indymedia.org/news/2013/02/831283_comment.php#831297

Elezioni politiche 2013 - Manuale elettorale http://www.taringa.net/posts/noticias/16401397/Elezioni-politiche-2013---Manuale-elettorale.html

Elezioni politiche 2013 - Manuale elettorale http://argentina.indymedia.org/news/2013/02/831511.php

Elezioni politiche 2013 - Manuale elettorale
http://www.taringa.net/posts/noticias/16401397/Elezioni-politiche-2013---Manuale-elettorale.html

agrega un comentario


Mario Monti VAFFANCULO!
Por Jessi W - Monday, Feb. 18, 2013 at 8:30 PM

http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=iVfKWWWs96Y

agrega un comentario


CMI Network: www.indymedia.org Africa: ambazonia canarias estrecho kenya nigeria áfrica del sur Canada: london, ontario maritimes montreal ontario ottawa quebec thunder bay vancouver victoria windsor Asia del Este: burma jakarta japón korea manila qc saint-petersburg Europa: abruzzo alacant andorra anveres armenia atenas austria barcelona belarus bélgica belgrado bristol brussels bulgaria calabria croacia chipre emilia-romagna estrecho euskal herria galiza alemania grenoble hungría irlanda estanbul italia la plana liege liguria lille linksunten lombardia londres madrid malta marseille nantes napoli holanda niza northern england noruega nottingham oost-vlaanderen c.m.i. indymedia paris/Île-de-france patras piemonte polonia portugal roma romania rusia cerdeña escocia suecia suiza torun toscana toulouse ukraine gran bretaña valencia America Latina: argentina bolivia chiapas chile chile sur brasil sucre colombia ecuador méxico peru puerto rico qollasuyu rosario santiago tijuana uruguay valparaiso venezuela Oceania: aotearoa brisbane burma darwin jakarta manila melbourne perth qc sydney Asia del Sur: india mumbai Estados Unidos: arizona arkansas asheville atlanta austin austin baltimore big muddy binghamton boston bufalo charlottesville chicago cleveland colorado columbus washington, dc hawaii houston ny capital ciudad de kansas los ángeles madison maine miami michigan milwaukee minneapolis/st. paul new hampshire nueva jersey nuevo méxico nueva orleans north carolina north texas nyc oklahoma filadelfia pittsburgh portland richmond rochester rogue valley st louis san diego san francisco bahía de san francisco santa barbara santa cruz, ca sarasota seattle tampa bay tennessee urbana-champaign vermont western mass worcester Asia del Oeste: armenia beirut israel palestina proceso: fbi/legal al día listas de correo documentación técnico voluntarios proyectos: impresos radio tv satelital video regiones: estados unidos temas: biotech

Copyleft © 2001-2008 Argentina Centro de Medios Independientes (( i )). Copyleft: Se permite la copia, distribución y uso de los contenidos de Indymedia Argentina, siempre y cuando NO se utilice con fines comerciales, a no ser que se obtenga permiso expreso del autor y en todos los casos se reconozca la autoría (poniendo como fuente http://argentina.indymedia.org ). Las opiniones o artículos vertidos por lxs visitantes o colaboradorxs en el sitio pueden no reflejar las ideas de Indymedia Argentina. Usamos software libre. sf-active v0.9.4 Descargo | Privacidad